Archivio Tag: ricette

Filetto di trota in padella

Filetto di trota in padella…

A parte la mia intolleranza al lattosio, ultimamente ho di nuovo del prurito e dei piccoli sfoghi allergici che ormai riconosco da lontano! Ebbene sì! La mia istamina fa di nuovo i capricci ed è alta e ora devo fare una dieta abbastanza rigida! Diciamo che tutto ciò che mi farebbe bene per l’istamina (esempio formaggi freschi) non lo posso assumere per il lattosio e viceversa… Mi son rimasti pochissimi alimenti a disposizione e in questi giorni sto cercando di cucinarli in modo diverso per non stufarli. 

Per mia fortuna, uno degli alimenti che tollero (e l’unico tipo di pesce) è la trota… Oggi avevo questo bel esemplare di circa 800 grammi e ho deciso di divertirmi un po’ a cucinarlo.

Ho pulito e sfilettato la trota per cucinarla in padella, con la testa e le lische ho preparato un fumetto di pesce che ho utilizzato per preparare un risotto e che mi porterò domani al lavoro.

Il filetto di trota in padella è un secondo piatto semplice da preparare, buono e completamente senza lattosio, così noi intolleranti lo possiamo mangiare senza problemi. Per l’istamina, vi posso dire che io tollero la trota senza problemi. Se non siete in fase acuta ma state reintroducendo gli alimenti, provate a mangiarla. Se la tollerate, avete a disposizione un alimento in più! Ed è pure buona da mangiare! Perché non provare?
INGREDIENTI:

  • 2 filetti di trota 
  • Sale 
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva

      PREPARAZIONE:

      Lavare bene la trota e pulirla togliendo le interiora. Tagliare la testa e la coda e, con l’aiuto di un coltello affilato, sfilettarla. Le lische, la testa e la coda si possono utilizzare per preparare un fumetto di pesce.

      Cuocerla in una padella antiaderente aggiungendo un po’ di sale fino.

      Servire caldo con sopra un cucchiaio di olio extravergine di oliva a crudo.
      CONSIGLI:

      Trota impanata: potete preparare una panatura con pane grattugiato, olio evo e spezie varie (origano o cumino, mentuccia, salvia), impanare il filetto di trota e cuocerlo al forno. Così è decisamente più invitante!?

      Casarecce con i broccoli

      Casarecce con i broccoli…

      Una delle cose più buone dell’inverno son proprio i broccoli. Ricchissimi di vitamina C e versatili da cucinare… Mi piacciono molto (anche più dei cavoli), soprattutto nei passati di verdura o per condire la pasta.

      Ho preparato le casarecce con i broccoli in versione più leggera ma in fondo alla pagina trovate la versione più completa e le varianti.

      Le casarecce con i broccoli contengono solo tracce di lattosio, quindi possono essere mangiate tranquillamente da noi intolleranti al lattosio.

      Ecco la ricetta! ?

      INGREDIENTI:

      • 1 bel mazzo di broccoli freschi
      • 80 gr di pasta tipo caserecce
      • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva
      • 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura (eventuale)
      • Sale q.b.

        PREPARAZIONE:

        Lavare bene i broccoli, tagliarli a pezzetti e lessarli in acqua salata.

        Scolare i broccoli e, nella loro acqua di cottura, far cuocere le caserecce.

        Scolare le caserecce al dente e condirle con i broccoli, l’olio extravergine di oliva e un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura.

        Servire caldo.

        CONSIGLI:

        Versione completa: potete saltare i broccoli in padella con un po’ di olio extravergine di oliva e condirli con abbondante formaggio grattugiato e peperoncino. Oppure mia mamma aggiunge anche le alici sott’olio. Io con istamina alta non posso mangiare nessuna delle due versioni, purtroppo.

        Crema di broccoli: si possono frullare i broccoli con le noci e ricotta a ridotto contenuto di lattosio e aggiungendo un po’ di 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura.

        Pesto con i broccoli: frullare i broccoli con olio extravergine d’oliva, noci e 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura.

        Risotto light alla curcuma

        Risotto light alla curcuma…

        Ok lo ammetto… Stavo esagerando! Troppi grassi, troppi dolci ma soprattutto troppi prodotti delattosati che, anche se poco, il lattosio lo contengono e come! Il mio intestino sta iniziando a fare di nuovo i capricci e quindi devo stare un po’ a dieta (almeno sino a carnevale). Quindi niente cibo troppo grasso o difficile da digerire e soprattutto niente lattosio per un bel po’! Diciamo che ho fatto qualche buon proposito per l’anno nuovo e… Ieri sera ho rispolverato la mia fedele amica “La Vaporiera Maria Piera“. Ho iniziato ieri a cena con un bel trancio di salmone con contorno di zucchine e oggi continuo con il Risotto light alla curcuma.

        Piccola parentesi sulle spezie. Se seguite il mio blog (almeno un po’), avete visto che le adoro e le uso spesso quando cucino. Conferiscono ai piatti dei profumi e dei sapori particolari, soprattutto quando devo cucinare qualcosa di leggero o evitare i soffritti (anche se devo ammettere che l’olio extravergine di oliva messo così a crudo a me piace molto). E mi piace anche sperimentare e provare spezie o abbinamenti nuovi. La mia dispensa (e anche il mobiletto del bagno) è piena di vasi e vasetti dove son contenute erbe e spezie di ogni tipo. Le uso in cucina, per i piccoli malanni e anche per detergere e nutrire pelle e capelli. Menomale son nata in questo periodo storico! Sono donna… Ho un caratteraccio bisbetico e irriverente… Ho pure un gatto… Qualche secolo fa sarei finita di sicuro al rogo come strega! eh eh..

        Comunque torniamo al risotto light alla curcuma… Questa spezia l’ho scoperta non da tantissimo; è quella che conferisce al curry quel colore giallo – arancione e in effetti la radice fresca, di colore arancione, macchia parecchio le mani. E’ originaria dell’Asia Orientale ed è molto usata nella cucina indiana. Possiede un sapore delicato che a me piace molto e la utilizzo spesso in alternanza con lo zafferano. Ha un sacco di buone proprietà: antinfiammatoria, antistaminica (e io qualche problema con l’istamina l’ho sempre), digestiva, regola il colesterolo e le funzioni intestinali ed è anche lenitiva.

        Il risotto light con la curcuma è un piatto leggero, dal sapore delicato e non ha lattosio. Adatto a tutti gli intolleranti al lattosio, anche a chi sta facendo la disintossicazione (in questo caso bisogna stare attenti al parmigiano reggiano utilizzato per condire; io ne uso uno ad alta stagionatura, proprio per evitare di assumere il lattosio).

        Ecco la ricetta:

         

        INGREDIENTI:

        • 80 gr di riso
        • 160 gr di acqua naturale
        • 1 cucchiaio di dado vegetale
        • 1 pezzo di radice di curcuma di circa 1,5 o 2 cm (oppure un cucchiaino colmo di curcuma in polvere)
        • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
        • 1 cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato a lunga conservazione (eventuale)

         

        PREPARAZIONE:

        Nell’apposito recipiente della vaporiera, mettere il riso, l‘acqua naturale, il dado vegetale, la curcuma e mescolare il tutto. Far cuocere in vaporiera per circa 20 minuti o in base al tempo indicato nelle istruzioni della vostra vaporiera.

        Condire con l’olio extravergine di oliva, il parmigiano reggiano grattugiato a lunga conservazione e servire caldo.

         

        CONSIGLI:

        • Riso: si può sostituire con gli altri cereali come il miglio o l’orzo.
        • Dado vegetale: io lo preparo a casa e mi piace molto il sapore delle verdure. Potete sostituire con del brodo vegetale (deve essere sempre il peso doppio del quantitativo di riso o altro vegetale). Non vi consiglio dadi granulari o acquistati nella grande distribuzione perché al di là della genuinità, a me non piace il sapore che trovo “finto” e che copre il sapore delicato della curcuma. Se non avete nè dado vegetale nè brodo vegetale, va benissimo anche un trito di verdure fresche e sale (cipolla, pomodoro, carota, sedano o prezzemolo, etc).

         

        Frollini con mela e cannella

        Frollini con mela e cannella…

        Era da un po’ di tempo che mi frullava questa idea nella testa… Modificare la ricetta della pasta frolla di mia mamma per fare dei frollini aromatizzati con mela e cannella… E oggi, complice una tempesta d’acqua con vento forte che mi ha costretto a stare a casa, ho deciso di provarli.

        Sono buonissimi! Vale la pena farli anche solo per il profumo di mela e cannella che si diffonde per casa! ?

        Son partita dalla ricetta della pasta frolla classica e ho sostituito metà dello strutto con la polpa di mela grattugiata; i frollini son venuti buoni e meno calorici della pasta frolla classica. Ho usato solo lo strutto quindi i frollini con mela e cannella son totalmente senza lattosio e noi intolleranti possiamo mangiarli senza problemi.

        Ecco la ricetta!


        INGREDIENTI
        :

        • 500 gr di farina 00
        • 250 gr di zucchero semolato
        • 100 gr di polpa di mele grattugiata (circa 2 mele medie)
        • 100 gr di strutto
        • 2 uova
        • 1 bustina di lievito per dolci
        • 2 cucchiai di cannella in polvere
        • Scorza grattugiata di 1 limone

            PREPARAZIONE:

            Mettere tutti gli ingredienti solidi (farina 00, zucchero semolato, lievito, scorza di limone, cannella in polvere) e miscelare tra loro.

            Aggiungere le due uova e miscelare bene.

            Aggiungere le mele grattugiate, lo strutto sciolto e lavorare con le mani finché si forma la pasta. Se all’inizio la trovate “farinosa” non preoccupatevi, la pasta diventerà liscia man mano che la lavorate con le mani.

            Prendere dei piccoli pezzi di pasta frolla e stenderli con l’ausilio di un mattarello. Con una formina dare la forma ai biscotti (io oggi ero ispirata dai cuori ❤️❤️❤️) e adagiarli su una teglia da forno.

            Cuocere a 180°C con forno statico per circa 20 minuti o mezzora oppure con forno ventilato e due teglie alla volta. I biscotti saranno cotti quando son belli dorati.

            Eccoli qua! ???

            CONSIGLI:

            Mela grattugiata e cannella: io le adoro! Mi sanno di caldo, inverno, relax! Insieme all’arancia son tra i sapori più rappresentativi dell’inverno! Però ovviamente si possono sostituire. In un sito vegano avevo letto che burro o strutto si possono sostituire con l’avocado e prima o poi proverò questa soluzione… Solo che devo trovare la spezia adatta con cui associarlo… Ci penserò!

            Cioccolata calda: i frollini con mela e cannella sono ottimi per accompagnare un buon the o una bella tazza di cioccolata calda… Indovinate cosa ho scelto io stavolta? Se cliccate sopra vi porta direttamente alla ricetta!

            Straccetti di pollo all’arancia

            Straccetti di pollo all’arancia…

            Questa idea mi è venuta perché io adoro la carne di pollo ma, a volte, la trovo troppo asciutta. In questo modo la carne resta più morbida e meno calorica (il succo d’arancia sostituisce l’olio extravergine di oliva) e vi dico che il suo sapore è davvero delicato.

            Nessun ingrediente poi, contiene il lattosio,quindi va benissimo per noi intolleranti.

            Ecco la ricetta!


            INGREDIENTI
            :

            • 6 fettine di pollo
            • 2 arance biologiche
            • 1 cucchiaio di aceto balsamico
            • 1 cucchiaio di trito di carote, sedano, cipolle e aglio
            • Sale q.b.

              PREPARAZIONE:

              Lavare bene le arance. Spremerle per ottenere il succo e tenere da parte la scorza di una arancia.

              In un recipiente con chiusura ermetica, versare il succo di arancia, aggiungere il trito misto, la scorza d’arancia, il sale, l’aceto balsamico e miscelare bene.
              Tagliare le fettine di pollo a tocchetti, versarle nel succo d’arancia e farle macerare in frigo.

              Cucinare sulla piastra e servire caldo.


              CONSIGLI
              :

              Pollo: può essere sostituito anche dal tacchino oppure dal pesce come filetto di sogliola o di platessa.

              Aceto balsamico: si può sostituire anche con la di soia

              Trito: si può sostituire con spezie varie

              Ananas caramellato

              ​Ananas caramellato…

              Si si lo so… Sto esagerando… Ho preso gen tre kg tra matrimonio di mio fratello e poi con le feste natalizie… Dalla settimana prossima torno a regime con dieta disintossicante, palestra e quell’odioso plank… Ma oggi è festa! Lasciate sfogare la mia golosità e la mia creatività! ???

              Fuori fa freddo e ho voglia di una merenda diversa e sfiziosa e non so resistere all’idea dell’ananas caramellato al profumo di cannella!

              Questa ricetta è adatta per gli intolleranti al lattosio come me. Contiene solo un paio di fiocchi di burro a ridotto contenuto di lattosio… Niente di più!

              INGREDIENTI:

              • 1 ananas
              • Un po’ di burro a ridotto contenuto di lattosio 
              • 1/2 bicchiere di brandy 
              • Miele q.b
              • Cannella q.b.

                PREPARAZIONE:

                Sbucciare l’ananas e tagliarla a rondelle togliendo la parte centrale.
                In un tegame antiaderente mettere a sciogliere il burro a ridotto contenuto di lattosio e rosolare l’ananas da ambo i lati.
                Aggiungere il bicchiere di brandy e far sfumare bene.
                Abbassare la fiamma, aggiungere il miele e la cannella e far caramellare lentamente. 
                Servire tiepido insieme ad una tazza di the.

                CONSIGLI:

                Esiste anche la versione più semplice e meno calorica. Basta mettere un po’ di miele in un tegame e rosolare l’ananas solo con quello. Aggiungere la cannella e spegnere.

                Pasticcio di pasta e carciofi

                ​Pasticcio di pasta e carciofi

                Cosa fai quando arrivi all’ora di pranzo con una fame e non sai cosa cucinare?

                Apri il frigo e inventi qualcosa con quello che trovi pronto! “Elementare Watson!”
                Ebbene sì! Oggi ho fatto proprio così! Ero in fase ritiro albero di Natale e non mi son resa conto dell’orario… E allo stesso tempo, essendo oggi un giorno festivo (ogni scusa è buona per ingrassare!!!) volevo mangiare qualcosa di diverso dalla solita pasta… In frigo ho trovato degli ottimi carciofi stufati e allora mi è venuta l’idea del pasticcio di pasta e carciofi. 
                Gli ingredienti che ho utilizzato sono a ridotto contenuto di lattosio (mozzarella che si può omettere e latte) e con tracce di lattosio (parmigiano reggiano a lunga stagionatura), quindi noi intolleranti al lattosio possiamo mangiare il pasticcio di pasta e carciofi senza problemi.

                INGREDIENTI:

                (Per 2 persone)

                • 160 gr di pasta (mezze maniche)
                • 4 carciofi stufati
                • 1 mozzarella a ridotto contenuto di lattosio
                • Sale q.b.
                • Parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura 

                Per la besciamella:

                • 20 gr di burro senza lattosio
                • Farina q.b.
                • Latte a ridotto contenuto di lattosio
                • Sale q.b.
                • Pepe nero q.b.

                PREPARAZIONE:

                Mettere l’acqua a bollire e aggiungere il sale. 

                Ora bisogna preparare la besciamella. In una pentola con il fondo antiaderente far sciogliere il burro a ridotto contenuto di lattosio e poi aggiungere la farina. Mescolare bene e aggiungere il latte a poco a poco. Continuando a mescolare, aggiungere il sale e il pepe nero e portare ad ebollizione. Spegnere quando la besciamella è densa.

                Buttare la pasta nell’acqua e cronometrare il tempo di cottura. Io di solito la scolo molto al dente perché poi deve continuare la cottura nel forno.

                Aggiungere alla besciamella un po’ dei carciofi stufati e frullare con l’ausilio di un frullatore a immersione (o un robot da cucina).

                Tagliare la mozzarella a ridotto contenuto di lattosio a dadini.

                Scolare la pasta e adagiarla nella teglia da forno. Condire bene con la besciamella. Aggiungere la mozzarella, i carciofi, il parmigiano reggiano grattugiato a ridotto contenuto di lattosio e mescolare bene. Aggiungere un po’ di parmigiano reggiano grattugiato sopra insieme a qualche noce di burro a ridotto contenuto di lattosio. 

                Infornare a 180°C funzione grill per circa 20 minuti o quando il pasticcio di pasta e carciofi risulta ben dotato.

                Servire caldo.

                CONSIGLI:

                Mozzarella a ridotto contenuto di lattosio: è superflua. Se non volete esagerare con il lattosio si può anche omettere.

                Carciofi: a me piacciono molto ma il pasticcio viene buono anche con le altre verdure come zucchine o peperoni o anche bietole.

                Tortino di verdure

                Il tortino di verdure è una idea che mi è venuta stasera quando ho aperto il frigo.

                Avevo una rimanenza di zucchine e carote, una confezione di pasta sfoglia in scadenza e una mozzarella a ridotto contenuto di lattosio. 

                Ho acceso il forno, srotolato la pasta sfoglia e in tre minuti di orologio la mia cena era avviata! 

                Nella preparazione ho utilizzato la mozzarella a ridotto contenuto di lattosio e il parmigiano reggiano stagionato 36 mesi (lattosio nullo o in tracce irrisorie), quindi noi intolleranti possiamo mangiare il tortino di verdure senza problemi.

                Ecco a voi la ricetta! ?

                INGREDIENTI:

                • 1 confezione di pasta sfoglia rettangolare senza lattosio 
                • 1 zucchina 
                • 1 carota 
                • 4 o 5 foglie di radicchio 
                • 1 mozzarella a ridotto contenuto di lattosio 
                • 3 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato stagionato 36 mesi
                • Pepe nero q.b.
                • Sale q.b.
                • Tuorlo d’uovo (per spennellare la superficie del tortino)

                  PREPARAZIONE:

                  Lavare bene le zucchine e le carote e tagliarle a mezzaluna. Adagiarle nella vaporiera, aggiungere un pizzico di sale fino e farle cuocere per circa 20 minuti (a me piacciono belle croccanti). Si possono cuocere anche nel microonde o farle bollite.

                  Srotolare la pasta sfoglia in modo che si riscaldi un po’. Lavare il radicchio e asciugarlo bene.

                  Lasciar raffreddare le zucchine e le carote e metterle in un tegame. Aggiungere il pepe nero e il parmigiano reggiano grattugiato e mescolare bene. Scolare e tagliare la mozzarella a ridotto contenuto di lattosio a cubetti e mescolarla alle verdure.

                  Ora non ci resta che comporre il nostro tortino di verdure! Adagiare le foglie di radicchio su meta della pasta sfoglia e poi versare sopra le verdure condite. Coprire con l’altra metà della pasta sfoglia e sigillare bene. Bucherellare la superficie con i rebbi di una forchetta. Spennellare il tortino di verdure con il tuorlo d’uovo e mettere in forno statico a 180°C per circa 20 minuti o fino a che non è ben dorato. Controllare che sia ben cotto anche sotto. 

                  Servire caldo.

                  CONSIGLI:

                  • Verdure: io ho utilizzato zucchine e carote che avevo in frigo. Il tortino di verdure è buono anche con altre verdure come ad esempio peperoni, melanzane e zucchine. 

                  Gnocchetti con zucchine, rucola e noci

                  Gnocchetti con zucchine, rucola e noci è una ricetta veloce e sfiziosa che ho preparato oggi all’ultimo momento.

                  Sono a pranzo da mia mamma e lei ha preparato una buonissima pasta (gnocchetti) con ragú che, ahimè, io non posso mangiare! :'(

                  Quindi che fare? Ho dovuto inventare un condimento diverso per i miei gnocchetti e anche veloce da preparare (i 14 minuti di cottura dei gnocchetti sardi) e voilà i gnocchetti con zucchine, rucola e noci!

                  Questa ricetta è preparata con ingredienti a ridotto contenuto di lattosio, quindi adatta a noi intolleranti.

                  INGREDIENTI:

                  • 80 gr di gnocchetti sardi
                  • 1 zucchina
                  • 1 mazzo di rucola
                  • 2 noci sgusciate
                  • 2 cucchiai di parmigiano reggiano stagionato 36 mesi
                  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
                  • sale q.b.

                  PREPARAZIONE:

                  Mettere l’acqua a bollire per cuocere gli gnocchi.

                  Lavare la zucchina, tagliarla per il lungo e poi a rondelle. Farla cuocere al microonde per circa 7 – 8 minuti

                  Buttare la pasta nell’acqua bollente.

                  Nel frattempo lavare e asciugare la rucola e tagliarla non troppo sottile. Tagliare le noci a pezzetti non troppo piccoli.

                  Scolare  gnocchetti al dente e condirli con l’olio extravergine di oliva, la zucchina e il parmigiano reggiano stagionato.

                  Aggiungere la rucola e le noci tritate, mescolare bene e servire caldo.

                  Buon appetito! ☺️


                  CONSIGLI
                  :

                  • Parmigiano reggiano: io ho usato il parmigiano reggiano stagionato, quindi a ridotto contenuto di lattosio. Se qualcuno non lo tollera, si può omettere e i gnocchetti con zucchine, rucola e noci vengono saporiti lo stesso.
                  • Pesto: potete frullare le zucchine con le noci, la rucola e l’olio extravergine di oliva e fare un pesto. Anche così i gnocchetti con zucchine, rucola e noci viene buonissima. Oggi però ero ispirata così! Mi piace anche non mischiare troppo i sapori come col pesto ma “sentirli” mentre mangio.

                  Torta paradiso

                  La torta paradiso è il dolce che ho ricevuto ieri in regalo per il mio compleanno!

                  È stata davvero una bellissima sorpresa… Ricevere una torta fa sempre piacere ma mia comare è stata fantastica. La torta paradiso è buonissima, si scioglie in bocca ma soprattutto l’ha preparata con ingredienti totalmente senza lattosio, così io e qualsiasi altro intollerante al lattosio possiamo mangiarla senza problemi.

                  La consistenza e la semplicità fanno della torta paradiso una delle mie preferite. È buona così semplice per colazione… Si può farcire con crema o cioccolato, oppure si può usare come base nelle crostate di frutta (io di solito uso la frolla)… Insomma, avrò di che divertirmi nei prossimi mesi.

                  Ma ora basta papiri… Ecco a voi la ricetta della torta paradiso!



                  INGREDIENTI
                  :

                  • 5 uova
                  • 250 di farina 00
                  • 280 gr di zucchero
                  • 80 ml di latte di riso
                  • 70 ml di olio evo
                  • 1 bustina di lievito
                  • Zucchero a velo (per guarnire)

                  PREPARAZIONE:

                  Dividere i tuorli delle uova dagli albumi e montare questi a neve solida insieme a 100 gr di zucchero. Gli albumi son pronti quando, rovesciando il recipiente a testa in giù, non si muovono.

                  Lavorare i tuorli d’uovo con il restante zucchero sino a che non hanno assunto una consistenza cremosa, quasi bianca.

                  Aggiungere l’olio extravergine di oliva e mescolare bene. Aggiungere la farina 00 e il lievito per dolci setacciati e mescolare bene. Poi aggiungere il latte di riso a poco a poco e mescolare bene in modo che non si formino grumi e l’impasto sia liscio e cremoso.

                  Aggiungere gli albumi montati a neve mescolando dal basso all’alto in modo che l’impasto resti gonfio e spumoso.

                  Foderare una teglia da forno ( sul link si può vedere come si fa) e versare l’impasto. Cuocere a circa 170-180 °C per circa mezzora o finché diventa dorata e, pungendo con uno stuzzicadenti, questo non si sporca.

                  Lasciare raffreddare e poi spolverare la superficie con zucchero a velo.


                  CONSIGLI
                  :

                  Latte di riso: utilizzato perché è totalmente senza lattosio e la torta risulta ancora più soffice. Potete sostituirlo con latte a ridotto contenuto di lattosio o, se non siete intolleranti al lattosio, con qualsiasi tipo di latte.

                  Farcitura: io la preferisco semplice per colazione. Ma si può farcire con crema o cioccolato oppure si può utilizzare come alternativa alla pasta frolla nelle crostate di frutta fresca.

                  Conservazione: la torta paradiso dura circa due o tre giorni, poi perde la sua morbidezza e inizia a seccare. Io la conservo in un porta torte e, quella che so di non consumare, la congelo già a fette.