INTOLLERANZA AL LATTOSIO

Straccetti di vitello all’aceto balsamico

Straccetti di vitello all’aceto balsamico…

Ieri è stata una giornata lunghissima e assurda; ho finito tardissimo e, ahimè, non ce l’ho fatta nemmeno ad andare in palestra! 😢😢😢 Cosa assurda per me che son una mandrona nata ma devo ammettere che questo mi ha urtato! Non lo avrei mai detto qualche anno fa ma saltare la palestra mi dà fastidio… La considero una routine o uno dei miei (pochi) momenti di relax, un antistress. Vi confesso che i primi minuti, quelli della cyclette, li passo a maledirmi per esserci andata ma poi è figo! Mi riposa, mi rilassa! Anche quei dolorini post palestra son meravigliosi… Insomma! Mi manca troppo (e infatti oggi andrò di sicuro👍).

Tornando a noi… Ho fatto appena in tempo a passare dal mio macellaio di fiducia e ne son uscita con un bel pezzo di polpa di vitello e delle fettine di pollo (che ho già messo a marinare con succo d’arancia, aceto balsamico e pepe nero). Arrivata a casa giusta giusta per la cena e allora mi son ricordata di una ricetta fatta tempo fa, ricetta velocissima e quasi banale: gli straccetti di vitello all’aceto balsamico. 😉

Nella versione originale è completamente senza lattosio quindi adatta sia agli intolleranti e a chi è in disintossicazione. Io stavolta ho aggiunto due pezzetti piccolissimi di formaggio grana Bella Lodi (naturalmente privo di lattosio con lattosio residuo <0,01%) e un po’ di rucola e ci stavano bene! 😉

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 120 gr di polpa di vitello
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • 5 gr di formaggio grana Bella Lodi (lattosio <0,01%) – opzionale
  • Qualche foglia di rucola – opzionale

PREPARAZIONE:

Tagliare la polpa di vitello a cubetti eliminando la parte grassa ed eventuali filamenti. Condire con aceto balsamico, olio extravergine di oliva, sale fino e pepe nero. Lasciar riposare in frigo per un’oretta e poi cucinare in una padella antiaderente.

Servire sopra un pezzo di pane carasau (o una piadina) e eventualmente guarnire con pochissima grana Bella Lodi (tagliata a striscioline quasi trasparenti) e qualche foglia di rucola tagliata grossolanamente.

CONSIGLI:

  • Rucola e grana: potete sostituire con un rametto di rosmarino e uno di timo tutti e due freschi da mettere nella marinatura.
  • Carne: ottima anche quella di pollo o di manzo. 😉

Muffin

Muffin…

E ci son cascata di nuovo… Dopo le mille promesse di “da lunedì dieta” alla fine son caduta sui muffin! 😂😂😂 Ma fuori è brutto tempo, c’è un vento tremendo e volevo rilassarmi un attimo! 😍😍😍
Nel frattempo che cucinano, io e la mia coscienza stiamo avendo un acceso dibattito su dieta, prova costume and co. Siamo giunte ad una conclusione… Domani mi peso (piango lo so già) e inizio la dieta! A pranzo, cena, merenda e spuntini sarò ligia al dovere e alle calorie ma… La colazione no! Quella resta dolce e ricca! Mi serve una dose massiccia di carboidrati per affrontare questi lunghissime giornate! 👍👍👍👍
Ps. I muffin son completamente senza lattosio adatti a noi intolleranti al lattosio e a chi è in disintossicazione.

La preparazione è simile alla mia ricetta dei muffin arancia, cioccolato e cannella. Se cliccate sul link trovate la ricetta dettagliata con le foto di tutti i passaggi. 😉

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

(per 6 muffin medio – grandi)

  • 220 gr di farina 00
  • 60 gr di zucchero semolato
  • 80 ml di succo di frutta alla pesca
  • 50 gr di olio extravergine di oliva
  • 2 uova
  • 1/2 bustina di lievito per dolci
  • Cioccolato fondente a pezzetti q.b.
  • 1 pizzico di sale fino
  • Zucchero a velo q.b. (per la glassa)
  • Acqua q.b. (per la glassa)
  • Colorante per dolci in gel rosso q.b. (per la glassa).
  • Diavoletti di zucchero colorato (per guarnire)

PREPARAZIONE:

Lavorare le uova con lo zucchero e un pizzico di sale fino finché non si ottiene un impasto spinoso. Aggiungere il succo di frutta e mescolare bene. Aggiungere l’olio extravergine di oliva e mescolare bene facendolo assorbire completamente all’interno dell’impasto. Sempre mescolando aggiungere la farina 00 setacciata piano piano e infine aggiungere il lievito per dolci.

In ciascun pirottino mettere un cucchiaio abbondante di impasto. Tagliare il cioccolato fondente a pezzetti e inserirlo nell’impasto. Coprire con l’altro impasto finché i pirottini son pieni per 2/3 della loro capienza. Cucinare con forno statico a 175°C per circa 20 – 30 minuti. Fare la prova stecchino prima di toglierli! 😉

Nel frattempo che raffreddano, preparare la glassa mescolando lo zucchero a velo con una piccolissima goccia di colorante per dolci e pochissima acqua tiepida. Guarnire la superficie dei muffin (devono essere freddi) e aggiungere i diavoletti di zucchero colorato.

CONSIGLI:

  • Succo di frutta: a me piace utilizzarlo e poi così ho diminuito lo zucchero. Ma se preferite si può sostituire con qualche bevanda vegetale (io di solito utilizzo quella di riso).

Ossibuchi con i funghi

Ossibuchi con i funghi…

L’idea è nata così per caso mentre ero dal mio macellaio di fiducia (che è bravissimo e molto serio) e cercavo una alternativa diversa alla solita fettina. Ho visto gli ossibuchi e, visto che a casa avevo dei funghi freschi da cucinare, ho pensato di unire le due cose. 😉😉😉 E il risultato è stato davvero buono. Ci ho fatto pure la scarpetta alla fine! 😂😂😂

Gli ossibuchi con funghi non contengono lattosio; adatti agli intolleranti al lattosio e a chi è in disintossicazione (da lattosio).

E ora ecco la ricetta!😉

INGREDIENTI:

  • 2 pezzi di ossobuco medio – grandi
  • 1 confezione di funghi freschi
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 rametto di prezzemolo
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Farina 00 q.b.
  • Peperoncino q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene i funghi e tagliarli a listarelle. In una padella mettere un paio di cucchiai di olio extravergine di oliva e l’aglio lavato e tagliato in due (io tolgo anche la parte centrale), far soffriggere per un po’ e poi aggiungere i funghi. Cuocere a fiamma media e aggiungere anche acqua se dovessero asciugarsi troppo. Aggiungere anche il sale fino e un pizzico di peperoncino. Lavare, tritare il prezzemolo e aggiungerlo ai funghi a fine cottura. Levare lo spicchio d’aglio. 😉

Impanare gli ossibuchi con un po’ di farina 00 e farli rosolare in una padella con olio extravergine di oliva. Quando son ben dorati, sfumare con un 1/2 bicchiere di vino bianco secco. Aggiungere un pizzico di sale fino e acqua e far cuocere per circa mezzora a fiamma bassa e con il tappo.

A fine cottura togliere il tappo, far evaporare un po’ d’acqua (se è ancora in eccesso) e far saltare in padella insieme ai funghi.

Servire gli ossibuchi con i funghi caldi e in un letto di pane carasau (vanno bene anche i crostini di pane).

Cestini gamberetti e salsa guacamole

Cestini gamberetti e salsa guacamole…

L’idea dei cestini gamberetti e salsa guacamole mi è venuta quando una delle mie fantastiche cuginette mi ha regalato tre bellissimi avocado. 😍😍😍 Forse è quella più simile a me… Tutte e due abbiamo la testa un po’ tra le nuvole, siamo calamite ambulanti per gaffes e situazioni imbarazzanti ma soprattutto adoriamo sperimentare con spezie, cucina esotica e nuove ricette. Strano che non avessimo già sperimentato qualcosa con gli avocado! 😀

Ho pensato subito ai gamberetti e alla salsa guacamole (li avevo mangiati in un viaggio a Tenerife) e i cestini di pasta sfoglia son semplicemente un modo più carino di presentare il piatto. E devo dire che il risultato finale non era male! È piaciuto molto. 😉

I cestini gamberetti e salsa guacamole son completamente senza lattosio, adatti agli intolleranti (al lattosio) e a chi è in disintossicazione.

Ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 1 avocado maturo
  • 1 confezione di pasta sfoglia
  • 16 gamberetti sgusciati
  • 1 pezzetto di peperone
  • 1 pomodoro
  • 1 pezzetto di cipolla
  • 1 limone piccolo
  • Peperoncino q.b.
  • Sale fino q.b.
  • 2 mandarini (per la marinatura dei gamberetti)
  • 1 cucchiaio di olio extravergine d’oliva (per la marinatura dei gamberetti)
  • 1 cucchiaio di aceto balsamico (per la marinatura dei gamberetti)
  • Pepe nero (per la marinatura dei gamberetti)
  • 1 noce di burro a ridotto contenuto di lattosio (per imburrare gli stampini) – lattosio <0,01%
  • 2 – 3 cucchiai di farina 00 (per infarinare gli stampini)
  • Lenticchie secche q.b.

PREPARAZIONE:

Spremere i mandarini e ricavare il succo. In un recipiente fondo mettere il succo dei mandarini, l’aceto balsamico, l’olio extravergine di oliva, un pizzico di pepe nero e di sale fino. Mescolare bene e aggiungere i gamberetti sgusciati.

Stendere la pasta sfoglia e lasciarla “riscaldare” per una decina di minuti. Con una formina per dolci dare la forma di fiore (o quella che preferite voi) e mettere negli stampini precedentemente imburrati (burro con lattosio residuo inferiore a 0,01%) e infarinati. Tagliare dei quadratini di carta da forno e adagiarli sul fondo dei cestini. Aggiungere un cucchiaio colmo di lenticchie per ogni cestino (così la pasta sfoglia non si gonfia troppo in cottura) e infornare con forno statico a 175°C per circa 20 minuti o finché non son ben dorati.

Prendere l’avocado, tagliarlo a metà nel senso della lunghezza e aprirlo in due parti. Togliere il nocciolo e, con l’aiuto di un cucchiaio, ricavare la polpa. Schiacciare bene con una forchetta e aggiungere il succo di limone e il pomodoro e il peperone tagliati a cubetti piccoli. Aggiungere la cipolla tritata molto sottile, il sale fino, il peperoncino e mescolare bene il tutto.

Scolare i gamberetti, metterli negli spiedini da cucina e farli grigliare da ambo le parti.

Ora non resta che comporre il piatto. Mettere uno o due cucchiai di salsa guacamole in ogni cestino di pasta sfoglia e guarnire con uno o due gamberetti.

CONSIGLI:

  • Cestini di pasta sfoglia: io mi son voluta divertire a prepararli ma se non avete tempo potete usare i voulevant già pronti.
  • Limone: una mia variante. In realtà ci andrebbe il lime ma io non lo avevo a disposizione.

Ravioli di carne

Ravioli di carne

Ravioli di carne…

Dopo un sabato pieno di sole, la domenica è stata piovosa e uggiosa. Cancellato ogni pensiero di gita fuori porta (o di cariche di lavatrice in stile desperate housewife 😀 ) ho passato la giornata ad aiutare mamma e zie nella preparazione dei pizzudos (la versione salata delle più conosciute sevadas sarde, preparati con una pasta all’uovo violata con lo strutto e un ripieno di formaggio fresco acido e patate lesse macinate). Ovviamente, vista la mia intolleranza al lattosio, non ho potuto assaggiarne nemmeno un pezzetto… E allora grazie alla pasta all’uovo avanzata e al macinato che avevo in frigo, ho deciso di preparare dei ravioli che andassero bene anche per me. Ho rispolverato una vecchia ricetta di mia mamma e insieme a lei abbiamo preparato i ravioli di carne.

Son deliziosi… Dal sapore particolare e delicato. Io li mangio conditi con olio extravergine di oliva e pochissimo formaggio grattugiato molto stagionato. Mia mamma (che non è intollerante al lattosio) li preferisce con prosciutto cotto e panna (dovrei provare con una panna vegetale o a ridotto contenuto di lattosio). Nel ripieno dei ravioli di carne c’è un po’ di formaggio grattugiato a lunga stagionatura che contiene tracce di lattosio. Non dovrebbe creare problemi a chi è intollerante al lattosio ma magari state attenti se siete ancora in disintossicazione.

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 2 dosi di pasta all’uovo violata
  • 1 kg di macinato di manzo
  • 500 gr di patate lesse macinate
  • 120 gr circa di formaggio grattugiato a lunga stagionatura
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • 1/2 cipolla piccola
  • 3 – 4 pezzetti di sedano
  • 2 – 3 carote
  • 1/2 bicchiere di vino bianco secco
  • Noce moscata q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene le verdure per il soffritto (sedano, carota, cipolla e aglio) e tritarle bene. Soffriggere insieme alla carne macinata. Aggiungere il sale fino e, quando il macinato è quasi cotto, aggiungere il vino bianco e lasciar sfumare. Lasciar raffreddare la carne e poi tritarla ancora con l’ausilio di un robot da cucina (questa operazione è molto importante e la carne deve essere ben tritata e morbida in modo che non vada a bucare la pasta).

Mentre la carne macinata raffredda, preparare la pasta all’uovo violata (cliccare sul link per vedere gli ingredienti e il procedimento).

In un recipiente mettere la carne macinata tritata e fredda e aggiungere le patate lesse macinate, la noce moscata e il formaggio grattugiato a lunga stagionatura. Aggiustare di sale e mescolare bene il tutto.

Stendere la pasta all’uovo violata in sfoglie molto sottili e mettere dei tocchetti di ripieno in metà delle sfoglie (l’altra metà vi servirà per coprire). Sigillare bene i ravioli di carne in modo che non resti aria dentro (questo fa si che non si spacchino durante la cottura). Adagiare nei vassoi a strati e usare la carta da forno per dividere uno strato da quello successivo. Mettere da parte quelli che verranno cucinati subito e congelare il resto dei ravioli (in buste alimentari ben sigillate).

CONSIGLI:

  • Raviolamp: son delle formine che aiutano nella preparazione dei ravioli. Io li uso da sempre. Mi facilita il tutto e i ravioli vengono molto carini e tutti uguali.
  • Condimento: come vi ho già detto, li preferisco semplici e in bianco ma si possono fare anche con burro a ridotto contenuto di lattosio e salvia o con panna (a ridotto contenuto di lattosio o vegetale e prosciutto cotto). Con sugo semplice dovrei provarli, poi vi dirò!
  • Forma: stavolta ero di corsa e li ho preparati come ravioli semplici ma mi piacciono anche come tortellini o agnolotti.
  • Ripieno: io l’ho preparato in modo semplice ma si può fare un mix di carni macinate (maiale, manzo e pollo) o aggiungere prosciutto crudo o mortadella, così si ha una ricetta simile a quella dei tortellini.

Zeppole sarde

Zeppole sarde…

Le zeppole sarde, che noi chiamiamo “zippulas de loriha” son delle zeppole salate che si preparano in Sardegna (almeno nella mia zona) durante il Carnevale. La ricetta che vi propongo è quella di mia nonna e di mia mamma.

Devo fare una piccola premessa sul carnevale sardo e le sue tradizioni visto che si discosta alquanto da quello che si festeggia nelle altre parti d’Italia e del mondo. Il nostro non è un carnevale colorato ma il colore dominante è il nero… Il buio. Si rifà ad antichi riti pagani propiziatori alla luce e al raccolto. In inverno c’è freddo, buio, la terra è ghiacciata e sterile e si attende l’arrivo della primavera, del caldo, della luce. E allora l’uomo si traveste da animale, si tinge il viso di nero e chiede alla Dea Madre che torni la luce, il caldo, il sole, che la terra sia feconda e dia un buon raccolto. Tutte le maschere del centro Sardegna come Mamuthones, Merdules, Urthos e Buttudos e le altre, ricordano animali come buoi, arieti, montoni, etc. Solo la donna, figura vivente che ricorda la Dea Madre, veniva esentata da questi riti perché già portatrice di vita e di luce. Il nero poi è simbolo di uguaglianza e somiglianza. Quando ci si tinge il volto di nero si è tutti uguali, simili, indistinguibili e per un giorno ci si dimentica di ciò che si è e dei propri problemi. È quello che succede a Ovodda per mehuris de lessia (mercoledì delle ceneri) dove, in barba al primo giorno di quaresima, va in onda uno dei carnevali più belli, originali, trasgressivi di tutta la Sardegna. Una giornata all’insegna di una allegra anarchia dove tutti si tingono il viso di nero e passano la giornata in giro a fare… Quello che vogliono!!! Io amo tantissimo su mehuris de lessia. Pensate che bello “dimenticare” la propria vita, i problemi, i doveri, le scadenze e per una intera giornata pensare solo a divertirsi, socializzare, stare con gli altri.

Con un carnevale così, non stupitevi se anche i dolci son un po’ diversi. Vi ho già parlato delle Lorighettas (di Ovodda pure quelle) e ora vi lascio la ricetta delle zeppole sarde (salate). Certo qua in Sardegna si preparano anche i parafrittus o le zeppole dolci ma io le preferisco salate, mangiate insieme ad un bel pezzo di salsiccia e a un bicchiere di buon vino rigorosamente nero. Provatele così! Non vi deluderanno!😉

Questa ricetta prevede l’utilizzo di latte a ridotto contenuto di lattosio (lattosio residuo pari allo 0,01%). Le zeppole sarde son adatte alla maggior parte degli intolleranti al lattosio ma non a chi è in disintossicazione (da lattosio). In questo caso provate a sostituire con bevanda di avena o farro (restano corpose e son meno dolci delle altre).

Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 1 kg di semola rimacinata
  • 1 patata bollita macinata
  • 2 uova
  • 50 gr di lievito di birra (2 panetti)
  • 400 – 430 gr circa di latte a ridotto contenuto di lattosio (0,01%)
  • 1/2 bicchiere di acquavite
  • 2 arance (scorza grattugiata e tritata)
  • Sale fino q.b.
  • Strutto q.b. (per friggere)
  • latte a ridotto contenuto di lattosio (0,01%) q.b.

PREPARAZIONE:

Nella planetaria impastare insieme la semola, le uova, la patata bollita macinata, il lievito di birra, la scorza d’arancia grattugiata e il sale fino. L’impasto avrà una consistenza sabbiosa.

Sempre continuando ad impastare, aggiungere a poco a poco l’acquavite e poi, sempre piano piano, il latte a ridotto contenuto di lattosio. L’impasto deve risultare morbido e elastico.

Ungere un recipiente molto capiente con il latte a ridotto contenuto di lattosio e adagiare l’impasto. Spennellare la superficie con il latte a ridotto contenuto di lattosio e coprire bene con un canovaccio da cucina. Lasciar lievitare per un’ora e mezza circa o sino al raddoppio.

In un tegame sciogliere lo strutto e, quando è ben caldo buttare dentro le zeppole. Per poterle cuocere, è necessario prendere un pezzetto di impasto e stirarlo bene tra le mani inumidite nel latte a ridotto contenuto di lattosio. Dorare da ambo i lati e, una volta cotte, adagiarle in un vassoio ricoperto con carta da pane o da cucina in modo che perdano l’olio residuo.

Servire calde o tiepide accompagnate da salsiccia secca e da un bicchiere di buon vino.

CONSIGLI:

  • Acquavite: è un superalcolico che si trova in Sardegna; il suo vero nome è abbardente. Potete sostituire con il brandy o col whiskey.
  • Conservazione: le zeppole vanno mangiate subito. Potete congelare quelle che avanzano.

Ciambellone arancia e cacao

Ciambellone arancia e cacao…

Continua il mio periodo di dieta… Son riuscita a trovare un equilibrio e vi giuro che, seppur lentamente, sto dimagrendo. E pure i cm iniziano a diminuire. Yuppi!!! 🎉🎉🎉

Volevo festeggiare questo momento andando a fare shopping… Ecco non fatelo mai! Gli specchi e le luci dei camerini son tremendi! 😭😭😭😭 Hanno messo in luce tutta la mia ciccia e la mia cellulite… Una tristezza assurda! 😢😢😢 Anche se poi di pantaloni me ne son presa ben due paia! 😬😬😬 Comunque visto che son in fase buoni propositi e devo calare ancora… Ho deciso di preparare un dolce per la colazione senza uova, burro, latte o bevande vegetali. Stavolta ho proprio dichiarato guerra alle calorie e ho scelto una torta all’acqua. Mi son concessa solo di sostituire una piccola parte della farina con il cacao amaro e ho insaporito con succo di arancia e cannella.

Il ciambellone arancia e cacao va benissimo per gli intolleranti al lattosio e per chi è in disintossicazione perché non contiene lattosio.

In questo articolo trovate la ricetta veloce. Per consultare la ricetta dettagliata cliccate su torta arancia cioccolato senza lattosio; il procedimento è identico, cambia solo qualche ingrediente.

Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 250 gr di farina 00
  • 50 gr di cacao amaro
  • 200 gr di zucchero semolato
  • Scorza grattugiata di una arancia
  • Succo di 2 arance
  • 150 gr di acqua tiepida
  • 100 gr di olio extravergine di oliva
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 pizzico di sale fino

PREPARAZIONE:

Setacciare la farina 00, il cacao amaro e il lievito per dolci. Mescolare il tutto e aggiungere gli altri ingredienti solidi (zucchero semolato, scorza arancia grattugiata, un pizzico di sale fino). Mescolare bene e poi aggiungere il succo delle arance miscelando il tutto senza che si formino grumi. Piano piano aggiungere l’acqua tiepida e continuare a mescolare bene. Infine aggiungere l’olio extravergine di oliva sempre piano piano e mescolando in modo che non si formino grumi.

Oleare uno stampo per ciambellone, spargere un cucchiaio di farina facendola aderire in tutte le parti interne dello stampo e versare l’impasto.

Cuocere in forno statico a 175°C per 30-40 minuti. Ricordarsi di fare la prova stecchino prima di spegnere (il ciambellone arancia e cacao è pronto quando lo stecchino fuoriesce pulito).

CONSIGLI:

Il ciambellone arancia e cacao è ottimo per colazione o per merenda, servito insieme un the speziato (vi consiglio il Palanquin o uno di quelli di English Tea Shop). Deliziosi! 😉

Frittata di patate

Frittata di patate…

Questa è una di quelle storie dove la protagonista arriva a casa distrutta e con una fame chimica… Avete presente??? Una fame tale che si mangerebbe qualsiasi cosa vedano o suoi occhi! Non c’è tempo per cucinare qualcosa di elaborato o di sano, ma solo per soddisfare la sua voglia di cicciosità! 😂😂😂🙈🙈🙈 Alzi la mano chi non si è mai trovato/a in questa situazione! E allora che si fa? Si apre il frigo e ci si inventa qualche ricetta con le prime cose che si vedono all’interno.

Et voilà! Ecco la vera storia della frittata di patate. Che poi è buonissima e comoda da portare dietro quando si mangia fuori o in pausa pranzo. Penso che la farò più spesso. 😉

La frittata di patate è preparata con ingredienti totalmente senza lattosio quindi adatta sia per gli intolleranti (al lattosio) che per chi è in disintossicazione (dal lattosio). Non è adatta a chi non vuole ingrassare! 😬

E ora… Ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 1 piatto di patatine fritte tagliate a pezzetti molto piccoli
  • 3 uova
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • 1 cucchiaino di parmigiano reggiano grattugiato molto stagionato (lattosio in tracce – ingrediente opzionale)
  • Paprika piccante q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b.

PREPARAZIONE:

Mettere le patatine fritte in un tegame. Aggiungere le uova sbattute, la paprika piccante, il pangrattato, il grana padano grattugiato a lunga stagionatura, un pizzico di sale fino e mescolare bene.

Ungere un tegame antiaderente con pochissimo olio extravergine di oliva e cuocere la frittata di patate girandola da ambo i lati.

Servire calda. Io per sentirmi meno in colpa l’ho mangiata con un contorno di insalata mista.

CONSIGLI:

  • Patate: potete usare anche patate arrosto o bollite ma la vera goduria e la vera cicciosità stanno nelle patatine fritte.
  • Paprika: era buonissima ma potete sostituire con una qualsiasi altra spezia. Scegliete però una spezia piccante che sia in contrasto con il sapore dolce delle patate.

Dessert birra e cioccolato fondente

Dessert birra e cioccolato fondente…

L’idea mi è venuta mentre preparavo la chiffon cake birra e cioccolato fondente, o meglio, la sua glassa. E allora voilà! Ho sperimentato alla grande. Servono pochissimi ingredienti: panna da montare (io ho scelto la Hoplà che ha solo proteine del latte ma non ha lattosio), un po’ di cacao amaro, la colla di pesce, un po’ di zucchero semolato ma soprattutto una birra artigianale scura. Dev’essere saporita, pastosa e di buona qualità. E per guarnire? Sempre la solita panna montata e un pizzico di cannella. Il dessert birra e cioccolato fondente era buonissimo e completamente senza lattosio, quindi perfetto per gli intolleranti al lattosio come me.

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 130 gr di birra artigianale scura
  • 80 gr di panna da montare Hoplà (solo proteine del latte)
  • 30 gr di cacao
  • 100 gr di zucchero semolato
  • 10 gr di colla di pesce
  • 2 cucchiai di panna da montare Hoplà (per sciogliere la colla di pesce)
  • Panna montata (per guarnire)
  • Cannella in polvere q.b. (per guarnire)

PREPARAZIONE:

Mettere la colla di pesce ad ammorbidire in una ciotola piena di acqua tiepida.

Preparare uno sciroppo mescolando la birra artigianale con la panna da montare. Aggiungere il cacao amaro e lo zucchero semolato e mescolare bene. Mettere al fuoco e, quando inizia a bollire, abbassare la fiamma e cuocere per due minuti. Spegnere e aggiungere la colla di pesce precedentemente messa ad ammorbidire in acqua tiepida e fatta sciogliere in due cucchiai di panna da montare.

Versare il composto nelle ciotole di vetro e lasciar raffreddare. Mettere una notte in frigo per solidificare (o un’oretta nel freezer se avete fretta). Guarnire con panna montata e cannella.

CONSIGLI:

  • Birra: conferisce un sapore deciso e particolare che a me piace molto. Se la omettete, otterrete una panna cotta al gusto cacao.

Chiffon cake birra e cioccolato fondente

Chiffon cake birra e cioccolato fondente…

Ebbene sì! Lo ammetto! Son entrata nel tunnel infinito delle chiffon cake… Torte morbidissime, completamente senza lattosio e facili da preparare. Mi si è aperto un mondo meraviglioso e ogni volta penso a come variare la mia chiffon cake… Ho iniziato con la chiffon cake arancia, cioccolato e cannella e poi ho voluto sperimentare la chiffon cake cocco e menta ribattezzata “fluffedda” da Vanessa, una delle mie amiche di sventura con l’intolleranza al lattosio.

Stavolta invece la madrina della mia fluffedda è Silvia, una ragazza dolcissima con cui condivido soprattutto la passione per i vari tipi di birra (oltre la “fortuna” della intolleranza al lattosio ovviamente). Tra una chiacchiera e l’altra ci siamo chieste cosa sarebbe successo sostituendo il succo d’arancia, la menta o l’acqua con della buonissima birra artigianale scura… E poi perché non aggiungere anche il cioccolato fondente??? 😍😍😍 Et voilà, una nuova fluffedda è pronta.

Ha un sapore più deciso e particolare, è meno dolce rispetto alla chiffon cake cocco e menta ma vi dico che merita sul serio. Da provare!

E come tutte le chiffon cake (almeno quelle preparate da me) è completamente senza lattosio, quindi va benissimo per noi intolleranti ma anche per chi è in disintossicazione.

La chiffon cake birra e cioccolato fondente come una qualsiasi chiffon cake, va cotta nell’apposito stampo che trovate sia su Amazon che in un qualsiasi negozio di casalinghi (io l’ho pagato euro 9,90). Eccolo qua.

E ora, ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 290 gr di farina 00
  • 290 gr di zucchero semolato
  • 200 ml di birra artigianale scura
  • 120 ml di olio extravergine di oliva
  • 6 uova
  • 50 gr di cioccolato fondente
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 7 gr di cremor tartaro

Per guarnire:

  • 130 gr di birra artigianale scura
  • 80 gr di panna da montare Hoplà (solo proteine del latte)
  • 30 gr di cacao
  • 100 gr gr di zucchero semolato
  • 10 gr di colla di pesce

PREPARAZIONE:

Separare gli albumi dai tuorli e montarli a neve ferma. Aggiungere il cremor tartaro e frullare bene.

In un recipiente mescolare i tuorli con l’olio extravergine di oliva e poi aggiungere la birra artigianale.

In un altro recipiente setacciare la farina 00 e poi aggiungere il lievito per dolci e lo zucchero semolato. Amalgamare bene il tutto.

Unire gli ingredienti liquidi a quelli solidi a poco a poco mescolando in modo che non si creino grumi. Tagliare a pezzetti piccoli il cioccolato fondente e aggiungerlo all’impasto. Infine aggiungere gli albumi montati a neve e incorporarli all’impasto a poco a poco e sempre mescolando dal basso verso l’alto in modo che l’impasto resti spumoso e non si sgonfi.

Versare l’impasto nell’apposito stampo e cuocere con forno statico a 160°C per circa 70 minuti. Prima di spegnere il forno, fare la prova dello stecchino (la chiffon cake birra e cioccolato fondente è pronta quando lo stecchino fuoriesce pulito).

Togliere la torta dal fuoco e lasciarla raffreddare capovolgendola. Quando la torta è fredda, si stacca da sola dai bordi e dal fondo.

Per guarnire la chiffon cake birra e cioccolato fondente, preparare uno sciroppo mescolando la birra artigianale con la panna da montare. Aggiungere il cacao amaro e lo zucchero semolato e mescolare bene. Mettere al fuoco e, quando inizia a bollire, abbassare la fiamma e cuocere per due minuti. Spegnere e aggiungere la colla di pesce precedentemente messa ad ammorbidire in acqua tiepida e fatta sciogliere in due cucchiai di panna da montare.

CONSIGLI:

  • Stampo: è necessario procurarsi lo stampo apposito in alluminio. Così la fluffedda cocco e menta verrà perfetta.
  • Per agevolare il distacco della torta dallo stampo, potete passare un coltello nel bordi esterno e interno.