Pasta al ragù in vasocottura

Pasta al ragù in vasocottura…

La mia vita ha preso una strana piega… Ormai giro come una trottola impazzita e cerco di incastrare lavoro, palestra e impegni vari. Quello che dovrebbe essere solo un periodo transitorio, in realtà si sta trasformando in routine e io, nonostante sia contenta della mia incasinatissima vita, inizio a far fatica a seguire il tutto. Mi devo organizzare ancora meglio e la vasocottura mi aiuta davvero tanto. Rientro a casa esausta e molto tardi, quindi aver la possibilità di preparare la cena (e il pranzo del giorno dopo) buttando gli ingredienti dentro un vasetto e facendoli cuocere per soli sei minuti (più il tempo di riposo) per me è davvero molto importante. Non ringrazierò mai abbastanza la mia amica Katy per avermi fatto scoprire questo mondo meraviglioso! 😍

La pasta al ragù in vasocottura forse è la ricetta più semplice che io abbia mai fatto! Peso la pasta, la metto nel vasetto, aggiungo il ragù, un po’ d’acqua etc voilà! È tutto qua! È talmente banale che quasi mi vergogno a pubblicare la ricetta! Ma oggi a pranzo era buonissima, quindi ve la consiglio! Se poi ci aggiungete formaggio grattugiato molto stagionato (lattosio in tracce) a fine cottura diventa ottima e va bene per gli intolleranti al lattosio. Se lo evitate è completamente senza lattosio, adatto a chi è in disintossicazione (da lattosio).

Ora due righe sulla tecnica della vasocottura e poi subito la ricetta! 😉
IMPORTANTE. La tecnica della vasocottura è molto bella e interessante ma deve esser seguita in sicurezza, rispettando tutte le regole contenute nel Blog “Nel tegame sul fuoco” e studiando bene la tecnica originale così come spiegata da Rosella Errante. Mi raccomando, non sperimentate senza aver studiato bene il tutto.

Cliccate su questo link e trovate tutte le indicazioni e le regole da seguire per una VASOCOTTURA in sicurezza e senza rischi.

INGREDIENTI:

  • 80 gr di ditaloni rigati (o altra pasta stile “piccolini” della Barilla
  • 4 cucchiai di ragù già pronto
  • 3 cucchiai di acqua
  • 1 cucchiaio di formaggio grattugiato molto stagionato (eventuale)

PREPARAZIONE:

Pesare la pasta e metterla nel vasetto e aggiungere il ragù e l’acqua. Verificare che il vasetto sia pieno per 3/4 della sua capienza, altrimenti aggiungere un altro po’ di ragù. Riempire il vasetto per 3/4 della capienza. Questo è molto importante. Rispettare la regola dei 3/4 mi raccomando! A metà o meno dei 3/4 risulta pericoloso. Se invece lo si riempie troppo, non si lascia al vapore lo spazio per formarsi e allora il vasetto sfiaterà fuori sporcando tutto il microonde (ed è comunque pericoloso). Mescolare tutto, pulire i bordi, tappare e cuocere per 6 minuti alla potenza immediatamente inferiore a quella testata.

Lasciar riposare per circa venti minuti e, prima di servire, rimettere al microonde senza ganci per circa tre minuti (o finché il vasetto non si apre).

Servire caldo dopo aver condito con un cucchiaio di formaggio grattugiato molto stagionato.

CONSIGLI:

  • Formaggio grattugiato a lunga stagionatura: potete insaporire la pasta aggiungendo un cucchiaio di formaggio grattugiato a lunga stagionatura (lattosio in tracce) o, se siete in disintossicazione, del lievito inattivo in scaglie.
  • Sicurezza: ricordatevi di utilizzare SOLO i vasetti adatti per la vasocottura e di riempire il vasetto per 3/4 circa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *