Archivio Tag: pepe nero

Fagottini zucchine, speck e scamorza

Fagottini zucchine,speck e scamorza

Fagottini zucchine, speck e scamorza…

L’idea dei fagottini zucchine, speck e scamorza mi è venuta in un momento di disperazione: arrivata tardissimo a casa e dovevo organizzare qualcosa per cena ma, soprattutto, qualcosa da portare via per il pranzo in ufficio del giorno dopo.

Come sempre mi son venute in soccorso le basi pronte prodotte da Stuffer S.p.A., una azienda con cui collaboro già da tempo e mi trovo molto bene. Nella linea Crea con Stuffer son presenti parecchie basi pronte dolci e salate e son tutte totalmente senza lattosio. Io ne ho sempre una scorta in frigo da utilizzare per le emergenze o quando voglio togliermi qualche sfizio e ho poco tempo da passare dietro i fornelli.

Le ho provate praticamente tutte e le mie preferite restano sempre le classiche: brisée, sfoglia e soprattutto tutte quelle base pizza. C’è una bella scelta e infatti per i miei fagottini zucchine, speck e scamorza ho utilizzato la base pizza rettangolare che, devo ammettere, è una delle basi con cui mi trovo meglio.

Questa ricetta è veloce e semplice da preparare ed è adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me. Ho utilizzato la scamorza a fette che ha lattosio residuo <0,01% ma se vi crea problemi potete sostituire con un’alternativa vegetale.

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 1 confezione base pizza rettangolare
  • 120 g di scamorza senza lattosio (circa 10 fette)
  • 100 g di speck
  • 1 zucchina medio/piccola
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

Srotolare la base pizza rettangolare e tagliare in 8 quadrati.

Lavare bene la zucchina e tagliarla a rondelle sottili.

Adagiare le rondelle di zucchina suddividendole tra gli 8 quadrati di pasta e condire con un po’ di sale e pepe. Aggiungere lo speck tagliato a listarelle suddividendolo negli 8 quadrati. Fare la stessa cosa con la scamorza senza lattosio.

Chiudere ogni quadrato su se stesso dando la forma rettangolare dei fagottini e sigillare bene aiutandosi anche con i rebbi di una forchetta.

Spennellare con poco olio extravergine di oliva e cucinare in forno preriscaldato statico a 175°C per circa una ventina di minuti o finché non risultano belli dorati. In alternativa si possono cucinare i fagottini zucchine, speck e scamorza utilizzando il microonde in versione Crisp.

Lasciar riposare per qualche minuto e servire.

CONSIGLI:

  • Speck: può essere sostituito con prosciutto crudo salato o, se lo preferite, con prosciutto cotto.
  • Scamorza: io ne trovo una senza lattosio che non è male. Potete sostituire con il formaggio che preferite o aggiungere pochissimo gorgonzola che gli conferisce un sapore più deciso.
  • Zucchine: le ho messe a crudo per dare umidità al ripieno. Tagliate così a rondelle cucinano direttamente in forno.

Risotto con cavolo viola

Risotto con cavolo viola

Risotto con cavolo viola...

Oggi va così! L’apoteosi della sbadataggine! 🙈 Son riuscita a perdere il cellulare e il badge da timbrare per uscire dall’ufficio (per fortuna ritrovati entrambi 😁), ho rovesciato un bicchiere d’acqua e son riuscita pure a far cadere il frullatore ad immersione mentre frullavo il cavolo viola che, ovviamente, si è andato a spiaccicare sulla parte bassa dei pensili della mia cucina bianca! 🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️

E non è ancora finita! Chissà che disastro combinerò per cena! 😁😁😁 Mica posso fermarmi qua. 😅😅😅 Vi terrò aggiornati.

Ora è meglio se vi parlo del mio pranzo di oggi: il risotto con cavolo viola. L’idea (come sempre) mi è venuta mentre tornavo a casa dal lavoro. Mica posso mangiare un piatto di pasta semplice io! Sapete che ho questa fissa di voler mangiare sempre cose diverse. 😅😅😅 E soprattutto che facciano in fretta a cucinare.

Il cavolo viola l’ho cotto in vasocottura nel frattempo che il riso tostava (la cottura in vasocottura dura sei minuti in tutto), l’ho frullato facendo disastri in cucina (vedi sopra) e ho aggiunto la purea al riso in cottura. 😅Voi magari cercate di non combinare guai magari. 😉 E per la cottura del cavolo viola potete utilizzare una vaporiera che ci mette un po’ di più. Con entrambi i metodi il cavolo cappuccio viola tiene tutte le proprietà e non c’è bisogno di strizzarlo come quando lo prepariamo lesso. Poi se non utilizzate la vasocottura o non vi va di usare la cottura al valore, va bene pure lessare il cavolo; usate l’acqua di cottura come acqua per cucinare il risotto. 😉

Ho condito il risotto con cavolo viola con pochissimo formaggio grattugiato stagionato (lattosio in tracce), quindi posso dire che questa piatto è adatto a tutti gli intolleranti al lattosio come me. 😉 Se non vi piace potete ometterlo, in questo modo è adatto anche a chi segue una alimentazione di tipo vegano.

E ora ecco la ricetta! 😊

INGREDIENTI:

  • 1/4 circa di cavolo cappuccio viola
  • 80 g di riso
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di dado vegetale
  • Cipollotto fresco q.b.
  • Peperoncino q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Acqua bollente q.b.
  • Formaggio stagionato q.b. per condire (lattosio in tracce)

PREPARAZIONE:

Lavare bene il cavolo cappuccio viola, aggiungere sale e pepe, tagliarlo a listarelle sottili e cucinarlo al vapore (o in vasocottura o lesso). Tenere qualche listarella per guarnire e frullare il resto.

Soffriggere il cipollotto tagliato a pezzetti piccoli, aggiungere e far tostare il riso mescolando per qualche minuto.

Aggiungere il dado vegetale, il peperoncino e l’acqua bollente piano piano man mano che evapora continuando sempre a mescolare.

A metà cottura aggiungere la purea di cavolo viola e continuare sempre a mescolare.

A 2/3 della cottura spegnere il fuoco e tappare il risotto con cavolo viola. Lasciar riposare per 6 – 8 minuti, condire con il formaggio grattugiato stagionato, guarnire con le listarelle di cavolo viola e servire subito.

CONSIGLI:

  • Cavolo viola: è perfetto sia come gusto che come colore. Se non lo avete potete sostituire con il cavolo cappuccio solito. O con il cavolfiore.
  • Mantecatura: sì lo so che si fa con il burro e rende il risotto più cremoso. Ma io di solito preferisco evitare il burro (almeno che non abbia ospiti a pranzo ovviamente), anche se è senza lattosio. Spegnendo a 2/3 di cottura e lasciando riposare con il tappo per 6 – 8 minuti ottengo comunque un risotto cremoso. Pazienza per il sapore. 😁

Frittata di cavolo cappuccio

Frittata di cavolo cappuccio

Frittata di cavolo cappuccio…

Sabato sera assurdo, con la guerra in Ucraina in corso e le tante notizie, immagini e video che si susseguono.
Ho sperato sino all’ultimo non succedesse e invece non è stato così. E io son ancora incredula, non me ne capacito. Ognuno di noi reagisce in maniera diversa e, allo stesso modo, decide se parlarne o meno nei propri canali social o nel proprio blog.

Se non se ne parla, veniamo accusati di essere frivoli e superficiali e di pensare a cose poco serie… Ma vi assicuro che non è così! Anzi, è l’esatto opposto! 😥 Semplicemente (parlo per me ma vale anche per molti altri) non mi sento di avere le competenze e le conoscenze per poterne parlare e discutere in maniera razionale e non vorrei, seppur in buona fede, trasmettere o riportare informazioni errate o fuorvianti.

Ma questo non vuol dire essere superficiali o insensibili o frivoli… Vuol dire non prendersi responsabilità o accampare conoscenze che non si hanno perché, passatemi il sarcasmo, di tuttologi del web ne abbiamo abbastanza anche senza il mio personale contributo. 🤦‍♀️
Volevo solo fare questa piccola precisazione e spiegare perché non parlerò apertamente della guerra. Ma questo non vuol dire che io non sia preoccupata o che non passi il tempo ad informarmi e seguirne gli sviluppi. Ci tenevo solo a chiarirlo. 👍

La frittata di cavolo cappuccio nasce per caso, una sera che non avevo grossa voglia di cucinare ma qualcosa per cena la dovevo pur mangiare. 😁In frigo avevo del cavolo cappuccio già cotto, due uova e allora la cosa più semplice era proprio preparare una frittata.

Tutto normale eh? Peccato che poi abbia deciso di preparare una specie di paninozzo gigante con la frittata di cavolo cappuccio, la senape, la maionese e radicchio e lattuga per sentirmi meno in colpa. Et voilà! Mi son servita proprio una cena con i baffi! 😋

Il cavolo cappuccio io l’avevo già in frigo, cotto in vasocottura e pronto da utilizzare.
Per utilizzarlo nella frittata lo potete cucinare in vaporiera (viene buonissimo) oppure sbollentarlo finché non si ammorbidisce e poi scolarlo bene.

Per il pane vi consiglio di tagliarlo in due e grigliarlo leggermente in entrambi i lati, così verrà più buono.

La frittata di cavolo cappuccio è interamente senza latticini, adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me.

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

Per la frittata

  • 100 g di cavolo cappuccio già cotto
  • 2 uova
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

Per guarnire

  • 1 panino tagliato a metà e grigliato su entrambi i lati
  • 1 foglia di radicchio
  • 1 foglia di lattuga
  • Senape e maionese q.b.

PREPARAZIONE:

In una ciotola sbattere le uova, aggiungere il cavolo cappuccio, condire con sale e pepe e mescolare bene.

Cucinare la frittata di cavolo cappuccio in una padella antiaderente precedentemente oleata e lasciata qualche minuto sul fornello a riscaldare. Una volta cotta da un lato, girare e cucinare dall’altro lato. Per rendere più semplice tale operazione, si può utilizzare un coperchio piatto.

Tagliare la frittata a spicchi e adagiare su metà panino, guarnire con la senape e la maionese, aggiungere il radicchio e la lattuga, coprire con la restante metà del panino e servire.

CONSIGLI:

Si può preparare la frittata utilizzando anche altri tipi di cavolo come il cavolfiore o i broccoli. In entrambi i casi, vanno cotti prima.

Cavolo cappuccio stufato

Cavolo cappuccio stufato

Cavolo cappuccio stufato…

Io adoro i cavoli. Insieme alla zucca, penso sia la mia verdura invernale preferita. 🥰🥰🥰

Ma mi piacciono tutti tutti: cavolfiore, verza, broccoli, cavolo cappuccio, cavolo romano, etc. E di tutti i colori: bianco, giallo, viola. 😋😋😋

E poi posso contare su quelli del mio orto. Buonissimi e decisamente biologici.

Per preparare il cavolo cappuccio stufato son partita da quella che è una delle ricette tradizionali a casa mia: il cavolfiore stufato, che mia mamma cucina in maniera divina. 😋😋😋 Le ho chiesto di prepararlo giusto qualche giorno fa quando son andata a trovare i miei genitori nel mio paese natio. Era buonissimo. 😋😋😋

E ho deciso di fare una ricetta simile con il cavolo cappuccio lasciando tra gli ingredienti la pancetta ma non utilizzando le olive e cucinandolo in maniera leggermente diversa.

Ed ecco la ricetta del cavolo cappuccio stufato. Deliziosa e nemmeno tanto complicata da preparare. Solo che stavolta non ho le dosi esatte perché ho fatto “ad occhio”. Io vi metto ricetta e procedimento, poi ognuno di voi doserà gli ingredienti in base al suo gusto personale. 😊

Il cavolo cappuccio stufato è completamente senza latticini, adatto a tutti gli intolleranti al lattosio come me. 😊

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 1/2 cavolo cappuccio medio
  • 1/4 di cipolla
  • 40 g circa di pancetta affumicata tagliata a fette o dadini
  • 3 – 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare il cavolo cappuccio e tagliarlo a listarelle sottili. Stessa cosa fare con la cipolla (oppure tritarla molto sottile).

Soffriggere la cipolla nell’olio extravergine di oliva, aggiungere la pancetta e rosolare. Aggiungere il cavolo cappuccio tagliato a listarelle e girare mescolando bene.

Tappare, regolare di sale e pepe e cucinare a fuoco medio finché il cavolo cappuccio stufato non è cotto. Se fosse necessario, aggiungere un pochino di acqua bollente.

Servire il cavolo cappuccio stufato sopra una bruschetta o pane tostato (io ho scelto il pane carasau un pochino più grosso chiamato “pistoccu“, cioè biscotto perché resta molto croccante).

CONSIGLI:

  • Varianti: si può cucinare il cavolo cappuccio anche con pancetta e olive. Cliccate sulla ricetta del cavolfiore stufato per capire come si fa.
  • Cottura: dipende da voi. Io preferisco che il cavolo resti bello croccante ma a molti piace ben cotto. Decidete voi!

Pasta radicchio, pancetta e cipolla

Pasta radicchio, pancetta e cipolle

Pasta radicchio, pancetta e cipolla…

Tragitto casa/lavoro e lavoro/casa… Come lo trascorrete voi? Io con sottofondo musicale e, mentre vado al lavoro, penso a come organizzare la mia giornata (lavorativa). All’uscita dal lavoro, morta di fame (ma perché io ho sempre e comunque fame e penso sempre al cibo? 😆😆😆😅), la mia concentrazione va tutta a quello che mi devo organizzare per pranzo (o per cena se ho il rientro). E fin qui tutto bene, direte voi! E’ pure banale scriverlo.

Ma la mia follia mica si ferma qua. Io esco dal lavoro e penso che ho tanta fame, troppa fame e che alla fine mica ho tempo/voglia di cucinare. Mi basta anche solo un panino imbottito con “la qualsiasi” che trovo in frigo. Ma son veramente convinta eh! 😅😅😅 Ma poi ci penso e ci ripenso e tra me dico (in realtà pure a voce alta mentre sono sola in macchina🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️) che non si può sopravvivere con panini imbottiti e che devo mangiare in maniera più sana e bilanciata. E allora provo a fare mente locale di quello che offre il mio frigo e penso a cosa potrei cucinare.

Inizio dalle verdure (oggi ho pensato al radicchio) e immagino le varie ricette: risotto al radicchio? Ok, ma il riso lo vorrei preparare per domani da portare al lavoro insieme alla verdura fresca che ho acquistato oggi. E allora? Altri cereali no (ci mettono troppo tempo a cucinare) e quindi resta la pasta.

Bene, preparo la pasta, ho il radicchio in frigo e quasi quasi ci aggiungo pancetta e cipolla, così ottengo un primo piatto saporito, ciccioso come piace a me e il condimento cucina mentre cucina la pasta. Che tradotto vuol dire che con 10 – 15 minuti di preparazione al massimo, il mio pranzo è pronto.

Ed è così, da questo grandissimo e inutile film mentale, che nasce la mia ricetta di oggi: pasta radicchio, pancetta e cipolle. 😉 Che poi era pure buonissima! 😋😋😋 Mi è anche venuto in mente di aggiungere panna senza lattosio/vegetale o gorgonzola ma alla fine ho desistito: non avevo a disposizione il gorgonzola e in effetti entrambi avrebbero coperto il sapore degli altri ingredienti, rendendola anche più complicata da digerire.

La pasta radicchio, pancetta e cipolla contiene lattosio solo in tracce perché, per condire, ho utilizzato un formaggio stagionato grattugiato e non dovrebbe dare problemi a tutti gli intolleranti come me. Se non lo tollerate o siete allergici alle proteine del latte, potete omettere il formaggio stagionato grattugiato.

E ora ecco la ricetta!😉

INGREDIENTI:

  • 80 g di pasta di semola
  • 1 pezzetto di cipolla tritata
  • 20 – 30 g di pancetta
  • 4 – 5 foglie di radicchio
  • 2 – 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Formaggio stagionato grattugiato q.b. (eventuale per condire)

PREPARAZIONE:

In una pentola capiente, portare ad ebollizione acqua salata per cucinare la pasta.

Tritare la cipolla a pezzetti piccoli e la pancetta a cubetti o listarelle. Soffriggere la cipolla nell’olio extravergine di oliva e poi aggiungere e soffriggere la pancetta.

Nel frattempo buttate la pasta nell’acqua bollente.

Tagliare il radicchio a listarelle sottili e aggiungere alla cipolla e alla pancetta. Aggiustare di sale e pepe e far cucinare/appassire a fiamma media (se fosse necessario aggiungere pochissima acqua bollente).

Scolare la pasta e farla saltare nel condimento. Spegnere il fuoco, aggiungere il formaggio stagionato grattugiato e servire la pasta radicchio, pancetta e cipolla quando è ancora calda.

CONSIGLI:

  • Varianti: si può aggiungere della panna senza lattosio/vegetale, oppure del gorgonzola. Viene sicuramente buonissima, anche se io la preferisco così in versione più semplice.
  • Oppure si può aggiungere mascarpone e preparare il pasticcio di pasta radicchio e pancetta.

Zuppa rustica con ricotta e bietole

Zuppa rustica con ricotta e bietole

Zuppa rustica con ricotta e bietole…

Giorni fa guardavo un programma TV dove venivano presentati i piatti tipici e di derivazione contadina delle varie regioni. Una puntata in particolare era dedicata alla Toscana e, tra i piatti citati, mi è rimasta impressa la zuppa maremmana di ricotta, preparata con cipolle, pomodori, spinaci e ricotta.

Adoro i piatti rustici (e anche la cucina toscana) e quindi l’altro giorno, per consumare della ricotta senza lattosio che avevo nel frigo, ho pensato di prepararne una mia versione. Ovviamente non ho potuto utilizzare la ricotta di pecora originale (non ne ho ancora trovata una senza lattosio, mannaggia😥) e ho utilizzato quella vaccina senza lattosio. E anche gli spinaci (a me proibiti perché contengono tanta istamina) son stati sostituiti con le bietole.

E nonostante le mie sostituzioni, devo dire che la zuppa rustica con ricotta e bietole è venuta benissimo! Ragazzi, non mangiavo una cosa così saporita da un sacco di tempo. Pochi ingredienti ma buoni (ho utilizzato gli ultimi pomodori e le bietole del mio orto), una cottura lenta nel tegame di coccio, hanno conferito a questa zuppa un profumo e un sapore paradisiaci. La rifarò sicuramente a breve!

La zuppa rustica con ricotta e bietole contiene ricotta vaccina senza lattosio (lattosio residuo <0,01%) ed è adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me.

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 150 g di pomodorini ciliegina
  • 100 g di bietole (solo foglie senza gambi)
  • 90 g di ricotta vaccina senza lattosio (lattosio residuo <0,01%)
  • 40 g di cipolla
  • 2 – 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Pecorino o altro formaggio grattugiato stagionato (per guarnire)
  • Crostini di pane abbrustoliti (per guarnire)

PREPARAZIONE:

Tritare le cipolle sottili e farle soffriggere nell’olio extravergine di oliva. Quando son appassite, aggiungere i pomodorini tagliati a cubetti, un pizzico di sale fino e pepe nero e cuocere a fiamma media con tappo per circa 10 minuti o finché non si son sciolti creando un sugo.

Aggiungere la ricotta vaccina senza lattosio, amalgamare il tutto e cucinare a fuoco lento e col tappo per circa 5 minuti (se fosse necessario aggiungere un pochino di acqua bollente).

Tagliare le bietole private dei gambi bianchi a listarelle e aggiungerle alla zuppa. Mescolare, salare, pepare e cucinare a fuoco lento e con il tappo per circa 10 minuti. Se fosse necessario aggiungere un pochino di acqua bollente.

Spegnere il fornello e lasciar riposare la zuppa rustica con ricotta e bietole nella pentola col tappo per altri 15 – 20 minuti, così si completa la cottura.

Aggiustare di sale e pepe, condire con formaggio grattugiato stagionato e servire la zuppa rustica con ricotta e bietole accompagnata da crostini di pane abbrustoliti.

CONSIGLI:

  • Varianti: questa zuppa rustica per me è perfetta così. “Povera” come ingredienti ma, allo stesso tempo, son ben bilanciati come sapori e profumi e il risultato finale è strepitoso. Anche se… Confesso che ho immaginato una variante con l’aggiunta di salsiccia o con la sostituzione ricotta/salsiccia in contemporanea a quella bietole/cavoli. Prima o poi la proverò.
  • Ricotta vaccina: ha un sapore più delicato rispetto a quella di pecora. Se non siete intolleranti al lattosio (o se riuscite a trovare una ricotta di pecora senza lattosio) vi consiglio di utilizzare quella, per rendere il piatto ancora più gustoso.
  • Bietole/spinaci: la ricetta originale prevede l’uso degli spinaci (a me proibiti perché tendo ad avere istamina troppo alta). Si possono utilizzare al posto delle bietole.
  • Zafferano: la seconda volta che l’ho preparata l’ho aggiunto. Ci stava bene e conferiva un bel colore.

Pasta zucchine e pancetta

Pasta zucchine e pancetta

Pasta zucchine e pancetta…

Esco dal mio buen ritiro un attimo per lasciarvi la ricetta della pasta zucchine e pancetta, in occasione del World Pasta Day che si festeggia proprio oggi.

In realtà son oberata di impegni e scadenze e la pasta zucchine e pancetta è stato il mio pranzo veloce di oggi. 😂😂
Ormai va così! Ci son quasi, ma il cambiamento della mia vita iniziato a fine gennaio non è concluso. Prometto che entro Natale vi racconto tutto, sempre se finalmente ci siamo! 🤞🤞🤞 Tenete ancora tutto incrociato per me! 😍

Comunque da buona italiana e buona forchetta, come potevo non trovare una mezzora di tempo per omaggiare la pasta? 😍😍😍La adoro e la preparo in ogni modo. Ho una leggera preferenza per la pasta lunga, ma in effetti mi piace tutta. La mia pasta preferita? Penso vongole e bottarga, ma non disdegno nemmeno il resto.

E allora, mentre ascolto Louis Armstrong (non trovate che sia un sottofondo musicale perfetto per queste giornate autunnali?) vi lascio subito la ricetta! Solo una cosa, la pasta zucchine e pancetta contiene lattosio solo in tracce (nel formaggio stagionato grattugiato che ho utilizzato come condimento), quindi è adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me. Se volete, potete anche omettere il formaggio, la pasta viene saporita anche senza.😉

INGREDIENTI:

  • 80 g di pasta
  • 1 zucchina medio – grande
  • 30 g di pancetta
  • 2 – 3 cucchiai di olio di oliva
  • 3 – 4 foglie di basilico fresco
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Formaggio stagionato grattugiato q.b. (per condire)

PREPARAZIONE:

Tagliare le estremità della zucchina e poi dividerla a metà e poi in quattro parti nel senso della lunghezza. Tagliare a rondelle e cucinare in una padella antiaderente insieme all’olio extravergine di oliva, le foglie di basilico fresco e un pochino di sale fino e pepe nero.

Nel frattempo in una pentola capiente mettere a bollire l’acqua per cucinare la pasta (ricordarsi di aggiungere il sale).

Quando le zucchine son cotte, prelevarne i 2/3 e frullare in modo da ottenere una crema.

Buttare la pasta nell’acqua bollente e cucinare rispettando i minuti indicati nella confezione (o lasciandola qualche minuto in più se la preferite meno “al dente”).

Tagliare la pancetta a listarelle e soffriggere nel tegame insieme alle zucchine rimaste.

Scolare la pasta al dente e far saltare in padella con le zucchine e la pancetta, aggiungendo la crema di zucchine e, se fosse necessario, un pochino di acqua di cottura della pasta.

Spegnere il fornello, condire la pasta zucchine e pancetta con formaggio stagionato grattugiato e servire calda.

CONSIGLI:

Varianti: potete sostituire la zucchina con la zucca e aggiungere anche il rosmarino. La zucca va cotta in padella e poi frullata come se fosse una crema.

Moscardini grigliati su crema di patate

Moscardini grigliati su crema di patate

Moscardini grigliati su crema di patate…

Ho ripreso ad allenarmi e quasi a fare dieta. Ok non dieta ferrea dimagrante! ??? Ma dieta nel senso di mangiare in maniera più variegata e ordinata e cercando di tenere a freno la mia golosità e dosando meglio nutrienti e quantità.

Devo ammettere che sto meglio! Davvero meglio! ??? Mi sento più energica e felice. Soprattutto da quando mi alleno. Forse in questo periodo strano e instabile per tutti, ho solo bisogno di trovare una routine e una parvenza di normalità. ? E poi mi sto divertendo un sacco a provare tante ricette nuove. ?

Questa sera la mia dieta prevedeva un secondo, delle patate e verdura e allora ne ho approfittato per provare una ricetta che mi ha suggerito Roberta, una ragazza troppo simpatica che ho conosciuto tramite Instagram e così son nati i moscardini grigliati su crema di patate. La ricetta è geniale! Si prepara in poco tempo, è buonissima e nemmeno troppo calorica. ? Ed è completamente senza latticini quindi adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me. ?

E ora ecco la ricetta! ?

INGREDIENTI:

  • 300 g circa di moscardini già puliti
  • 200 g di patate
  • 1 mazzetto di prezzemolo fresco
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 cucchiaio di aceto o succo di limone
  • Scorza di limone q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Aceto balsamico o glassa di aceto balsamico q.b.
  • Scaglie di parmigiano stagionato

PREPARAZIONE:

In una pentola capiente mettere a bollire l’acqua con lo spicchio d’aglio e un cucchiaio di aceto. Quando l’acqua inizia a bollire, buttare dentro i moscardini e cucinarli per circa 20 – 25 minuti (dipende dalla loro grandezza).

Nel frattempo sbucciare le patate, tagliarle a cubetti e lessarle in acqua salata. Scolarle con una schiumaruola (mestolo forato) tenendo da parte l’acqua di cottura. Frullarle con un frullatore ad immersione aggiungendo a poco a poco l’acqua di cottura in modo da formare una crema. Aggiustare di sale e condire con pepe nero e scorza grattugiata di limone.

Mettere sul fuoco una piastra e, quando è ben calda, aggiungere i moscardini lessati girandoli spesso in modo da grigliarli in tutte le parti.

In un piatto creare la base con la crema di patate, aggiungere i moscardini e guarnire con olio extravergine di oliva, scorza di limone grattugiata, prezzemolo precedentemente lavato e tritato, pochissimo parmigiano stagionato a scaglie e aceto balsamico (o glassa di aceto balsamico se la preferite).

Servire caldo.

CONSIGLI:

  • Moscardini: si possono sostituire anche con delle seppie o calamari tagliati a striscioline e grigliati. Oppure con della insalata di polpo (anziché aggiungere le patate lesse, si crea la crema e la si adagia sopra).
  • Parmigiano stagionato: si può omettere senza problemi.
  • Calorie: alla fine questo piatto è tutta gassosa. Tolti scaglie di parmigiano e glassa di aceto balsamico che son degli extra, rientra tranquillamente nella dieta che sto seguendo e, almeno per la mia dieta, è giusta come calorie.

Gnocchi di patate con radicchio

Gnocchi di patate con radicchio

Gnocchi di patate con radicchio

La ricetta degli gnocchi di patate con radicchio non è farina del mio sacco ma è uno dei cavalli di battaglia di mio fratello. ? Lui li fa buonissimi, utilizza formaggi diversi e spesso ci aggiunge il gorgonzola. ??? Io ho preso spunto dalla sua ricetta e l’ho replicata come ricetta svuota frigo per consumare dello stracchino senza lattosio che era in scadenza. ?

Devo dire che anche la mia versione è venuta niente male ed è senza lattosio: lo stracchino ha lattosio inferiore allo 0,01% e il formaggio stagionato grattugiato ne contiene solo tracce. Gli gnocchi di patate con radicchio son adatti alla maggior parte degli intolleranti al lattosio come me. ?

E ora ecco la ricetta! ☺

INGREDIENTI:

  • 500 g di gnocchi di patate
  • 1/2 cespo di radicchio
  • 160 g di stracchino senza lattosio (lattosio residuo <0,01%)
  • 2 – 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Formaggio stagionato grattugiato q.b. (lattosio in tracce)
  • Pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene il radicchio, tagliarlo a striscioline e soffriggerlo con olio extravergine di oliva aggiungendo un pizzico di sale e pepe.

Cucinare gli gnocchi di patate e scolarli appena vengono in superficie. Condirli con il radicchio cotto, aggiungere lo stracchino senza lattosio e un pochino di formaggio grattugiato stagionato. Mettere tutto in una pirofila da forno, spolverare con il formaggio grattugiato stagionato e infornare con forno già caldo in modalità ventilato a 200°C per circa 10 – 15 minuti o finché in superficie si sarà formata la crosticina dorata.

Lasciar riposare qualche minuto e poi servire.

CONSIGLI:

  • Noci: si possono aggiungere tritate grossolanamente e rendono questo piatto ancora più saporito.
  • Gorgonzola: potete aggiungerlo al posto del formaggio stagionato grattugiato. Il gorgonzola ha meno lattosio di altri formaggi; io vi consiglio comunque di utilizzare quello senza lattosio.
  • Gnocchi di patate: io li preparo a casa ma se non avete tempo li trovate già pronti al supermercato.

Verdure gratinate al forno

Verdure-gratinate-al-forno

Verdure gratinate al forno…

Ok, ok lo ammetto! ?
Avevo detto che non mi pesavo… Anzi che aderivo alla campagna #iononmipeso ma alla fine non ce l’ho fatta! Ero proprio curiosa di sapere quanto era diventata disastrosa la situazione del mio sedere a mongolfiera e… Mi son pesata! ??? Sì, di lunedì e sì, il primo lunedì dopo le feste e sì son temeraria! ???? O forse solo matta! (Ma questo lo sapevo già ?). E comunque come ogni cosa al rovescio di questo periodo che più al rovescio non si può… SONO DIMAGRITA di quasi 2 kg! ???? Siete rimasti senza parole??? ???? Anche io che di solito non sto zitta nemmeno sotto minacce. Poi incredula son scesa dalla bilancia e ci son salita di nuovo per vedere se avevo letto male o se nel frattempo la bilancia fosse rinsavita. Eh niente, il peso era sempre lo stesso e quindi è proprio così! ??? Me ne son fatta una ragione!

E avevo detto e ridetto che l’unico proposito dell’anno era non fare (buoni) propositi! ??Cosa che ritengo sempre valida eh! Ma avevo e ho bisogno di riprendere in mano le mie abitudini, la mia vita, la mia routine, la mia “normalità” (o almeno quello che ne resta ?). E quindi… Sempre ieri, sempre primo lunedì dopo le feste, sempre temeraria (a furia di dirlo ci sto credendo pure io. ??) ho riniziato ad allenarmi! ??❤?
Vabbè, ho preso in mano la scheda base che più base non c’è ma son riuscita a completare l’allenamento sino alla fine. Tuuutto bene! ? Cioè in realtà cammino come Robocop, mi fanno male muscoli che non sapevo nemmeno di avere, son piena di acido lattico ma son felice! Rilassata! Mi son resa conto di quanto mi mancasse l’allenamento. Ci voleva proprio.

Sulla dieta più sana, sul mangiare meglio… Beh! Ci rifletto ancora un pochino! C’è ancora l’Epifania e subito dopo il weekend, mica posso evitare di sgarrare, no? Anche se piano piano sto cercando di mangiare in maniera più equilibrata e di fare degli spuntini spezzafame a base di frutta anziché di dolci. ? E di mangiare più verdure. E per fortuna anche in questa stagione c’è tanta verdura che io amo; cavoli e zucca in pole position. Avevo un peperone e delle carote da consumare e ho deciso di tagliare tutto a cubetti e metterlo in forno creando un contorno davvero buono: le verdure gratinate al forno. ?

Come ogni ricetta base e da sembrare addirittura banale, le verdure gratinate al forno son semplici da preparare ma con qualche accorgimento in più verranno ancora più buone. ?

Ecco la ricetta delle verdure gratinate al forno che son completamente senza lattosio e adatte agli intolleranti al lattosio come me. ?

INGREDIENTI:

  • 200 g di polpa di zucca gialla
  • 100 g di cavolfiore (solo la parte più esterna senza i rametti)
  • 2 carote
  • 1 peperone
  • 3 foglioline di salvia
  • 3 foglioline di alloro
  • 3 rametti di timo
  • 1 rametto di rosmarino
  • Pane grattugiato q.b.
  • Olio extravergine q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

Togliere i semi al peperone, lavarlo e tagliarlo a cubetti. Lavare il cavolfiore e scegliere solo la parte più esterna (i gambi si possono bollire e consumare come insalata). Con un coltello grattare via la buccia delle carote, lavarle e tagliarle a cubetti. Tagliare a cubetti anche la zucca gialla. Le dimensioni dei cubetti di verdure devono avere la stessa grandezza in modo da cucinare in maniera uniforme.

Lavare e asciugare le erbe aromatiche e tritarle molto molto sottili.

In un recipiente mettere le verdure tagliate a cubetti e condire con il trito di erbe aromatiche, con olio extravergine di oliva, sale e pepe. Mettere in una teglia foderata da carta da forno (io ho utilizzato la leccarda) e cucinare con forno statico a 175°C per circa 30 minuti (la durata dipende dalla grandezza dei cubetti di verdure). Dopo circa mezzora estrarre la teglia dal forno, aggiungere il pane grattugiato, un pochino di olio extravergine di oliva e lasciar cuocere per altri 15 minuti circa a 200°C con forno statico. Controllare spesso le verdure in modo che non si brucino e togliere dal forno appena son belle dorate.

Servire le verdure gratinate al forno quando son ancora calde.

CONSIGLI:

  • Verdure: questa ricetta è un po’ uno svuotafrigo, potete scegliere le verdure che vi piacciono di più o quelle che avete a disposizione.
  • Erbe aromatiche: anche qua potete scegliere quelle che vi piacciono di più o adattarle ai diversi tipi di verdura utilizzati.
  • Pane grattugiato: si può sostituire con il pane grattugiato speziato. Stavolta lo avevo terminato. Di solito ne preparo un po’ in modo da averlo già pronto all’occorrenza.