secondi

Merluzzo e patate con salsa chermoula

Merluzzo e patate con salsa chermoula

Merluzzo e patate con salsa chermoula…

Questa è la prima ricetta che ho voluto provare con la salsa chermoula, salsa di origine marocchina o nord africana, a base di pomodoro e cumino. E’ una salsa che mi è piaciuta da subito (io adoro il cumino) e che utilizzerò spesso per le mie preparazioni di carne e pesce.

Se cliccate sul link qua, vi spiego tutto sulla salsa chermoula e sulla sua preparazione; qua sotto trovate la ricetta per la preparazione del merluzzo e patate. Dire che era buono è dire poco e ci ho fatto anche la scarpetta. E non vi dico il profumo in cottura! Meraviglioso!

Il merluzzo e patate con salsa chermoula è completamente senza lattosio, adatto a tutti gli intolleranti al lattosio come me.

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 4 filetti di merluzzo
  • Salsa chermoula
  • 1 patata media
  • 1 carota media
  • 3 – 4 cucchiai di olio extravergine di oliva

PREPARAZIONE:

Salsa chermoula

Immergere il pesce nella salsa chermoula e lasciar macerare in frigo dentro un recipiente con chiusura ermetica (o sigillato con la pellicola da cucina) per 3 o 4 ore o per tutta la notte.

Pelare e lavare la carota. Tagliarla a a rondelle sottili. Sbucciare e lavare la patata. Tagliarla a fette molto sottili.

Mettere l’olio extravergine d’oliva nel piatto della tajine e aggiungere le rondelle di carota precedentemente immerse nella salsa chermoula. Adagiare i filetti di merluzzo e coprire con la chermoula. Infine aggiungere le patate e coprire con la salsa chermoula rimasta.

Cucinare a fuoco medio finché non inizia a bollire; a questo punto spostare nel fornello più piccolo a fiamma bassa e lasciar cucinare per altri 20 minuti. Spegnere il fuoco e lasciar riposare per un quarto d’ora.

Servire caldo.

  • CONSIGLI:
    Tajine: la potete sostituire con un qualsiasi tegame in coccio.
  • Merluzzo: era il pesce che avevo a disposizione a casa (e che mi piace molto). Potete sostituire con filetti di orata, spigola, trota o con quello che preferite voi.

Fettine alla pizzaiola

Fettine alla pizzaiola

Fettine alla pizzaiola…

Le fettine alla pizzaiola sono uno tra i piatti classici della cucina italiana. Mi piace tantissimo e la ricetta che vi presento è la versione che prepariamo a casa, quella originale di mia mamma. 😉

Le fettine alla pizzaiola son completamente senza lattosio, adatti a tutti gli intolleranti al lattosio come me. 

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 4 fettine di manzo o di vitello
  • 400 gr di pomodori pelati
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 – 2 cucchiaini di capperi 
  • 2 – 3 foglie di alloro
  • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Origano q.b.
  • Peperoncino q.b.
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

Macinare i pomodori pelati e adagiarli in un tegame basso e largo.  Aggiungere gli spicchi d’aglio (sbucciati, lavati e tagliati a metà), i capperi (precedentemente strizzati), le foglie di alloro, l’olio extravergine di oliva, l’origano, il peperoncino e un pizzico di sale fino

Cuocere a fuoco medio alto finché non inizia a bollire e poi abbassare la fiamma e cuocere per altri 5 minuti. 

Aggiungere le fettine e coprire con il sugo. Cuocere a fuoco basso con il tappo per circa 5 minuti girando la carne almeno una volta.

Servire le fettine alla pizzaiola ancora calde.

 

 

Kefta aux oeufs – polpette speziate

Kefta aux oeufs - polpette speziate

Kefta aux oeufs – polpette speziate…

Oggi è una di quelle giornate strane… Son al giorno numero 9 della mia clausura per il coronavirus, le notizie che arrivano son sempre più allarmanti ma ho deciso di chiuderle fuori dalla mia cucina. Ho bisogno di riposare mentalmente e di un’ora di relax. Ho lavorato sino a pochi minuti fa (son una delle fortunate del telelavoro o smart working, come lo definiscono in questi giorni), ma lavorare dentro casa, stare sempre dentro casa mi fa un effetto strano, quasi surreale. Ecco! Surreale è l’aggettivo giusto per tutta questa situazione! 😒

Ma siccome vedo il bicchiere mezzo pieno (o almeno ci provo), sto apprezzando il fatto di non viaggiare, di poter mangiare a casa e di godermi i miei cari. Ed è cambiato anche il mio modo di cucinare. 😊

Di solito cucino in maniera veloce, frenetica… Ora essendo a casa posso dedicare più tempo alla cucina, prenderla più lentamente e provare nuove ricette. Ho finalmente rispolverato le mie pentole in coccio. Adoro la loro cottura lenta e uniforme e i profumi e i sapori dei cibi cotti così. 😍😍😍 

Tajine

Una delle mie preferite è la tajine. E’ una pentola in coccio di origine marocchina ed è considerata l’antenata della pentola a pressione. La forma conica fa in modo che il vapore, una volta salito in alto, condensi e torni in forma liquida per poi tornare giù. Si forma un circolo che permette una cottura uniforme dei cibi e gli conferisce sapori e profumi unici. Io la adoro come adoro le ricette marocchine. Profumate e speziate. 

Stavolta ho deciso di preparare le kefta aux oeufs, che son delle polpette speziate cotte in una salsa al pomodoro aromatizzata da cumino e paprica e, infine, sopra ci vanno messe le uova. Una ricetta non proprio leggera ma che vale davvero la pena di provare! 😉

Trovate la ricetta originale delle kefta aux oeufs – polpette speziate cliccando su questo link e sotto la mia versione. 😉

Questa ricetta non contiene lattosio né latticini ed è adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me! 😉

INGREDIENTI:

Kefta ingredienti

(Kefta)

  • 500 gr di macinato di vitello
  • 1/2 cipolla tritata molto fine
  • 1 spicchio d’aglio tritato molto fine
  • 1 cucchiaino di cumino
  • 1 cucchiaino di paprica
  • 1/2 cucchiaino di pepe nero
  • 1/2 cucchiaino di sale fino
  • 1 mazzetto di prezzemolo tritato

(Per la salsa)

  • 300 – 350 gr di pomodori pelati macinati
  • 1/2 cipolla tritata molto sottile
  • 1 cucchiaino di cumino
  • 1 cucchiaino di paprica
  • 1/2 cucchiaino di pepe nero
  • 2 – 3 cucchiai d’olio extravergine di oliva
  • 1/2 cucchiaino di sale fino
  • 1 mazzetto di prezzemolo tritato

(Per guarnire)

  • 3 uova

PREPARAZIONE:

Mettere sul fuoco il fondo piatto della tajine. Ricordarsi di mettere lo spargifiamma sopra il fornello per evitare che la tajine si rompa.

Soffriggere la cipolla tritata con l’olio extravergine d’oliva, poi aggiungere i pomodori pelati macinati, la paprica, il pepe nero e il sale fino. Quando la salsa inizia a bollire, tappare la tajine e cuocere a fuoco lento (io ho utilizzato il fornello più piccolo della mia cucina mettendolo a minimo) per circa 20 minuti, che poi è il tempo necessario per preparare le polpette.

 

In un recipiente capiente mettere la carne di vitello macinata, la cipolla tritata, l’aglio tritato, il cumino, il pepe nero, il prezzemolo tritato e il sale fino. Amalgamare bene gli ingredienti e formare delle palline di circa 3 cm di diametro schiacciando bene l’impasto in modo che le polpette non si disfino.

Adagiare sopra la salsa di pomodoro e cuocere per circa 10 – 15 minuti a fuoco basso e con il tappo.

Rompere le uova e cuocerle sopra le polpette per altri 3 – 5 minuti. Spegnere il fuoco. Sollevare il coperchio della tajine e aggiungere un pizzico di sale fino, un po’ di cumino e il prezzemolo fresco tritato.

Lasciar riposare per altri 5 – 10 minuti e poi servire.

CONSIGLI:

  • E’ importante non riempire del tutto il fondo della tajine con la salsa di pomodoro perché altrimenti, una volta messe le polpette, potrebbe trasbordare sporcando la cucina. Le dosi esatte dipendono dalla grandezza della vostra tajine e dalla densità dei pomodori pelati.
  • Sostituzione della tajine: potete utilizzare una qualsiasi pentola in coccio, meglio se alta, con il coperchio. Se non avete a disposizione la pentola in coccio, potete utilizzare una padella qualsiasi, anche se il sapore sarà un po’ diverso. In questo caso occhio ai tempi di cottura perché potrebbero essere più rapidi.
  • Polpette speziate: con queste dosi ho preparato tante polpette. Ne ho cotto una parte (quelle che ci stanno nella mia tajine) e le altre le ho congelate per averle già pronte la prossima volta.  😉

 

 

Avocado toast

Avocado toast

Avocado toast…

Se mi seguite da un po’, ormai saprete già che un’altra mia grande passione (oltre la cucina) è la lettura! Adoro leggere perché mi permette di viaggiare con la fantasia e conoscere paesi, stati, usi, costumi di tutto il mondo o approfondire vicende successe in diversi periodi storici (ho letto tanto sul periodo della Rivoluzione Francesce, sull’Ottocento in Inghilterra e anche romanzi ambientati durante le due guerre mondiali). 

Ho tutte le fisse tipiche del lettore compulsivo: scelgo di leggere un romanzo perché mi piace un titolo o una copertina e, prima di iniziarlo, vado a informarmi su autore e scoprire se è un romanzo unico o fa parte di una serie e, ovviamente a quel punto leggo tutta la serie dall’inizio alla fine. 😁Posso dimenticarmi a casa il cellulare ma non dimentico mai il mio fedele Kindle che accendo ogni volta che posso o che devo fare file. Eh sì! Continuo a comprare libri cartacei e a collezionarli. Non è vero che gli ebook reader uccidono il cartaceo; nel mio caso hanno solo fatto in modo che leggessi ancora di più. 😉 

Leggo di tutto, dai romanzi storici a quelli contemporanei… Alterno autori conosciuti con autori emergenti, odio il genere “rosa”, mi piacciono i fantasy ma la mia vera passione son i gialli e i thriller. In cima alla mia lista c’è la somma e unica Agatha Christie ma adoro anche i thriller nordici (di svedesi e norvegesi ne ho letto un sacco).

In questo periodo sto leggendo i thriller di Michael Connelly con protagonista il Detective Harry Bosch che son ambientati nella città di Los Angeles. I romanzi son fighissimi! 😍😍😍C’è tutto: bella trama, suspence, sorpresa finale, ma Connelly ha una marcia in più! Le descrizioni della città son appassionate, davvero belle, ti sembra sul serio di “vivere” lì e soprattutto si dilunga descrivendo gli stili di vita e le abitudini americane e tra queste capita spesso che parli di cibi o bevande tipici.

Tra le ricette che mi hanno incuriosita ci son gli avocado toast che il protagonista consuma come colazione veloce prima di recarsi alla ricerca di nuovi indizi per chiudere il caso. 

L’avocado toast è formato da uno strato di pane in cassetta abbrustolito, coperto con una salsa di avocado e guarnito con ingredienti di solito salati. Ho preso liberamente spunto dalla descrizione che è stata fatta nel romanzo che leggevo e ho preparato una mia ricetta che non è di sicuro quella originale, ma a me è piaciuta tantissimo.  😉 E ovviamente è stato un mio pranzo e non una colazione! Se leggete la ricetta capirete il perché. 😁😁😁 

L’avocado toast è preparato con ingredienti che non contengono latticini, quindi è adatto a tutti gli intolleranti al lattosio come me. 👍

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 1 avocado maturo
  • 5 pezzi di pane a cassetta
  • 1 peperone rosso
  • 1 uovo 
  • 30 gr di speck a cubetti
  • 1 cucchiaio di aceto di vino
  • Succo di 1/2 limone
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Spezie (paprika, peperoncino, pepe nero) q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene il peperone, tagliarlo a metà, levare i semi e poi tagliare a julienne. Condire con olio extravergine di oliva, sale fino e pepe nero e infornare a 175°C in forno statico per circa 10 minuti o finché è ben abbrustolito. In alternativa, cucinare il peperone in padella o nel microonde con la funzione crisp (io ho utilizzato quest’ultimo metodo).

In una ciotola versare 4 – 5 cucchiai di olio extravergine d’oliva e aggiungere le spezie e un pizzico di sale fino. Mescolare bene e versare l’olio aromatizzato sopra le fette di pane. Infornare a 175°C in forno statico solo il tempo necessario per abbrustolire il pane (anche qua si può optare per la funzione crisp del microonde).

Lavare bene l’avocado e tagliarlo in due nel senso della lunghezza. Ruotare leggermente le due parti e poi dividere a metà. Rimuovere il nocciolo e versare la polpa in una ciotola. Con l’aiuto di una forchetta, ridurre la polpa in crema e poi aggiungere il succo di limone, un pizzico di pepe nero e di sale fino e mescolare bene. 

Soffriggere lo speck a cubetti e mettere da parte.

Spalmare uno strato di salsa di avocado nel pane abbrustolito e su quattro fette di pane aggiungere il peperone e lo speck.

Rompere l’uovo e metterlo in una ciotola. In una pentola dai bordi alti far bollire l’acqua con un cucchiaio d’aceto. Versare l’uovo dentro l’acqua che bolle e cuocerlo per circa 2 minuti (dipende dalla grandezza dell’uovo).

Scolare l’uovo in camicia e adagiarlo sull’ultima fetta di pane tostato e salsa di avocado. Condire con un pizzico di sale fino e pepe nero e servire subito. 

CONSIGLI:

  • Salmone: potete sostituire l’uovo in camicia con del salmone affumicato.
  • Pancetta: potete sostituire lo speck con della pancetta. Confesso che era la mia idea originale ma, essendo domenica e con i negozi chiusi, non son riuscita a recuperarla.
  • Pomodoro, cipolle e gamberetti: questa è una versione che devo assolutamente provare. 😋

Insalata salmone, arancia e finocchi

Insalata salmone, arancia e finocchi

Insalata salmone, arancia e finocchi…

Son state delle vacanze di Natale davvero belle… Passate in compagnia della mia famiglia. 😍😍😍 Eppoi è il primo Natale del mio nipotino Lorenzo… Quel bimbetto è gioia pura! 💖💖💖 Solo per il suo arrivo il 2019 merita di esser salvato. 💖

Ma come ogni tradizione e in quasi ogni famiglia italiana, Natale e Santo Stefano son sinonimi di pranzi e/o cene buonissime e infinite dove si mangia di tutto o di più come se non vi fosse un domani (come dico sempre io😆😆😆). Ma il problema è sempre lo stesso… Un domani c’è sempre e io avevo bisogno di mangiare qualcosa di buono e fresco, semplice e diverso. Ho pensato alla mia insalata di finocchi e arance, quella che preparo sempre per stare leggera, e ho deciso di aggiungere del salmone e un pochino di pepe rosa. 

Ne è venuta fuori una cena fresca, deliziosa e semplice da preparare. L’insalata salmone, arancia e finocchi non contiene lattosio ed è adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me.

Ecco la ricetta!😉

INGREDIENTI:

  • 100 gr di  carpaccio di salmone (o salmone affumicato)
  • 1 arancia
  • 1 finocchio
  • pepe rosa q.b.
  • Sale fino q.b
  • Olio extravergine di oliva q.b.

PREPARAZIONE:

Togliere la parte esterna del finocchio, tagliarlo in quattro parti, lavarlo bene e tagliarlo e striscioline molto sottili.

Lavare l’arancia, dividerla in due parti e, con l’ausilio di un coltello, levare la buccia e tutta la parte bianca. Tagliarla a cubetti.

Tagliare il salmone a listarelle.

In un recipiente unire il salmone, l’arancia e il finocchio e condire con olio extravergine di oliva, sale fino e pepe rosa.

Sigillare il recipiente e mettere a riposare in frigo per qualche ora.

CONSIGLI: 

  • Salmone: si può utilizzare sia quello affumicato che il carpaccio di salmone. Io preferisco quest’ultimo. Però, essendo crudo, è molto importante comprarlo da qualcuno di fiducia e accertarsi che chi ve lo vende abbia seguito tutte le regole per poterlo vendere in totale sicurezza.
  • Noci: ci stanno bene. Io stavolta non le ho aggiunte perché l’ho preferito più leggero.

Lonza di maiale con purè di castagne

Lonza di maiale con purè di castagne

Lonza di maiale con purè di castagne…

E’ un tranquillo sabato di inizio autunno di quelli che piace a me. Fuori splende il sole, ci son 24°C e si sta meravigliosamente bene! 😍😍😍 Ci avrei messo la firma per avere tutto l’anno giornate così! Piumino la notte, caldo di giorno e si può ancora andare al mare. MERAVIGLIA pura! 💖

E poi è tempo di sapori e profumi d’autunno… Quanto amo la frutta e la verdura di questa stagione: zucca, uva, more, melograni e castagne. 

Lavorando tutta la settimana dedico il sabato mattina a spesa e commissioni varie. Oggi avevo voglia di mangiare qualcosa di sfizioso e diverso e, dal mio amico macellaio, ho scelto di acquistare la lonza di maiale. L’idea era di cucinarla con vino rosso e rosmarino e abbinare il purè di patate come contorno ma poi ho pensato che potevo preparare il purè di castagne che, sinceramente, non avevo mai provato. Chissà perché ma pensavo che fosse troppo dolce o stucchevole ma mi sbagliavo di grosso. Il purè di castagne è morbido, cremoso e contrasta in maniera divina il sapore della lonza di maiale. E’ un piatto che mi ha lasciato sorpresa e mi è piaciuto tantissimo. Lo replicherò di sicuro la prossima volta che avrò ospiti per pranzo. 😉

Per preparare la lonza di maiale con purè di castagne ho utilizzato latte e burro senza lattosio (lattosio residuo <0,01%) e formaggio stagionato grattugiato che ha lattosio in tracce. Se preferite, potete sostituire il latte con la bevanda di avena (purtroppo non l’avevo a disposizione).

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

(per il purè di castagne)

  • 200 gr di castagne
  • 100 gr di latte senza lattosio (lattosio residuo <0,01%)
  • 50 gr di patate
  • 30 gr di formaggio grattugiato stagionato (lattosio in tracce)
  • 20 gr di burro senza lattosio (lattosio residuo <0,01%)
  • 2 – 3 foglie di alloro
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

(per la lonza di maiale)

  • 250 gr di lonza di maiale (4 fettine non troppo spesse)
  • 1/2 bicchiere di vino rosso
  • 2 rametti di rosmarino
  • 4 – 5 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • Farina 00 q.b.
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

(purè di castagne)

Lavare le castagne, inciderle, aggiungere l’alloro e acqua abbondante e cucinarle con la pentola a pressione per circa 40 minuti. Sbucciare le castagne cercando di togliere anche la pellicina interna-

Sbucciare la patata, tagliare a cubetti e lessare in acqua salata.

Con l’ausilio di un passaverdura macinare la patata e le castagne.

Mettere al fuoco e aggiungere il burro senza lattosio e poi, sempre mescolando, il latte senza lattosio. Aggiungere il sale fino, il pepe nero e continuare a mescolare. Togliere dal fuoco e aggiungere il formaggio stagionato grattugiato. Mescolare ancora una volta.

(lonza di maiale)

In una padella antiaderente mettere a scaldare l’olio extravergine di oliva. Infarinare le fettine di lonza di maiale e mettere a soffriggere. Aggiungere il sale fino e i rametti di rosmarino. Sfumare con il vino rosso e lasciar cuocere per 10 minuti a fiamma vivace ricordandosi di girare la carne. Se fosse necessario, aggiungere un po’ di acqua bollente.

Togliere la carne e adagiarla sul piatto di portata. Lasciar cuocere il fondo di cottura per un paio di minuti in modo che si rapprenda e diventi cremoso. Levare i rametti di rosmarino e versare sulla carne. 

Aggiungere il purè di castagne e servire subito.

CONSIGLI:

  • La lonza di maiale con purè di castagne secondo me è perfetta così. Però se non avete a disposizione le castagne, potete sostituire con il purè di patate
  • Latte senza lattosio: potete sostituire con bevanda vegetale di avena, così alleggerite l’utilizzo di prodotti delattosati.

 

Zucchine ripiene

Zucchine ripiene

Zucchine ripiene…

Adoro le giornate di fine estate… Quelle in cui il tempo “si disfa” e, accanto a caldo e afa, iniziano ad affiorare le prime piogge e il primo fresco. Son quelle giornate belle, forse un po’ malinconiche, dove si iniziano a ritirare sdraio e ombrelloni e, l’autunno che sembrava lontano, inizia a far capolino. 💖 Le adoro! E adoro anche i frutti di fine estate… Come le more che son tra le mie preferite. 💖💖💖

E son le giornate in cui io mi risveglio dal letargo estivo (sì lo so che son fatta al contrario io 😁😁😁) e inizio a preparare le provviste: ho già pronti pesto, misto per soffritto, dado vegetale, dado vegetale granulare e ora mi dedico a zucchine ripiene o al tortino di zucchine (stessi ingredienti ma senza zucchine da riempire: più veloce da preparare e semplice da congelare).

Le zucchine ripiene contengono formaggio grattugiato stagionato che ha lattosio solo in tracce e non dovrebbe dar fastidio alla maggior parte degli intolleranti al lattosio. Si può sostituire con pane grattugiato, meglio se abbrustolito perché più saporito. 😉

E ora ecco la ricetta! 😊

INGREDIENTI:

  • 6 zucchine tonde
  • 200 gr di macinato di manzo o vitello
  • 1/2 cipolla
  • 100 gr di formaggio grattugiato stagionato (lattosio in tracce)
  • 50 gr di pane grattugiato
  • 1 cubetto di misto per soffritto
  • 1 rametto di basilico fresco.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

Zucchine

Lavare le zucchine, togliere la parte superiore e svuotarle incidendo l’interno dividendolo in 4 parti e poi togliendo la polpa con l’ausilio di un cucchiaino. Mettere la polpa da parte e cucinare per 3 – 5 minuti le zucchine in abbondante acqua bollente e salata. Scolare e mettere ad asciugare e raffreddare sopra un tovagliolo da cucina pulito.

Tagliare la polpa delle zucchine a pezzetti piccoli e soffriggere insieme a 1/2 cipolla tritata. A metà cottura aggiungere sale fino, pepe nero e il mazzetto di basilico fresco. 

Nel frattempo soffriggere il cubetto di misto per soffritto e aggiungere il macinato. Condire con sale fino e pepe nero. Mettere a raffreddare.

Zucchine ripiene 2

Quando gli ingredienti son freddi, mescolare la polpa delle zucchine con il macinato e aggiungere l’uovo, il formaggio grattugiato stagionato, il pane grattugiato. Aggiustare di sale e pepe e riempire le zucchine.

Cuocere con forno statico a 200°C per circa 20 – 30 minuti o quando son ben dorate.

Servire calde o tiepide.

CONSIGLI: 

  • Tortino di zucchine: è la stessa ricetta. Le zucchine non vanno svuotate ma tagliate a dadini e cotte insieme alla cipolla. Più veloce e più facile da congelare.
  • Noce moscata: mia mamma la aggiunge per profumare. Io stavolta non l’ho messa ma ci sta bene.
  • Pomodori datterini: li ho tagliati a cubetti e li ho aggiunti per colorare e guarnire.

M’qalli – Tajine pollo, limone e olive

M’qalli tajine di pollo, limone e olive

M’qalli – Tajine pollo, limone e olive…

Era davvero da troppo tempo che non rispolveravo la mia tajine.
Adoro le pentole in terracotta e la loro cottura lenta che conferisce ai cibi profumi e sapori unici. Ogni volta che posso cerco di usarle. Ma secondo me la tajine ha una marcia in più. 😍


E’ una pentola di origine araba o marocchina (la mia viene proprio da lì) ed è l’equivalente in terracotta della nostra pentola a pressione, però devo ammettere che i cibi vengono decisamente più buoni.
E’ formata da due pezzi: un piatto capiente e profondo dove appoggiare gli alimenti e un coperchio conico (sempre in terracotta) che permette una cottura lenta e uniforme. Col calore l’acqua diventa vapore e sale sino alla sommità del cono tornando liquida e scendendo nuovamente giù. Si crea così un ciclo continuo che permette una cottura uniforme senza mescolare e con l’utilizzo di pochi liquidi e condimenti. Si ottengono dei cibi deliziosi, profumati e molto buoni; io lo utilizzo per cuocere le verdure e il pollo ma vorrei provare anche con manzo e agnello o col pesce.

La ricetta che vi presento oggi è una variante della ricetta della tajine pubblicata da me tanto tempo fa: la base è sempre il pollo ma stavolta anziché le verdure, ho scelto di accompagnarlo con limone e olive.
Il limone col suo gusto acidulo contrasta il sapore dolce del pollo e le olive gli conferiscono quel sapore particolare e salato che a me piace molto.

Come carne ho utilizzato quella di pollo ruspante regalatami da mio padrino. Ha una consistenza più compatta rispetto al pollo acquistato e una colorazione che va verso il rosso (era buonissima). Ho utilizzato un insieme di spezie che sono quelle tipiche marocchine da tajine: curcuma, paprica, pepe di Cayenna, peperoncino, coriandolo, cumino, zenzero, coriandolo, senape, pimento e cardamomo. Di solito questi mix li preparo io ma stavolta mi son fatta tentare da questo mix già pronto, venduto dove acquisto le altre spezie e devo dire che non è niente male.

Ci tengo a precisare che il m’qalli tajine di pollo, limone e olive non è una ricetta di mia invenzione ma è tipica marocchina o del Maghreb ed m’qalli è il nome originale con cui è conosciuta. E’ completamente senza latte e latticini quindi adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me.

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 300 gr di pollo (io ruspante)
  • 1 limone
  • 10 – 15 olive verdi
  • ½ cipolla
  • 2 cucchiai di succo di limone
  • 3 – 4 cucchiai di olio extravergine di oliva
  • 2 cucchiaini di mix spezie per tajine (curcuma, paprica, pepe di Cayenna, peperoncino, coriandolo, cumino, zenzero, coriandolo, senape, pimento e cardamomo)
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

Tagliare il pollo a cubetti non troppo piccoli e insaporire con il sale fino. Mescolare bene e lasciar riposare un paio di ore.

Mettere il mix di spezie in una ciotola e aggiungere ½ bicchiere di acqua a temperatura ambiente.

Lavare la cipolla e tagliarla a fettine molto sottili. Soffriggere nel piatto della tajine (ricordarsi di usare sempre lo spargifiamma) e poi aggiungere il pollo tagliato a cubetti. Soffriggere mescolando di continuo e poi aggiungere il succo di limone e l’acqua aromatizzata con le spezie. Dare l’ultima mescolata e poi coprire col tappo della tajine abbassando la fiamma (io cambio il fornello e metto la tajine in quello piccolo tenendolo al minimo).

Dopo circa 40 – 50 minuti (dipende dalla consistenza della carne di pollo) aggiungere il limone tagliato a fettine e le olive.

Lasciar cuocere per altri dieci minuti poi spegnere la fiamma.

Lasciar riposare per altri 5 – 10 minuti. Togliere il tappo e servire subito.

CONSIGLI:
Anche se con la ricetta non ha nulla a che vedere, ho servito il m’qalli tajine di pollo, limone e olive sopra un letto di pane carasau. Son buonissimi anche i crostini di pane.

Tonno marinato zenzero e maggiorana

Tonno marinato zenzero e maggiorana

Tonno marinato zenzero e maggiorana…

Adoro il tonno! 😍😍😍

E adoro anche i miei genitori che mi conoscono bene e che mi hanno portato in dono dei tranci di tonno fresco. Una delizia per gli occhi e per il palato. 

Mi piace mangiarlo cotto velocemente sulla piastra e, stavolta, ho deciso di aromatizzarlo in maniera più “leggera” e particolare senza i soliti aglio e prezzemolo che, anche se mi piacciono molto, spesso li trovo indigeribili (mi riferisco all’aglio ovviamente). 

Il tonno marinato zenzero e maggiorana è profumatissimo e ha un sapore particolare e delizioso. E’ completamente senza lattosio ed è facilissimo da preparare. Provatelo! 

Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 1 trancio di tonno fresco
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio di succo di limone
  • 6 – 8 foglioline di maggiorana
  • Scorza di limone grattugiata q.b.
  • Zenzero grattugiato q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

Adagiare il trancio di tonno su una ciotola e condire con l’olio extravergine di oliva e succo di limone

Condire con sale fino e pepe nero. Aggiungere la scorza di limone grattugiata, lo zenzero grattugiato, le foglioline di maggiorana precedentemente lavate e asciugate e coprire bene con la pellicola da cucina.

Lasciar riposare in frigo per 5 o 6 ore o per tutta la notte.

Cucinare su una piastra da cucina precedentemente messa a riscaldare girandolo da ambo i lati. Servire caldo.

Tonno marinato zenzero e maggiorana cotto

CONSIGLI:

  • Marinatura: quella proposta da me è particolare ma davvero buona. Però si può optare anche per la marinatura classica con aglio e prezzemolo tritati, pepe nero, olio evo e un goccio di aceto o di succo di limone.
  • Pesce: con la stessa ricetta si può preparare anche il pesce spada.

 

 

 

Calamari ripieni

Calamari ripieni…

I calamari ripieni (insieme alle cozze e agli spaghetti alle arselle) son uno dei cavalli di battaglia di mia mamma. Li fa spesso e le vengono buonissimi. 😍 Stavolta ha delegato la preparazione a me e ho cercato di seguire la sua ricetta alla lettera. Quelli che fa lei son davvero speciali. Mi sa che non riuscirò mai a farli così, però mi accontento del risultato. Anche perché gGli amici che avevamo a pranzo han detto che erano buoni… E son piaciuti pure a mia mamma.

Quella che vi presento è la sua ricetta, quella più tradizionale, ma nel blog trovate anche una mia versione più particolare: calamari ripieni di riso. Andate a vedere pure quelli! 😉

I calamari ripieni son completamente senza lattosio, adatti tutti gli intolleranti al lattosio come me. 

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 6 calamari medi
  • 4 pomodori secchi
  • 2 spicchi d’aglio
  • 2 – 3 cucchiai di pane grattugiato
  • 2 – 3 cucchiai di vino bianco secco
  • 1 mazzetto di prezzemolo fresco
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Peperoncino q.b.

PREPARAZIONE:

Pulire bene i calamari staccando le teste e svuotando il corpo delle interiora. Levare anche la pelle. Lavarli bene e lasciarli scolare.

Lavare aglio e prezzemolo e preparare un trito insieme ai pomodori secchi. Tritare le teste dei calamari e i tentacoli e aggiungerli al trito. Condire con un cucchiaio di olio extravergine di oliva e con il pane grattugiato. Mescolare bene il tutto.

Calamari ripieni_preparazione

Riempire il corpo dei calamari con il trito e sigillare con degli stuzzicadenti.

Spennellare i calamari con olio extravergine di oliva, condire con pochissimo sale fino (i pomodori secchi son già salati) e infornare con forno statico a 200°C per circa 20 – 25 minuti o finché non son ben dorati. 

A 2/3 della cottura, aggiungere due o tre cucchiai di vino bianco secco.

Servire caldi.

CONSIGLI:

Di questa ricetta esistono diverse varianti; c’è chi al posto dei pomodori secchi (o in aggiunta) mette capperi e acciughe e qualcuno pure il parmigiano reggiano. Io li preferisco così come ve li ho presentati perché, secondo il mio parere, son tutti cibi che andrebbero ad alterare o coprire il sapore stesso dei calamari.