Archivio Tag: torta

Torta di mele e melograno

Torta di mele e melograno…

Non smetterò mai di tediarvi abbastanza parlando del mio amore sconfinato per l’autunno, i suoi colori, i suoi profumi e i suoi sapori. 😍

Uno dei frutti che io adoro di più è il melograno. Rosso, succoso, saporito e dalle tantissime virtù. Ho la fortuna di avere un albero grande in giardino che ogni anno è carico di frutti e io ne approfitto alla grande. 

In realtà ne ho anche una versione mini… Ecco a voi Giordano il melograno nano! Guardate che carino! 

Giordano il melograno nano

Ha subito un periodo di adattamento per la nuova collocazione nel balcone e il rinvaso ma ora sta meglio. 🎉🎉🎉 Ha ripreso a fiorire e sta iniziando a portare anche i melograni. 

Ma purtroppo questa annata continua ad essere strana e anche la frutta ne subisce le conseguenze! 😢

Melograno

I frutti son già grandi con un mese di anticipo ma purtroppo si spaccano senza giungere a maturazione e marciscono direttamente sopra l’albero. 😢😢😢

Anziché gustarmeli in tutta tranquillità, sto cercando di consumarli più velocemente inserendoli nelle ricette. 😉 Visto che oggi è domenica e dovevo preparare una torta per le colazioni della settimana, ho pensato di modificare la ricetta della mia torta di mele utilizzando il succo di melograno al posto del latte di riso. E vi dico che il risultato finale non è niente male.

La torta di mele e melograno è profumatissima e non contiene nessun latticino, adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me.

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 3 uova
  • 150 gr di zucchero semolato
  • 210 gr di farina 00
  • 2 mele grattugiate (per l’impasto)
  • 2 mele tagliate a fettine sottili (per guarnire)
  • 1 limone (buccia grattugiata)
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 150 ml di succo di melograno
  • 75 ml di olio extravergine di oliva
  • Scorza grattugiata di un limone
  • Arilli di melograno (chicchi) q.b. per guarnire
  • Zucchero semolato q.b. per guarnire

PREPARAZIONE:

Rompere le uova e separare gli albumi (che vanno montati a neve) dai tuorli e aggiungere lo zucchero. Io ho messo 3 cucchiai di zucchero negli albumi (montano meglio a neve) e i restanti 10 cucchiai di zucchero nei tuorli.

Montare gli albumi a neve “ferma”; cioè inclinando il recipiente quasi verticale gli albumi non si devono muovere. Solo così sono pronti. Lavorare il restante zucchero con i tuorli sino a che non si ottiene una crema quasi bianca. Aggiungere la farina 00 setacciata e il succo di melograno a poco a poco, mescolando in continuazione. Aggiungere l’olio evo e la scorza grattugiata del limone e continuare a mescolare.

Aggiungere la polpa grattugiata delle mele e il lievito per dolci setacciato e mescolare. Aggiungere gli albumi montati a neve e mescolare delicatamente dal basso verso l’alto per incorporarli nell’impasto senza sgonfiarlo.

Per foderare la tortiera, potete cliccare su questo link:
come foderare la tortiera

Torta mele e melograno_prepatazione

Tagliare le restanti mele a fettine sottili e guarnire la torta. Aggiungere i chicchi di melograno e zucchero sopra le mele e infornare a 175° C per circa 50 minuti. La torta sarà pronta quando sarà dorata in superficie e, pungendola con un coltello uno spiedino in legno, questo uscirà fuori pulito.

CONSIGLI:

La torta di mele e melograno è ottima la mattina per colazione o per una merenda accompagnata da un buon tea o un infuso. Va consumata entro due o tre giorni altrimenti poi si asciuga. 😉

Ciambellone alle pesche

Ciambellone alle pesche

Ciambellone alle pesche…
Ragazzi io non ce la faccio… Non sono pronta per essere catapultata nuovamente e bruscamente nella mia solita vita! 😭😭😭 Ho davvero bisogno di una settimana di ferie per riprendermi dalle ferie. O almeno di un inizio un po’ più soft e invece non è possibile. Da oggi si riprende con lavoro, intere giornate fuori casa e palestra. 😔 Per il primo mi sarebbe piaciuto un inizio meno traumatico (magari solo la mattina); per la palestra non posso farne a meno. Due settimane di ferie e mangiare come se non ci fosse un domani (che invece c’è e si chiama oggi) mi hanno fatta lievitare come un crossant. 🐷 Quindi da oggi si rinizia. E si rinizia anche con un po’ di sana dieta che non vuol dire che sarà dimagrante ma ho davvero bisogno di mangiare in maniera più leggera e equilibrata. Niente più colazioni fuori casa né stravizi e d’ora in poi il dolce solo la mattina a colazione.
E allora ecco qua il mio ciambellone alle pesche e cannella. Facile facile e di poche pretese, perfetto per la mia ripresa ma davvero molto molto buono. E non vi dico il profumo che sprigionava in cottura e quanto è soffice stamattina… Lo dovete provare! Che poi è pure senza lattosio e senza latticini, adatta a tutti gli intolleranti al lattosio come me.
Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 3 uova
  • 210 gr di farina
  • 140 gr di zucchero semolato
  • 130 ml di latte di riso
  • 2 pesche (200 gr circa di polpa)
  • 65 ml di olio extravergine di oliva
  • 1 pesca (per guarnire)
  • 1 cucchiaio di miele
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Cannella q.b.
  • Zucchero semolato (per guarnire)
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

Cuocere la polpa delle pesche con un cucchiaio di miele e un pizzico di cannella per circa 5 – 6 minuti e lasciar raffreddare.

Montare gli albumi a neve ferma insieme a tre cucchiai di zucchero.

Lavorare bene i tuorli con lo zucchero e un pizzico di sale fino. Aggiungere alternando e a poco a poco la farina setacciata e il latte di riso mescolando attentamente e in modo che non si formino grumi.

Aggiungere l’olio extravergine di oliva a poco a poco sempre mescolando e la polpa delle pesche più la cannella. Successivamente aggiungere il lievito per dolci setacciato e mescolare.

Infine aggiungere gli albumi montati a neve mescolando lentamente dal basso verso l’alto in modo che l’impasto non si sgonfi e resti spumoso.

Guarnire con pezzetti di pesca e zucchero e versare in una teglia per ciambella precedentemente foderata con la carta da forno.

Infornare a 175°C con forno statico per circa 30 – 40 minuti o finché è ben dorata. Fare la prova stecchino prima di togliere dal forno.

Servire tiepida o fredda.

CONSIGLI:

  • Olio extravergine di oliva: io lo uso perché lo produciamo a casa e non ha un sapore forte. Si può sostituire con qualsiasi olio di semi.
  • Cannella: a me piace tantissimo e ne ho usato un bel po’. Non ho messo la dose esatta perché magari voi preferite metterne un po’ di meno.
  • Pesche: quest’anno son uno dei mie frutti estivi preferiti. Ne ho mangiate tantissime. 😍😍😍 Si possono sostituire con altra frutta come albicocche o mele. 😉

Fluffedda cocco e menta

Fluffedda cocco e menta

Ebbene sì! Lo confesso! Son entrata a tutti gli effetti nel tunnel delle chiffon cake o torte fluffose. È un mondo meraviglioso fatto di torte morbidissime e completamente senza lattosio. Non finirò mai di ringraziare Alessia, Vanessa e le altre ragazze che mi hanno fatto conoscere questo mondo bellissimo. E questa torta la dedico a tutte loro! ❤❤❤ Anche il termine “Fluffedda” è di loro invenzione; anzi per il nome un ringraziamento particolare va a Vanessa, una ragazza splendida che come me condivide l’intolleranza al lattosio ma soprattutto la passione per la cucina! ?

Ma che cos’è la chiffon cake? Anche se dal nome non sembra, è una torta semplice da preparare. Si miscelano gli ingredienti solidi, poi quelli liquidi e poi si montano gli albumi a neve e si aggiungono all’impasto. Ma dove sta la genialità? La chiffon cake ha una morbidezza fantastica e non si asciuga pur non avendo burro e nessun altro latticino. Tutto questo è possibile grazie al cremor tartaro (o tartrato di potassio), un agente lievitante che potete trovare in farmacia e che, aggiunto agli albumi montati a neve ferma, dà alla torta una consistenza e una morbidezza particolari. E poi la fluffedda è una torta versatile… Basta sostituire un paio di ingredienti e avrete una torta completamente diversa. Io ho fatto anche questa: chiffon cake con arancia, cioccolato e cannella.

C’è solo una piccola cosa… La fluffedda cocco e menta come una qualsiasi chiffon cake, va cotta nell’apposito stampo che trovate sia su Amazon che in un qualsiasi negozio di casalinghi (io l’ho pagato euro 9,90). Eccolo qua.

Come vi ho già detto, la fluffedda cocco e menta non contiene lattosio e può essere consumata da tutti gli intolleranti al lattosio, anche da quelli che son in disintossicazione. ?

E ora, ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 240 gr di farina 00
  • 50 gr di farina di cocco
  • 290 gr di zucchero
  • 200 ml di the aromatizzato alla menta
  • 120 ml di olio extravergine di oliva
  • 6 uova
  • 40 gr di sciroppo alla menta
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 7 gr di cremor tartaro

PREPARAZIONE:

Separare gli albumi dai tuorli e montarli a neve ferma. Aggiungere il cremor tartaro e frullare bene.

In un recipiente mescolare i tuorli con l’olio extravergine di oliva e poi aggiungere il the aromatizzato e lo sciroppo alla menta.

In un altro recipiente setacciare la farina 00 e poi aggiungere la farina di cocco, il lievito per dolci e lo zucchero. Amalgamare bene il tutto e poi versare gli ingredienti liquidi a poco a poco mescolando in modo che non si creino grumi. Infine aggiungere gli albumi montati a neve e incorporarli all’impasto a poco a poco e sempre mescolando dal basso verso l’alto in modo che l’impasto resti spumoso e non si sgonfi.

Versare l’impasto nell’apposito stampo e cuocere con forno statico a 160°C per circa 70 minuti. Prima di spegnere il forno, fare la prova dello stecchino (la fluffedda cocco e menta è pronta quando lo stecchino fuoriesce pulito).

Togliere la torta dal fuoco e lasciarla raffreddare capovolgendola. Quando la torta è fredda, si stacca da sola dai bordi e dal fondo.

Decorare con la farina di cocco o lo zucchero a velo.

CONSIGLI:

  • Stampo: è necessario procurarsi lo stampo apposito in alluminio. Così la fluffedda cocco e menta verrà perfetta.
  • Per agevolare il distacco della torta dallo stampo, potete passare un coltello nel bordi esterno e interno.

Torta banana e cioccolato

Torta banana e cioccolato…

Avevo delle banane mature da consumare e ho trovato per caso una ricetta su Internet. Non era male ma, una volta preparata, non mi convinceva granché… Quindi ho modificato un po’ le dosi e ho aggiunto degli ingredienti e ora vi posso dire che mi è venuta buona! È una torta che ha una consistenza particolare ma il connubio banana – cioccolato con l’aggiunta di un po’ di cannella è fantastico! E il profumo è delizioso. Mi sa tantissimo di torta invernale da gustare davanti al camino insieme ad una tazza di the! ?

La torta banana e cioccolato è preparata con ingredienti totalmente senza lattosio; va benissimo sia per gli intolleranti che per chi è ancora in fase di disintossicazione.

Ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 2 uova
  • 150 gr di zucchero
  • 250 gr di farina 00
  • 110 ml di olio evo
  • 3 banane (circa 250 gr)
  • 60 gr di cioccolato fondente
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Cannella q.b.
  • 1 pizzico di sale
  • 1 banana (per guarnire)
  • 1 cucchiaio di zucchero (per guarnire)

PREPARAZIONE:

Tagliare il cioccolato fondente a pezzetti molto piccoli. Con un colino separare i pezzetti di cioccolato dalla polverina perché quest’ultima farebbe diventare la torta troppo scura.

Con l’ausilio di una forchetta, schiacciare bene la polpa delle banane finché diventa una purea morbida e senza pezzetti.

Lavorare bene le uova con lo zucchero e un pizzico di sale fino (foto 1). Aggiungere l’olio extravergine d’oliva e mescolare bene (foto 2). Aggiungere la purea di banane e mescolare (foto 3). Aggiungere la farina 00 e il lievito per dolci opportunamente setacciati e mescolare bene l’impasto (foto 4). Infine aggiungere il cioccolato fondente a pezzetti e mescolare (foto 5).

Mettere un po’ di olio extravergine di oliva in un tovagliolo di carta e ungere bene la teglia (io ho scelto quella del ciambellone). Infarinarla per bene, togliere la farina in eccesso e versare l’impasto. Guarnire con una banana tagliata a rondelle e un po’ di zucchero semolato. Infornare a 175°C in forno statico per circa 30-40 minuti. Per sicurezza fare la prova stecchino.

Eccola qua!

CONSIGLI:

  • Cioccolato fondente: la ricetta originale ne prevedeva 100 gr ma a me son sembrati eccessivi (anche se adoro il cioccolato); vedete voi che fare…
  • Cannella: nella ricetta originale non c’era ma a me piace molto perché profuma la torta. Potete sostituire anche con scorza grattugiata di arancia.

Torta alla carota

La torta alla carota mi riporta indietro di un bel po’ di anni… Alla mia vita da studentessa universitaria quando, con le mie coinquiline, ci divertivamo a cucinare e a inventare cibi e pietanze varie. E più difficile o terribile era l’esame… E più noi cucinavamo complicato. Il top l’abbiamo raggiunto quando la notte prima degli esami (statistica per me e anatomia patologica per la mia coinquilina/amica), le altre due ragazze ci hanno trovate che, a notte fonda, friggevamo gli intrigoni di carnevale. ??? La pazzia era compiuta! I dolci davvero buoni ma l’esame? Passato per tutti e due per fortuna! 

Le nostre specialità erano le torte: la paradiso, con cocco, con carota, la torta di mele e così via. Penso che in quegli anni ne abbiamo inventate e preparate davvero tante! Ogni mattina la colazione era una bontà! 

Chissà perché mi è venuto in mente in questi giorni… Sarà perché è periodo di esami? Sarà un po’ di nostalgia per quei bellissimi anni? Saranno gli anta che bussano prepotentemente alle porte?… Non lo so! Però la torta alla carota è venuta buonissima! ?

La torta alla carota è una torta semplice, buona leggera e perfetta per colazione. Nei suoi ingredienti non è presente lattosio (nemmeno in tracce), quindi noi intolleranti possiamo mangiarla senza problemi. 

Io stavolta ho voluto preparare la torta alla carota in modo un po’ diverso… Ho preparato delle tortine che ricordano le “Camille” della Mulino Bianco.

Ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 4 uova
  • 300 gr di farina 00
  • 200 gr di zucchero semolato
  • 200 gr di carote tritate
  • 100 ml di succo d’arancia
  • 100 ml di olio extravergine d’oliva
  • 1 bustina di Lievito per dolci
  • Noce moscata un pizzico
  • 1 cucchiaino di cannella

    PREPARAZIONE:

    Accendere il forno a 175 °C statico (o seguite le istruzioni del vostro forno). Lavare e pelare le carote. Dovrebbero bastare 3 carote medie. Tritarle e mettere da parte 200 gr.

    In un tegame capiente rompere le uova, aggiungere lo zucchero e frullare bene per circa 5 minuti.

    Aggiungere l’olio extravergine d’oliva e continuare a frullare. Spremere due arance medie e ricavare 100 ml di succo d’arancia (il resto l’ho bevuto io! W la vitamina C). Aggiungere il succo d’arancia all’impasto e continuare a frullare.

    Incorporare la farina 00 a poco a poco, stando attenti affinché non si formino grumi e continuare sempre a frullare. Ora aggiungere il lievito e frullare bene.

    Aggiungere le carote tritate, la noce moscata e la cannella e mescolare bene con movimento dal basso all’alto in modo che le carote vengano incorporate nell’impasto. Io ho utilizzato un cucchiaio di legno che uso esclusivamente per preparare i dolci.

    Foderare con la carta da forno una tortiera (se volete preparare la torta alla carota classica) oppure spennellare con un po’ di burro fuso a ridotto contenuto di lattosio le formine per le Camille. Spolverare con un po’ di farina 00 e versare dentro due cucchiai di impasto che non deve mai superare la metà della formina. Ogni tanto ricordarsi di dare una mescolata generale.

    Infornare a 175°C in forno statico per circa 20 minuti o mezzora. La torta di carote sarà pronta quando sarà bella dorata. Fare sempre la “prova dello stecchino” e pungere le Camille: quando lo stecchino fuoriesce completamente pulito allora son pronte. 

    Eccole qua!



    CONSIGLI:

    Zucchero a velo: ci sta benissimo sopra per guarnire e di sicuro la torta alla carota così è più bella da vedere. Io non l’ho messo perché la mattina son particolarmente imbranata e rischio di sporcare i vestiti.

    Torta intera: se avete poco tempo potete preparare una torta singola, il gusto della torta alla carota non cambia! Io ho optato per le tortine perché anche se perdo un po’ di tempo nella preparazione poi son più facili da ritirare e congelare. Tenete presente che con queste dosi son venute circa 26 tortine.

    Torta simil Sacher senza lattosio

    Torta simil Sacher senza lattosio…

    Era da un po’ di tempo che ci pensavo… Ho rotto le scatole pure ai miei colleghi di lavoro Boris e Claudia e ora, come promesso, son riuscita a prepararla.

    L’ho chiamata torta simil Sacher senza lattosio perché volevo fare la Sacher ma accidenti! Tutto quel burro non fa per me! Ho preparato questa torta completamente senza latte e burro e va benissimo per noi intolleranti al lattosio.

    La base della torta al cioccolato è molto leggera: senza burro, latte, uova e lievito. Ho voluto fare un esperimento e vi posso dire che come sapore e consistenza non ha nulla da invidiare alle torte tradizionali, più corpose e di sicuro più caloriche.

    Ho farcito la torta col succo di arancia e con la marmellata di pompìa, un tipo di agrume simile all’arancia amara che cresce solo in Sardegna nel territorio di Siniscola.

    Per completare il tutto, ho preparato una glassa con cioccolato fondente.

    Ecco la ricetta!


    INGREDIENTI:

    Per la base:

    • 180 gr di farina 00
    • 200 gr di zucchero
    • 3 cucchiai colmi di cacao amaro
    • 230 ml di acqua naturale a temperatura ambiente
    • 1 cucchiaino di bicarbonato di sodio
    • 5 cucchiai d’olio extravergine d’oliva
    • 1 cucchiaio di aceto bianco
    • 1 bustina di vanillina
    • Sale fino un pizzico

    Per farcire:

    Per la glassa:

    • 35 gr di zucchero semolato
    • Mezzo bicchiere d’acqua
    • 50 gr di cioccolato fondente
    • 1 cucchiaio di cacao amaro

    PREPARAZIONE:

    Per prima cosa accendere il forno in modalità statico a 175°C e foderare la tortiera.

    In un tegame versare gli ingredienti solidi (farina 00, zucchero, bicarbonato di sodiocacao amaro) e mescolare bene.

    Aggiungere l’aceto, l’olio extravergine di oliva, la vanillina e mescolare bene.

    Aggiungere un goccio d’acqua naturale a temperatura ambiente e continuare a mescolare. Io aggiungo l’acqua a poco a poco in modo che non si formino dei grumi nell’impasto.

    Versare l’impasto in una tortiera (precedentemente foderata) e cuocere in forno statico a 175°C per circa 40 minuti o finché è pronta. Qua più che mai è necessario effettuare la prova dello stuzzicadenti: pungere la torta sono in fondo e solo quando lo stuzzicadenti fuoriesce completamente pulito, la torta è pronta.

    FARCITURA

    Lasciar raffreddare la torta al cioccolato e poi dividerla in due parti uguali. Spremere una arancia e inzuppare i due lati della torta col succo d’arancia. Prendere la marmellata di pompìa e riscaldarla leggermente al microonde. Farcire bene la torta al cacao, non dimenticare o bordi mi raccomando!

    Rimettere a posto il secondo strato di torta e guarnire lo strato superficiale con la marmellata.

    GLASSA

    Per preparare la glassa, mettere lo zucchero semolato e l’acqua in un pentolino e far bollire a fiamma bassa per circa 10 minuti (si deve creare uno sciroppo). Togliere dal fuoco e aggiungere il cioccolato fondente tagliato a cubetti. Mescolare molto bene in modo che si sciolga e infine aggiungere il cacao amaro. Rimettere la glassa a cuocere con fiamma molto bassa per circa un quarto d’ora. Togliere dal fuoco, intiepidire a bagno maria e poi cospargere la torta con la grassa non dimenticandosi dei bordi.
    Eccola qua!



    CONSIGLI:

    Acqua naturale: ho voluto provare la ricetta originale e mi è piaciuta. Se volete una torta un po’ più corposa o soffice potete sostituire con il latte di riso.

    Marmellata: io ho utilizzato la marmellata di pompìa fatta secondo la ricetta inglese/scozzese della bitter orange marmalade ma la ricetta originale della Sacher Torte prevede l’utilizzo della marmellata di albicocche. A voi la scelta!

    Glassa: vi devo confessare che è stata la parte più difficile per me! I pezzetti di marmellata sulla superficie rendevano la torta “rugosa” e irregolare ed è stato davvero difficoltoso glassare la torta. Ammetto anche che non son espertissima in glasse. Devo imparare! Potete sostituire la glassa con una ganache preparata con il cioccolato fondente e un goccio di latte di riso. Fate fondere a bagnomaria e usatela tiepida prima che solidifichi. ?

    Torta paradiso

    Torta paradiso

    La torta paradiso è il dolce che ho ricevuto ieri in regalo per il mio compleanno!

    È stata davvero una bellissima sorpresa… Ricevere una torta fa sempre piacere ma mia comare è stata fantastica. La torta paradiso è buonissima, si scioglie in bocca ma soprattutto l’ha preparata con ingredienti totalmente senza lattosio, così io e qualsiasi altro intollerante al lattosio possiamo mangiarla senza problemi.

    La consistenza e la semplicità fanno della torta paradiso una delle mie preferite. È buona così semplice per colazione… Si può farcire con crema o cioccolato, oppure si può usare come base nelle crostate di frutta (io di solito uso la frolla)… Insomma, avrò di che divertirmi nei prossimi mesi.

    Ma ora basta papiri… Ecco a voi la ricetta della torta paradiso!


    INGREDIENTI
    :

    • 5 uova
    • 250 di farina 00
    • 280 gr di zucchero
    • 80 ml di latte di riso
    • 70 ml di olio evo
    • 1 bustina di lievito
    • Zucchero a velo (per guarnire)

    PREPARAZIONE:

    Dividere i tuorli delle uova dagli albumi e montare questi a neve solida insieme a 100 gr di zucchero. Gli albumi son pronti quando, rovesciando il recipiente a testa in giù, non si muovono.

    Lavorare i tuorli d’uovo con il restante zucchero sino a che non hanno assunto una consistenza cremosa, quasi bianca.

    Aggiungere l’olio extravergine di oliva e mescolare bene. Aggiungere la farina 00 e il lievito per dolci setacciati e mescolare bene. Poi aggiungere il latte di riso a poco a poco e mescolare bene in modo che non si formino grumi e l’impasto sia liscio e cremoso.

    Aggiungere gli albumi montati a neve mescolando dal basso all’alto in modo che l’impasto resti gonfio e spumoso.

    Foderare una teglia da forno ( sul link si può vedere come si fa) e versare l’impasto. Cuocere a circa 170-180 °C per circa mezzora o finché diventa dorata e, pungendo con uno stuzzicadenti, questo non si sporca.

    Lasciare raffreddare e poi spolverare la superficie con zucchero a velo.


    CONSIGLI
    :

    Latte di riso: utilizzato perché è totalmente senza lattosio e la torta risulta ancora più soffice. Potete sostituirlo con latte a ridotto contenuto di lattosio o, se non siete intolleranti al lattosio, con qualsiasi tipo di latte.

    Farcitura: io la preferisco semplice per colazione. Ma si può farcire con crema o cioccolato oppure si può utilizzare come alternativa alla pasta frolla nelle crostate di frutta fresca.

    Conservazione: la torta paradiso dura circa due o tre giorni, poi perde la sua morbidezza e inizia a seccare. Io la conservo in un porta torte e, quella che so di non consumare, la congelo già a fette.

    Torta facile allo yogurt

    La torta facile allo yogurt è una ricetta veloce e molto semplice da preparare. Non si devono nemmeno pesare gli ingredienti! Come parametro di misura si utilizza il vasetto dello yogurt e quindi tutti gli ingredienti vengono espressi in “vasetti di yogurt” e non in grammi o millilitri. Io trovo questa torta molto gustosa e la utilizzo soprattutto a colazione. Io ho utilizzato lo yogurt a ridotto contenuto di lattosio, adatto per noi intolleranti al lattosio.  Se siete in disintossicazione o non tollerate nemmeno i prodotti  a ridotto  contenuto  di lattosio, potete utilizzare lo yogurt di soia.

    Ecco la di ricetta! ?

     
    INGREDIENTI:

    • 1 yogurt a ridotto contenuto di lattosio alla banana
    • 2,5 vasetti di zucchero di canna
    • 3 vasetti di farina (io ho usato 1,5 vasetti di farina 00 e 1,5 vasetti di farina integrale)
    • 3 uova
    • 1 bustina di lievito per dolci
    • 1 vasetto quasi pieno di olio extravergine di oliva (si può sostituire con altri tipi di olio)
    • 20 gr di cioccolato fondente a pezzetti piccoli

     

     

    PREPARAZIONE:

    Yogurt, olio evo, lievito per dolci e farina 00

    Lavorare bene uova con zucchero di canna, aggiungere lo yogurt a ridotto contenuto di lattosio e mescolare bene. Aggiungere l’olio extravergine di oliva e mescolare. Aggiungere la farina 00 a poco a poco e mescolare bene in modo che non restino grumi. Aggiungere il lievito per dolci e girare bene.

     

     

    Cioccolato fondente

    Aggiungere il cioccolato fondente (a scaglie) e mescolare bene.

     

     

    Pronta per andare in forno ?

    Infornare a 180°C per circa mezzora (dipende dal forno) e fare la “prova stecchino”

     

    Eccola qua!!! ?

    CONSIGLI:

    • Yogurt a ridotto contenuto di lattosio: se siete in fase di disintossicazione o non tollerate i prodotti delattosati, potete sostituirlo con lo yogurt di soia. Anche il gusto dello yogurt di può sostituire!
    • Cioccolato fondente: se mi seguite un po’ ormai avrete capito che lo adoro! Potete però sostituirlo con uva passa o bacche di goji oppure con la frutta secca come nocciole o noci.

     

     

     

    Torta arancia e cioccolato fondente senza lattosio e uova

    E’ sabato e fuori nevica…
    Tutto tace… Tanta calma… Voglia di stare a casa davanti al camino con un bel libro in mano, una tisana o una cioccolata calda e… Una bella torta all’arancia e cioccolato fondente che profuma di cannella!  🙂 Vi ispira?

    Ho trovato ricetta della torta arancia senza uova sul web, sul blog Giallo Zafferano sotto le ricette di Mam. Devo ammettere che ero curiosa di provarla perchè ho letto che era senza burro e uova… Volevo capire com’era e che consistenza aveva. E vi dico che è venuta davvero bene. Ecco il link alla ricetta originale:

    Torta all’arancia senza uova

    E ora eccovi la mia versione! Ammetto di averla stravolta un po’! Ho aggiunto la cannella, il cioccolato fondente e il latte di riso… Tutti ingredienti concessi a noi intolleranti al lattosio. Potete preparare la torta senza problemi! Di lattosio nemmeno la traccia!
    Ultimissima cosa… Questa torta è davvero facilissima da preparare… Nessun uovo, nessun albume da montare a neve…
    Provatela e poi mi direte!

     

    INGREDIENTI:

    20160110_175600

    • 300 gr di farina 00
    • 200 gr di zucchero di canna
    • 100 gr di olio di oliva evo
    • 150 gr di latte di riso
    • 1 arancia (scorza grattugiata)
    • 2 arance (succo)
    • 1 bustina di vanillina
    • 1 bustina di lievito Bertolini “ottimi dolci”
    • 50 gr di cioccolato fondente a scaglie
    • 1 cucchiaino di cannella in polvere

     

     

    PREPARAZIONE:

    20160110_175727

    In una insalatiera o recipiente capiente, mescolare tutti gli ingredienti non liquidi: la farina, lo zucchero, il lievito, la vanillina.

     

     

    20160110_175803

    Aggiungere la scorza d’arancia, poi il succo delle due arance e mescolare bene.

     

     

    20160110_17590720160110_180214

    Aggiungere il latte di riso (lentamente e mescolando tutte le volte in modo che non si creino grumi). Una volta finito col latte di riso, fare la stessa cosa con l‘olio evo.

     

     

    20160110_18041220160110_180512

    Poi bisogna aggiungere la cannella e il cioccolato fondente ridotto in scaglie e mescolare bene.

     

     

    20160110_181753

    Ora la torta è pronta da infornare. E’ necessario foderare e preparare la tortiera. Qua trovate il link:
    come foderare la tortiera con carta da forno
    La torta va messa al forno: Io la cucino con forno statico a 175°C per circa 30 – 40 minuti. Però ognuno conosce il suo forno! Vedete voi!  😉 Solito consiglio… La torta è cotta quando, pungendola con uno stuzzicadenti o uno spiedino in legno, questo fuoriesce pulito.

     

     

    Torta arancia cioccolato fondente senza uova senza lattosio

    Torta arancia cioccolato fondente senza uova senza lattosio

    Ed eccola qua! Buona merenda!  🙂

     

     

    CONSIGLI:

    • cannella: io ne uso parecchia perché mi piace e penso che con arancia e cioccolato ci stia molto bene. Se non vi piace potete anche non metterla! Non è essenziale!
    • latte di riso: io lo utilizzo per fare dolci al posto del latte “normale” perché è senza lattosio e mi piace la consistenza soffice della torta. La ricetta originale prevede 150 gr d’acqua… Di sicuro così è molto più leggera! Oppure potete usare il latte delattosato.
    • Questa torta è ottima per merenda, accanto ad una tazza di thè o di cioccolata calda (cliccate sopra e trovate la mia ricetta di cioccolata senza lattosio).

    Torta rustica di noci

    wpid-20141102_193707.jpg

    Buona domenica!!! 🙂
    Sopravvissuta all’interminabile e calorico pranzo con i parenti di ieri…
    Reduce da una fantastica nottata passata a ballare salsa e bachata che mi ha rimesso in pace con il mondo…   😉
    Oggi ho deciso di fare “ramadan” e riposare un po’… E quindi??? Relax e cucina!!! Yuupppiiiiii!!!!!  😉

    Ormai mi conoscete… Almeno un po’! Quindi avete capito che per preparare le mie ricette quando posso utilizzo ingredienti genuini e di stagione. Dopo la torta di more, ora è giunto il momento di preparare delle torte utilizzando le noci e prossimamente mi inventerò qualcosa con le melograne che stanno maturando sul mio alberello.

    Ho trovato questa ricetta così per caso navigando sul web e mi ha incuriosita per la semplicità di realizzazione. La ricetta originale è stata pubblicata su Google Plus da Giuseppe Bilardi. Io l’ho modificata leggermente e ho utilizzato i “nostri” prodotti preferiti! Quelli senza lattosio, così tutti coloro che soffrono di questa intolleranza possono mangiarla senza nessun timore!!! 😉

    Bando alle ciance ragazzi!!! Prendete fruste e farina e iniziamo a cucinare!!! 🙂 🙂 🙂

     

     

    INGREDIENTI:

    • 175 gr di farina bianca
    • 175 gr di zucchero semolato
    • 125 gr di burro senza lattosio o margarina
    • 3 uova
    • 2/3 bustina Lievito Bertolini per dolci
    • 1 arancia (buccia)
    • 80 gr di noci sgusciate e tagliate grossolanamente
    • 1 – 2 cucchiai di zucchero semolato (per guarnire)

    wpid-20141102_113342.jpg

     

     

    PREPARAZIONE:

    wpid-20141102_114502.jpg

    Mettete lo zucchero in un recipiente, aggiungete il burro ammorbidito e frullate con lo sbattitore finché non si crea una crema morbida.

     

     

     

    wpid-20141102_114627.jpg

    Aggiungete la buccia di arancia grattugiata e continuate a frullare.

     

     

    wpid-20141102_114721.jpg

    Aggiungete la farina e il lievito e frullate nuovamente.

     

     

    wpid-20141102_115119.jpg

    Ora dovete incorporare le uova una per una.

     

     

    wpid-20141102_115524.jpg

    E per finire aggiungete le noci e date una ultima frullata. L’impasto è pronto.

     

     

    20140427_195345

    Ora imburrate e foderate la tortiera come vi ho spiegato nel mio articolo:
    Come foderare la tortiera con la carta da forno

     

     

    wpid-20141102_120633.jpg

    Spolverate l’impasto con uno o due cucchiai da cucina e mettete in forno ventilato a 180° per circa 25 minuti o comunque finché è bella dorata. Ricordatevi che la torta è pronta quando infilando all’interno uno spiedino in legno (o un coltello), questo fuoriesce pulito.

     

     

     

    wpid-20141102_193707.jpg

    Ora non vi resta che farla raffreddare e sistemare in un vassoio coperto per la colazione. Ovviamente se riuscite a resistere!!!
    Qua è piaciuta così tanto che l’abbiamo quasi consumata a merenda insieme ad una buona tazza di the!
    Era buonissima!!! 😉

     

     

    CONSIGLI:

    • nella ricetta originale c’era scritto di utilizzare la scorza di una arancia appena grattugiata; io non avendone a casa ho utilizzato 4 cucchiaini di buccia di arancia che avevo preparato precedentemente. Quando è il periodo giusto e ho a disposizione tante arance biologiche tengo la buccia, la pulisco molto bene togliendo la parte bianca (amara), la faccio seccare per bene e la trito molto finemente. Conservo la polvere d’arancia in un barattolo di vetro sigillato e la utilizzo in sostituzione a quella fresca. Cambia un po’ il sapore ma è buonissima;
    • ho tagliato le noci grossolanamente con le mani perché mi piace il contrasto tra la torta soffice e il sapore deciso delle noci; se lo preferite, potete frullare le noci e aggiungerle all’impasto. Se qualcuna lo fa’, avvisatemi! E ditemi come è venuta la torta!