Archivio Tag: primi piatti

Gnocchi di patate

Gnocchi di patate…

Mia mamma ha deciso “oggi gnocchi!” e chi sono io per contraddirla?

La ricetta è quella originale di mia nonna materna e viene preparata ancora senza pesare gli ingredienti (ad occhio come si dice qua). Ho cercato di riportare le dosi ma vi chiedo perdono se non son precise.

Posso sinceramente dirvi che son strepitosi e nemmeno tanto difficili da fare… Mezzora di preparazione e voilà! Son pronti! Non hanno lattosio e poca istamina (basta non esagerare con il formaggio quando si condiscono).

Ecco a voi la ricetta!



INGREDIENTI
:

  • 1,8 kg di patate lesse macinate
  • 2 uova
  • 400 gr di farina 00
  • 400 gr di semolato rimacinato
  • 1 bustina di lievito istantaneo
  • Sale q.b.

          PREPARAZIONE:

          In un tegame adagiare le patate lesse macinate (che devono essere tiepide o fredde), aggiungere il sale fino e mescolare bene con un cucchiaio di legno.

          In un altro recipiente mescolare la farina 00 con il semolato rimacinato. Aggiungere un po’ delle farine, il lievito istantaneo e continuare a mescolare. Ora bisogna lavorare l’impasto nel tavolo o in un tagliere di legno. Il segreto degli gnocchi di patate sta proprio nel metodo di lavorazione. Bisogna mettere le farine sul tavolo (poco per volta) e lavorare l’impasto in modo che le farine vengano assorbite sempre da sotto.

          Quando il panetto di pasta è pronto, lasciarlo riposare per 10 – 15 minuti e poi procedere a formare gli gnocchi. Durante la preparazione degli gnocchi, utilizzare solo la farina 00, essendo più sottile viene assorbita meglio dall’impasto. Tagliare delle strisce di pasta nel senso della lunghezza e lavorarle in modo da creare dei “serpentoni” di pasta. Tagliarli a cubetti. Bisogna stare attenti ad aggiungere sempre farina 00 in modo che gli gnocchi non si attaccacchino tra loro!

          Schiacciare i tocchetti di pasta con la punta del pollice in modo da creare la forma degli gnocchi. Se non avete voglia, potete saltare quest’ultimo passaggio e lasciare gli gnocchi così. Saranno buonissimi lo stesso! 😉

          E ora eccoli qui!



          CONSIGLI:

          Condimento: io stavolta li ho fatti saltare con burro a ridotto contenuto di lattosio, salvia e parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura… Ma sono ottimi al ragù o con sugo ai funghi e anche al pesto hanno il loro perché. Mio fratello li condisce con radicchio e Asiago, anche questa versione merita.

          Lievito istantaneo: io in realtà non lo uso mai! Non ho grande feeling con questo lievito. In effetti lo uso solo per gli gnocchi ma ho ” ereditato” così la ricetta e non mi va di cambiarla! Comunque il lievito istantaneo si può anche omettere, anche se io trovo gli gnocchi di patate senza lievito troppo pesanti da digerire!

          Ravioli di pollo e bietole

          Ravioli di pollo e bietole…

          Continua la mia sfida per cucinare cibi senza lattosio e con poca istamina… Tra gli ingredienti a disposizione nella mia rigida dieta ci sono anche il pollo e e bietole e oggi ho deciso di cucinarli in maniera diversa rispetto alla solita fettina ai ferri… Ed ecco qua la ricetta dei ravioli di pollo e bietole (ammetto che son un po’ alternativi ma son buonissimi!)

          Quella che trovate sotto è la ricetta completa preparata con la pasta all’uovo (così vedo un po’ se mi fa male)… Se avete problemi con l’istamina, potete preparare la pasta dei ravioli solo con semola, sale e acqua a temperatura ambiente. 

          Se avete problemi con in lattosio allora non preoccupatevi… Questa ricetta è totalmente senza lattosio se la condite con olio extravergine di oliva; al massimo potete aggiungere un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura (che contiene solo tracce di lattosio). 

          Potete anche condire i ravioli di pollo e bietole con burro a ridotto contenuto di lattosio, salvia e parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura (in questo caso anche se poco, il lattosio c’è!).

          Ecco la ricetta! 

          INGREDIENTI:

          Per la pasta all’uovo:

          • 1 kg di semola
          • 4 uova
          • 150 ml circa di acqua a temperatura ambiente
          • Sale q.b.

          Per il ripieno:

          • 500 gr di carne di pollo macinato
          • 300 gr di patate lesse macinate
          • Un mazzo di bietole bollite e frullate
          • 1 o 2 cucchiai di pane grattugiato
          • 1 cucchiaio di curcuma
          • Sale fino q.b.

          Per condire:

          • 1 noce di burro a ridotto contenuto di lattosio
          • 2 o 3 foglioline di salvia
          • 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura (eventuale)

              PREPARAZIONE:

              Per la pasta all’uovo

              Qua sotto trovate la ricetta completa

              Pasta all’uovo

              Per il ripieno:

              Cuocere il pollo macinato in un tegame antiaderente con un goccio di olio extravergine di oliva e sale fino a.b.

              In un tegame versare il pollo macinato cotto, le patate lesse macinate, le bietole bollite frullate, la curcuma e un po’ di sale fino. Mescolare bene tutti gli ingredienti in modo che il ripieno risulta ben amalgamato.

              Se il ripieno risulta troppo “umido”, aggiungere uno o due cucchiai di pane grattugiato e mescolare nuovamente.

              Con le mani, formare delle palline di ripieno e poi schiacciarle dando questa forma ovale (è comoda per prelevare pezzetti di ripieno quando si preparano i ravioli).

              Tirare la pasta all’uovo molto sottile e, dopo averlo spolverato di farina 00, adagiarla su un raviolamp (o raviolante come simpaticamente lo chiamano mie zie) e riempirla con dei pezzetti di ripieno. Coprire con un’altra sfoglia di pasta all’uovo tirata molto sottile.

              Schiacciare bene le due sfoglie in modo che fuoriesca l’aria e che le sfoglie aderiscano tra loro. Passare un mattarello e sigillare bene le due sfoglie. Rovesciare il raviolamp su un tagliere e tagliare i ravioli. 

              Se vengono consumati subito, vanno adagiati su un vassoio coperto con un telo da cucina. Se si decide di congelarli, al posto del telo da cucina è meglio utilizzare la carta da forno e poi chiuderli dentro una busta di plastica per alimenti.

              Mettere l’acqua a bollire, cucinare i ravioli. In un tegame antiaderente, sciogliere il burro a ridotto contenuto di lattosio e aggiungere le foglie di salvia. Scolare i ravioli di pollo e bietole al dente e farli saltare nel burro aromatizzato alla salvia. Aggiungere un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura e servire caldi.
              CONSIGLI:

              • Cottura: I ravioli di pollo e bietole son già saporiti. Si possono condire con burro e salvia oppure con olio extravergine di oliva e parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura. Vi sconsiglio di condirli con il ragù perché ci sarebbero troppi sapori.
              • Ripieno: potete aggiungere anche un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura.

              Spaghetti con zucchine light

              Spaghetti con zucchine light…

              Da oggi inizia una nuova avventura per me! La mia “amica” istamina ha deciso di venire a trovarmi con dei simpaticissimi pomfi e prurito in ogni dove. Fastidiosissimi e snervanti! 😧😧😧 Son stata costretta a prendere nuovamente gli antistaminici (che io odio!) e devo seguire una dieta molto ferrea (penso che gli alimenti a mia disposizione non arrivino nemmeno a dieci…) per almeno due mesi.

              Devo riuscire a combinare in modo fantasioso i pochi ingredienti a disposizione altrimenti vado fuori di senno… Ho deciso di prenderla in modo positivo e come una sfida… Vediamo che succede!

              Ecco i soli alimenti a disposizione:

              • Patate
              • Riso
              • Pasta
              • Pane (e devo stare attenta ai lieviti liofilizzati)
              • Lattuga
              • Radicchio
              • Bietole
              • Zucchine
              • Carote
              • Mela
              • Pera

              Fine dei giochi! 😧

              Ho iniziato stasera con la ricetta degli spaghetti con zucchine. È una ricetta semplice da preparare; per tagliare le zucchine a forma di spaghetti ho usato una specie di clessidra che si trova in un qualsiasi negozio di casalinghi e costa pochi euro. 

              Sotto nella sezione CONSIGLI trovate tutte le varianti meno light e più saporite.

              Gli spaghetti con zucchine light non contengono lattosio e son adatti a noi intolleranti al lattosio. Nella versione light non dovrebbero contenere istamina (o molto poca)… Quindi spero di riuscire a dormire stanotte.

              Ecco la ricetta!

              INGREDIENTI:

              • 1 zucchina media
              • 80 gr di spaghetti
              • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
              • Sale fino q.b.

                PREPARAZIONE:

                Mettere l’acqua a bollire per cucinare la pasta.

                Lavare bene la zucchina, privarla delle due estremità e tagliarla tipo spaghetti con la “clessidra” che vi ho indicato in precedenza.

                Farle saltare in padella con 2 cucchiai di olio extravergine di oliva e un po’ di sale fino.

                Buttare gli spaghetti nell’acqua bollente e scolarli al dente.

                Saltare gli spaghetti con le zucchine e servire caldi.

                Buon appetito! 😊

                CONSIGLI:

                Io ho l’istamina alta e devo stare a dieta per un po’, ma non è detto che dobbiate farlo voi!

                Formaggio grattugiato: potete aggingerlo a fine : si fanno sbollentare e si aggiungono quasi a fine cottura delle zucchine.

                 Gamberetti: si fanno sbollentare e si aggiungono a fine cottura delle zucchine.

                Aglio: quando soffriggete le zucchine potete aggiungere uno spicco di aglio (che va tolto prima di saltare la pasta).

                Spezie: potendo io avrei aggiunto curcuma o zafferano, peperoncino o pepe nero… E anche una foglia di mentuccia selvatica che con le zucchine ci sta sempre bene (me lo ha insegnato una signora marocchina).

                Questa è la versione degli spaghetti con zucchine, curcuma e pepe nero. Molto simile. Cucinare le zucchine in una padella antiaderente con poco sale, un po’ d’acqua e un cucchiaio di curcuma. Scolare gli spaghetti al dente e farli saltare insieme alle zucchine. A fuoco spento aggiungere un cucchiaio di olio extravergine di oliva e di grana padano grattugiato a lunga stagionatura.

                Casarecce con i broccoli

                Casarecce con i broccoli…

                Una delle cose più buone dell’inverno son proprio i broccoli. Ricchissimi di vitamina C e versatili da cucinare… Mi piacciono molto (anche più dei cavoli), soprattutto nei passati di verdura o per condire la pasta.

                Ho preparato le casarecce con i broccoli in versione più leggera ma in fondo alla pagina trovate la versione più completa e le varianti.

                Le casarecce con i broccoli contengono solo tracce di lattosio, quindi possono essere mangiate tranquillamente da noi intolleranti al lattosio.

                Ecco la ricetta! 😊

                INGREDIENTI:

                • 1 bel mazzo di broccoli freschi
                • 80 gr di pasta tipo caserecce
                • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
                • 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura (eventuale)
                • Sale q.b.

                  PREPARAZIONE:

                  Lavare bene i broccoli, tagliarli a pezzetti e lessarli in acqua salata.

                  Scolare i broccoli e, nella loro acqua di cottura, far cuocere le caserecce.

                  Scolare le caserecce al dente e condirle con i broccoli, l’olio extravergine di oliva e un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura.

                  Servire caldo.

                  CONSIGLI:

                  Versione completa: potete saltare i broccoli in padella con un po’ di olio extravergine di oliva e condirli con abbondante formaggio grattugiato e peperoncino. Oppure mia mamma aggiunge anche le alici sott’olio. Io con istamina alta non posso mangiare nessuna delle due versioni, purtroppo.

                  Crema di broccoli: si possono frullare i broccoli con le noci e ricotta a ridotto contenuto di lattosio e aggiungendo un po’ di 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura.

                  Pesto con i broccoli: frullare i broccoli con olio extravergine d’oliva, noci e 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura.