Archivio Tag: ricette

Tortino di patate alle erbe aromatiche

20140708_213753

Siete stufi del solito primo e della solita pasta?
Allora perché non provate questo tortino di patate alle erbe aromatiche? Semplice da preparare e dal gusto delicato e sfizioso!
A voi la ricetta! 😉

 

INGREDIENTI:

  • 4 patate a pasta gialla di media grandezza
  • erbe aromatiche (rosmarino, salvia, origano, basilico, menta)
  • panna da cucina rigorosamente senza lattosio (Accadì)
  • pane grattugiato
  • olio extravergine di oliva
  • formaggio grattugiato tipo grana senza lattosio
  • sale q.b.
  • burro senza lattosio o margarina per guarnire

 

PREPARAZIONE:

20140708_20425120140708_204655

 

Sbucciare bene le patate, lavarle, tagliarle a fette sottili nel senso della lunghezza e cucinarle a bollito con acqua e sale. Le patate vanno scolate quando sono ancora al dente; ricordate che poi vanno messe al forno! 😉

 

 

 

20140708_205242

 

Nel frattempo prepariamo le erbe aromatiche. Io utilizzato il basilico, la menta, l’origano, la salvia e il rosmarino appena raccolti, lavati e asciugati per bene.

 

 

 

20140708_205608

Ora mettete le erbe aromatiche nel robot da cucina, aggiungete il pan grattato, un pizzico di sale e tritatele per bene. Aggiungete anche l’olio d’oliva in modo da ottenere una pastella quasi liquida.

 

 

 

20140708_21023420140708_210409

Aggiungete la panna da cucina senza lattosio (per chi ha l’intolleranza al lattosio come me!) e mescolate per bene. Ricordatevi di controllare le patate e se son cotte (al dente mi raccomando! 😉 ) scolatele e lasciatele raffreddare.

 

 

 

20140708_21063420140708_210800

 

Ora non vi resta che comporre il piatto facendo degli strati. Iniziate dalla pastella alle erbe aromatiche, aggiungete il formaggio grana padano senza lattosio, poi le patate, di nuovo la pastella sino a terminare gli ingredienti.

 

 

 

20140708_211529

Coprite l’ultimo strato con abbondante formaggio grattugiato, aggiungere delle piccole noci di burro senza lattosio (o margarina) per decorare e infornare a 180° con forno ventilato per circa 20 minuti o suino a quando il tortino sarà bello dorato.

 

 

 

20140708_21341620140708_213748

Ecco qua il risultato finale! Buon appetito! 🙂 🙂 🙂

 

CONSIGLI:

  1. Io ho utilizzato le 5 erbe aromatiche che avevo a disposizione nell’orto e che uso di solito; se non avete a disposizione le erbe fresche potete utilizzare quelle secche che si trovano nei supermercati o in erboristeria. Vi suggerisco di utilizzare anche altre erbe aromatiche in base ai vostri gusti; potete aggiungere il timo, l’aglio, il peperoncino o sostituire il basilico con il prezzemolo. Così il tortino verrà più saporito! 😉
  2. Io preferisco bollire prima le patate così posso tagliarle a fette leggermente più spesse e non corro il pericolo che non cucinino dentro il forno. Vi raccomando però di scolare le patate ancora al dente. Non son buone quando son crude ma vi assicuro che l’effetto puré del piatto finale non è davvero un granché.

 

Clafoutis alle pesche

20140709_210342

Oggi vi presento un dolce davvero semplice da preparare: il (o la) Clafoutis, originario della Francia, di Limoges. La particolarità di questo dolce alla frutta (davvero molto buono) è dovuta alla totale mancanza di lievito e di burro, quindi è un dolce molto leggero e con qualche caloria in meno. Buono a sapersi per chi è alle prese con dieta e prova costume! Io no ragazze! Ci ho rinunciato in partenza! 😀

L’impasto è liquido come quello delle crépes e nella ricetta originale viene preparato con le ciliegie. Io oggi vi presento una variante preparata con i prodotti delattosati, vista la mia bellissima intolleranza al lattosio (come ormai saprete già), ma ho anche un altro “barbatrucco”! Le pesche al posto delle ciliegie! 😉 Il mio cestino della frutta decide per me! E oggi non ho la forza di andare a farmi un giro dal fruttivendolo!

 

INGREDIENTI:

  • 500 gr di pesche ben mature (circa 4 o 5)
  • 150 gr di farina
  • 80 gr di zucchero (per l’impasto)
  • 3 cucchiai di zucchero da aggiungere alle pesche
  • 3 uova
  • 1 estratto di vaniglia ( o una bustina di vanillina)
  • 300 ml di latte senza lattosio
  • zucchero a velo per guarnire (eventuale)

 

PREPARAZIONE:

20140709_19170920140709_193057

Lavate bene le pesche, togliete la buccia e nocciolo e tagliate la polpa a pezzetti mediamente piccoli.

 

 

20140709_193212

Mettete la polpa delle pesche e il loro succo in un pentolino antiaderente, aggiungete lo zucchero e fatte cuocere.

 

 

20140709_195802

Io preferisco non esagerare con la cottura; ho fatto sciogliere e caramellare lo zucchero in modo che le pesche (spesso un po’ aspre) fossero più dolci ma non le ho fatte cuocere tantissimo perché non devono diventare come una marmellata, ma solo ammorbidirsi e sciogliersi un po’.

 

Ora imburrate e foderate la vostra tortiera (circa 24 – 25 cm di diametro) seguendo le istruzioni del mio precedente articolo.

 

20140709_195003

In un recipiente aprite le uova, aggiungete la vaniglia (o una bustina di vanilina in polvere) e il latte mescolando bene. In un altro recipiente dovete unire lo zucchero con la farina e girare in modo che le due polveri si miscelino per bene.

 

 

20140709_195645

Aggiungete lo zucchero e la farina alla parte liquida dell’impasto piano piano in modo che non si creino grumi. Non spaventatevi! Impasto finale deve risultare liquido come quello delle crépes. 😉

 

 

20140709_195929

Unite le pesche, girare bene e infornare con forno ventilato a 180° per circa 40 minuti o finché non la vedete dorata. Anche qua vale il consiglio di tutte le torte: basta pungerla con uno spiedino in legno, quando verrà estratto lo spiedino completamente pulito senza residui… Il dolce è pronto!!!

Buona mangiata!!! 🙂 🙂 🙂

 

CONSIGLI:

  1. la ricetta dice estratto di vaniglia; io stavolta ho usato una bustina di vanillina e il risultato è stato comunque buono;
  2. la ricetta originale prevedeva 125 gr di farina e 500 gr di frutta (ciliegie); io ho messo 25 gr di farina in più perché le pesche son molto più succose, quindi potete variare la farina in base alla frutta che utilizzate;
  3. il dolce per esser più bello e presentabile va guarnito con zucchero a velo; io ho fatto questo dolce per colazione e visto quanto son impedita la mattina per colpa del mio sonno cronico… Ho evitato lo zucchero a velo che tanto nel 90% dei casi sarebbe finito sui miei vestiti! 😉

 

 

 

Pasticcio di pasta con besciamella, bietole e noci

Oggi è una giornata un po’ “X”. E’ iniziata l’estate, fa caldissimo e ho una voglia matta di scappare al mare ma… Invece dovrò passare una giornata da desperate housewife. Ufffaaaaa!!! ?

Ho deciso di prenderla con filosofia, ho liberato la mente da pensieri di lavoro, cose da terminare cercando di dimenticare vicissitudini amorose e private non proprio avvincenti e lineari (tanto per cambiare 🙁 ) e mi son trasformata in una casalinga. Mentre cercavo di far sparire la montagna “imbarazzante” di biancheria accumulata durante la settimana, mi son posta la domanda che si fanno tutte le casalinghe dalle nove del mattino in poi… “COSA PREPARO A PRANZO???”.
Di solito non programmo pranzi o cene (almeno che non abbia ospiti ovviamente ? ), apro il frigo e mi organizzo in base a quello che c’è.. Oggi visto che son a casa ho deciso di pianificare il pranzo. Ed ecco qua il risultato. Devo dire che ‘sta ricetta mi è piaciuta davvero tanto… Spero piaccia anche a voi!

Ecco la ricetta! ?

INGREDIENTI:
(per 2 persone)

  • un mazzo medio di bietole
  • 7 – 8 noci (o pinoli)
  • 160 gr di pasta tipo “mezze maniche” o del tipo che preferite
  • 100 gr di farina 00 (per la besciamella)
  • 100 gr di burro senza lattosio (per la besciamella)
  • 400 ml circa di latte senza lattosio (per la besciamella)
  • pepe nero q.b. (per la besciamella)
  • Formaggio grattugiato a lunga stagionatura (lattosio in tracce)
  • sale q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene il mazzo di bietole e metterlo a bollire con acqua e sale.

Ora dobbiamo preparare le noci. Tagliare il guscio ed estrarre il frutto, facendo molta attenzione a non lasciare in mezzo dei pezzi del guscio che risulta essere davvero duro.

Quando le bietole sono cotte, scolarle, metterle nel bicchiere del frullatore ad immersione, aggiungere le noci e frullare per bene. Ricordatevi di non buttare l’acqua di cottura delle bietole che servirà per cucinare la pasta.

Bene! Ora prepariamo la “besciamella” o meglio la salsa. Ho stravolto la ricetta originale della besciamella aromatizzandola al pepe nero e non con la noce moscata. Le bietole sono dolci di per sé, quindi cercavo una spezia più decisa e meno dolce che staccasse come gusto e desse un sapore più deciso; in questi casi il pepe nero è perfetto! Fatte sciogliere il burro senza lattosio e aggiungete la farina 00 e un pizzico di sale.

Mescolate bene e poi aggiungete il latte senza lattosio e il pepe nero. Fatte assorbire il latte e cucinare la besciamella sino a quando non ha una consistenza cremosa.

Ora non dimenticate di buttare la pasta! Io di solito la scolo circa 2 o 3 minuti prima del tempo consigliato nella confezione, in modo che una volta messa in forno non risulti troppo cotta, stile pappetta! Che orrore!

Aggiungete le bietole e noci frullate e girate bene finché il composto non risulta omogeneo.

Ora non ci resta che scolare la pasta, versarla sulla nostra salsa, aggiungere il formaggio grattugiato a lunga stagionatura e mescolare bene.

20140628_134502

Versare il composto dentro una pirofila da forno, guarnire con qualche scaglia di formaggio grattugiato a lunga stagionatura, aggiungere delle noci di burro senza lattosio e infornare a 180° con forno statico per circa 20 minuti o sino a quando non si è formata la crosta dorata.

20140628_140338

Ecco qua!!! Pronto per esser portato in tavola! Buon appetito! 🙂

CONSIGLI:

  • Ho utilizzato le noci perché mi piace molto il loro sapore; le uso anche per fare il pesto. Son buonissime e ho un albero di noci in giardino! Meglio di così! Però potete sostituirle tranquillamente con i pinoli.
  • Ho scelto le mezze maniche per la loro forma; nei timballi e nei pasticci di pasta secondo me sono le migliori! La salsa penetra bene e non si creano dei “vuoti” all’interno. Ovviamente potete utilizzare qualsiasi formato di pasta che vi trovate sotto mano! ?

Quiche di ricotta, peperoni e pancetta

20140604_211925

Oggi diciamo addio alla dieta e per una volta concediamoci una vera e propria prelibatezza: la quiche con ricotta, peperoni e pancetta. Non oso nemmeno pensare a quante calorie ha questo piatto e sinceramente non mi interessa. Dopo due anni di astinenza da ricotta grazie alla mia intolleranza al lattosio, dovevo festeggiare degnamente la comparsa della ricotta senza lattosio tra i prodotti del bancofrigo! Voi mi direte, ma mangiarla da sola col pane non bastava? Naturalmente no… Dovevo fare qualcosa di più ed eccoci qua! 🙂 🙂 🙂

 

INGREDIENTI:

  • 1 dose di pasta brisée
  • 250 gr di ricotta vaccina senza lattosio
  • 1 peperone rosso bello grande (o due di medie dimensioni)
  • 2 uova
  • 70/100 gr di pancetta
  • un po’ di grana padano grattugiata rigorosamente senza lattosio
  • sale q.b.

 

PREPARAZIONE:

 

20140604_192451

Preparare la pasta brisée. Ecco il link alla ricetta:
pasta brisée

 

 

20140604_19360720140416_191815

 

Prendete un peperone rosso bello grande, tagliatelo a metà, privatelo dei semi e della parte bianca e tagliatelo a julienne. Fatelo soffriggere con un po d’olio e aggiungete il sale in cottura. Oppure se preferite una ricetta più leggera, potete cucinarlo al forno microonde.

 

 

20140604_194233

Nel frattempo tagliate la pancetta a pezzi piccoli e fatela cuocere in un tegame antiaderente con pochissimo olio finché non diventa croccante.

 

 

20140604_203525

Ora mischiate la pancetta con i peperoni.

 

 

20140604_195135

Mettere la ricotta senza lattosio in un recipiente, lavorarla con la forchetta aggiungendo le uova e per finire un po’ di parmigiano grattugiato senza lattosio (eventuale). Io di solito lo aggiungo per il sapore ma anche per “asciugare” l’impasto qualora la ricotta risultasse troppo liquida.

 

 

20140604_204241

Unire i peperoni e la pancetta all’impasto di ricotta.

 

 

20140604_20385820140604_204139

Stendere la pasta brisée con il mattarello da cucina e mettere la base della nostra quiche dentro una teglia da forno precedentemente foderata con carta da forno. Ricordatevi di stendere la pasta di forma tonda (in questo caso) con un diametro maggiore della base della teglia in modo da lasciare un po’ di pasta per i bordi della quiche.

 

 

20140604_204724

Riempire la base di pasta brisée con il ripieno e cucinare con forno ventilato a 180°C per circa 20-25 minuti, o comunque finché la torta non risulta bella dorata.

 

 

20140604_211925

Buon appetito! 🙂

 

 

 

 

 

 

 

 

Pasta brisée

 

 

Oggi vi presento un impasto base molto utilizzato in cucina: la pasta brisée. Come potete immaginare (visto il nome 😉 ) è una ricetta originaria della cucina francese e, rispetto alla sua sorella pasta sfoglia, è molto più semplice da preparare!

 

INGREDIENTI:

  • 100 gr di burro senza lattosio (lattosio <0,01%)

  • 200 gr di farina 00

  • 70 ml di acqua gelata

  • 1 pizzico di sale

 

PREPARAZIONE:

 

Mettere la farina 00 e il burro senza lattosio freddo nel contenitore del robot da cucina e azionare a velocità massima. Quando è pronto, il burro deve essere invisibile e impasto deve avere una consistenza “polverosa”. Versare il tutto in un recipiente in metallo (così impasto resta più freddo). Aggiungere l’acqua molto fredda e impastare finché si ottiene una pasta elastica.

Coprire la pasta con del cellophane da cucina o metterla dentro un sacchetto trasparente per alimenti (vanno benissimo quelli che si usano per congelare i cibi) e lasciarla riposare in frigo per almeno 40 minuti.

Et voilà! Votre pâte brisée est préte!!!

 

CONSIGLI:

Mi raccomando, l’acqua e il burro devono essere sempre molto freddi!

 

Straccetti di pollo con rucola e grana

20140602_203445

Eccomi qua amiche/amici! 🙂

Non ho fatto in tempo a poggiare il piumino che è già arrivata l’estate col caldo. Ieri le temperature hanno superato i 30°, quindi oltre a metter via i vestiti invernali, ho voglia di mangiare qualcosa di fresco. Ho pensato ad un secondo fresco, leggero e soprattutto veloce da preparare! Ovviamente con gli ingredienti a lattosio zero perché la mia simpaticissima amica intolleranza al lattosio non va mai in vacanza, purtroppo… 🙁

Ecco a voi la ricetta!  Buona cena! 🙂

 

INGREDIENTI:

  • petto di pollo tagliato a fettine sottili;
  • un mazzetto di rucola;
  • lodigrana senza lattosio Bella Lodi;
  • 1 spicchio d’aglio;
  • olio extravergine di oliva;
  • vino bianco secco;
  • sale;
  • peperoncino in polvere;
  • un cucchiaino di aceto.

 

PREPARAZIONE:

20140602_195839

Tagliare le fettine di pollo a strisce sottili.

 

20140602_195846

In un recipiente fondo versare un po’ di olio extravergine di oliva, sale, uno spicchio d’aglio tagliato a metà, peperoncino in polvere, del vino bianco e un cucchiaino di aceto (per chi preferisce un gusto più forte, può metterne un cucchiaio).

 

20140602_195927

Mettere la carne di pollo e lasciare marinare per circa mezzora.

 

20140602_200346

Nel frattempo mettere la rucola in ammollo nell’acqua per farle perdere polvere e impurità. Io di solito aggiungo un po’ di bicarbonato di sodio per disinfettare le verdure, soprattutto quando non so la loro provenienza. 😉

 

20140602_201327

Asciugare bene la rucola con un tovagliolo da cucina rigorosamente pulito e tagliarla a pezzi (io adoro il sapore della rucola e per non pestarla troppo, di solito la taglio a pezzi grandi).

 

20140602_202112

Preparare anche la grana senza lattosio tagliandola a listarelle.

 

20140602_202606

Ora possiamo cuocere il pollo. Potete farlo in due modi: soffriggerlo con liquido della marinatura e cucinarlo per bene oppure a metà cottura potete buttare il liquido e farlo rosolare e “arrossire” bene dentro la padella antiaderente. Io sinceramente preferisco questa seconda possibilità. Mi piace il sapore “abbrustolito” del pollo e il fatto che resti molto croccante.

 

20140602_203213

A fine cottura dovrebbe risultare così! Lasciamolo intiepidire un paio di minuti e poi possiamo completare il nostro piatto. 😉

 

20140602_202557

 

In un piatto da portata sistemiamo la rucola e la grana, aggiungiamo un po’ di olio extravergine di oliva a crudo e poi adagiamo il pollo. Copriamo con altra rucola, poi grana e poi olio e il nostro piatto è pronto!

20140602_203445

Buon appetito! 🙂

 

CONSIGLI: 

Come ho già accennato all’inizio, è un piatto molto estivo, leggero e veloce da preparare. Si può mangiare caldo cucinato al momento ma è sfizioso anche da mangiare freddo; una variante della insalata di pollo che a breve preparerò e pubblicherò nel blog.

Impasto base per pizza e focaccia

Impasto base per pizza e focaccia

Oggi parliamo dell’impasto base per pizza e focaccia, perfetto da utilizzare in tantissime ricette.

E’ il frutto di tantissime ricerche e prove e questa che vi lascio sotto è la versione aggiornata al 2020, ma non garantisco sia l’ultima! ?

IDRATAZIONE DELL’IMPASTO:

Prima di passare alla ricetta, devo fare una precisazione importante sulla idratazione dell’impasto che è data dal rapporto che c’è tra il quantitativo d’acqua e di farina utilizzati. Con una idratazione maggiore si hanno prodotti più alveolati e leggeri anche se son di gestione più delicata nella fase di impasto e pieghe. L’idratazione dell’impasto dipende anche dai tipi di farine utilizzate, soprattutto per la loro capacità di assorbire l’acqua. Solitamente una pizza al piatto ha un livello di idratazione che oscilla tra il 55% e 65% mentre la pizza in teglia può arrivare a idratazioni più alte, 70 – 80% o anche maggiori.
Ad esempio:

  • utilizzando 300 ml di acqua avrete un impasto circa al 55%, bello sodo e facile da lavorare;
  • con 350 ml avrete un impasto con idratazione al 63%, più morbido
  • e con 400 ml l’idratazione sale al 72%. L’impasto si presenta appiccicoso e più difficile da lavorare (ma è quello che mi ha dato le soddisfazioni maggiori ?)

Io vi consiglio di impastare a mano e di aggiungere l’acqua piano piano. Potete dosare 300 ml di acqua e poi, da parte, altri 50 o 100 ml e aggiungerla a poco a poco così riuscite a rendervi conto della consistenza dell’impasto. Un altro consiglio che vi posso dare, soprattutto se siete alle prime armi, è quello di partire con impasti poco idratati che son i più facili da gestire e poi aumentare gradualmente l’idratazione. Io son partita così e, ancora adesso, son in fase sperimentazione. Più impasti provo, migliore è il risultato. Son molto soddisfatta degli ultimi ma devo ancora capire e imparare parecchie cose. E continuo a sperimentare. ?

UTILIZZO DI DIVERSI TIPI DI LIEVITO:

Nella preparazione dell’impasto base per pizza con farina integrale possiamo scegliere tra diversi tipi di lievito: lievito di birra fresco, lievito di birra secco e lievito madre. Vi lascio qua sotto la tabella di conversione dei lieviti. Vi ricordo che se utilizzate il lievito madre, dovete parametrare e modificare sia il quantitativo della farina che quello dei liquidi che son entrambi compresi nel peso della pasta madre: se ad esempio si utilizzano 150 g di pasta madre dobbiamo togliere 150 g dal totale della farina e 75 ml di acqua.

Questa è la regola generale, anche se molto dipende dal tipo di farina utilizzata, dall’umidità dell’aria e dal grado di idratazione dell’impasto. Io tendo sempre a utilizzare un quantitativo d’acqua superiore o leggermente superiore (vedi sopra IDRATAZIONE DELL’IMPASTO), come tendo ad impastare a mano; solo così mi rendo effettivamente conto dell’acqua necessaria. Se cliccate sul link lievito madre, trovate la spiegazione dettagliata sull’utilizzo della pasta madre e sulla conversione delle ricette in base all’utilizzo dei diversi lieviti. E sotto, tra i CONSIGLI, la prossima volta che preparo l’impasto base per pizza con farina integrale e con l’utilizzo del lievito madre, vi riporto le quantità che uso io.

Tabella conversione lieviti

E ora ecco la ricetta. ?

INGREDIENTI:

  • 500 gr di farina 0 o farina Manitoba
  • 300 ml circa di acqua a temperatura ambiente
  • 10 gr di lievito di birra fresco (o 3 gr di lievito di birra secco)
  • 40 gr di olio extravergine d’oliva
  • 15 gr di sale fino
  • un pizzico di zucchero (mia nonna lo metteva sempre dappertutto per aiutare la lievitazione e io continuo a fare così. ?

PREPARAZIONE:

Setacciare la farina e metterla in una ciotola. Aggiungere un pochino di acqua e iniziare a mescolare. Aggiungere il lievito di birra sciolto in 2 cucchiai di acqua e impastare aggiungendo l’acqua a poco a poco.

Impastare aggiungendo poco per volta l’olio extravergine di oliva. Io lo aggiungo sotto l’impasto e prima di aggiungerlo nuovamente, aspetto che l’impasto abbia assorbito tutto l’olio. Per ultimo aggiungere il sale fino e continuare ad impastare.  Lasciar riposare l’impasto in un recipiente coperto con pellicola da cucina per circa mezzora.

PIEGHE DI RINFORZO:

Servono per dare più consistenza e rinforzare la maglia glutinica degli impasti di pane, pizza e focaccia. Una volta impastato, lascio riposare circa mezzora e poi procedo con cinque pieghe di rinforzo con intervalli di 20 minuti tra l’una e l’altra piegatura. Stendere la pasta con i polpastrelli dando forma rettangolare. Ripiegare a libro la parte superiore e la parte inferiore. Fare la stessa cosa con la parte destra e la parte sinistra e poi capovolgere l’impasto dando una forma tonda e lasciar riposare venti minuti coperto da pellicola alimentare (così l’impasto non si secca né si forma la crosticina in superficie).

Per la ricetta della pizza, la sua lavorazione e le pieghe, mi son ispirata alla ricetta della pizza in teglia della bravissima Federica del Blog Mambo Kitchen. Lei è fantastica! Non ho mai trovato difficoltà o “sorprese”: i dosaggi son esatti e le spiegazioni, accurate e dettagliate, rendono l’esecuzione delle sue ricette semplice e alla portata di tutti. Andate a visitare il suo Blog! ?

Negli impasti con maggiore idratazione, è più difficile fare le pieghe come descritto sopra. Ho trovato un metodo alternativo che permette di effettuare le pieghe di rinforzo direttamente nella ciotola: inumidisco le dita con poca acqua a temperatura ambiente e, prendendo l’impasto dai bordi, lo rovescio verso l’interno ruotando sempre la ciotola e facendo due volte il giro. Lascio riposare venti minuti coperto da pellicola e poi rinizio (Il numero di pieghe è sempre pari a cinque e l’intervallo è sempre di venti minuti).

PRIMA LIEVITAZIONE:

Ora l’impasto deve lievitare sino al suo raddoppio. I tempi di lievitazione variano in base alla stagione, all’umidità e alla temperatura che abbiamo in casa. Per accelerare la lievitazione mettere la ciotola con l’impasto nel forno da cucina con la sola luce accesa e una ciotola di acqua calda di fianco (serve per anche per tenere la giusta umidità mentre l’impasto lievita). Per rallentare la lievitazione ed avere una lievitazione più lunga, attendere mezzora e poi mettere la ciotola sigillata dentro il frigo per circa 24 ore o tutta la notte. Togliere l’impasto dal frigo e lasciarlo acclimatare per tre o quattro ore e comunque fino al raddoppio.

PREPARAZIONE DELLA PIZZA:

Una volta raddoppiato l’impasto, ungere le teglie da forno, suddividere l’impasto in panetti e stenderli nelle teglie con i polpastrelli (se l’impasto fa resistenza, vuol dire che non è ancora pronto). Coprire con pellicola alimentare e lasciar lievitare ancora un pochino. Stendere nuovamente l’impasto e coprire con la pellicola alimentare.

SECONDA LIEVITAZIONE:

Lasciar lievitare, coperto da pellicola da cucina, per altri 40 minuti o 1 ora.

COTTURA DELLA PIZZA:

Condire con passata di pomodoro e origano e infornare alla temperatura massima per circa 10 – 15 minuti (dipende dal tipo di forno). Condire a piacere, infornare per altri 5 minuti circa finché gli ingredienti son cotti o sciolti e servire calda.

RICETTA CON UTILIZZO DEL LIEVITO MADRE:

Per la versione dell’impasto per pizza con farina ho utilizzato questi ingredienti:

  • 200 g di farina 0
  • 300 g di lievito madre rinfrescato
  • 150 ml circa di acqua a temperatura ambiente
  • 40 g di olio extravergine di oliva
  • 15 g di sale fino

Sciogliere il lievito madre in un terzo dell’acqua. Aggiungere la farina 0 e impastare aggiungendo l’acqua a poco a poco (per un impasto più idratato, aggiungere ancora acqua). Impastare per circa 10 – 15 minuti e poi aggiungere l’olio extravergine di oliva, continuando ad impastare finché non viene assorbito. Per ultimo aggiungere il sale fino e impastare. Per il resto, seguire la ricetta qua sopra.

CONSIGLI:

  • utilizzi: potete utilizzare questo impasto per la classica pizza, focaccia, calzone o per preparare dei piccoli panini.

Fusilli con crema peperoni e zafferano

Fusilli con crema di peperoni e zafferano

Dopo una lunghissima giornata di lavoro, commissioni e palestra… Son arrivata a casa distrutta!!! Erano quasi le 20.30 e non sapevo cosa mangiare a cena! 🙁 Non avevo voglia di fare cose elaborate, bensì di una ricetta gustosa, semplice e soprattutto veloce da preparare! 😉

Ho aperto il frigo e ho trovato un peperone rosso. Allora ho pensato ad una variante davvero meno light della mia ricetta Fusilli crema di zucchine e Philadelphia. 😉

Eccola qua!

INGREDIENTI:

  1. 1 peperone rosso bello grande
  2. 1/4 di cipolla tritata
  3. 200 gr di fusilli
  4. 1 bustina di zafferano
  5. formaggio spalmabile senza lattosio (lattosio <0,01%)
  6. Parmigiano reggiano stagionato (naturalmente privo di lattosio)
  7. olio extravergine d’oliva
  8. sale q.b.
  9. pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

Tagliata il peperone a julienne, aggiungete un po’ di sale e mettetelo a cucinare nel microonde per circa 7 – 10 minuti (almeno nel mio i tempi son questi!)

Mettete l’acqua a bollire per cucinare la pasta. Ora tagliate la cipolla molto sottile e mettetela in una padella con dell’olio d’oliva. Iniziate a farla soffriggere e quando sarà dorata a puntino, aggiungete i peperoni che nel frattempo saranno cotti. Fatte rosolare il tutto aggiustando di sale e pepe. Poi aggiungete lo zafferano e continuate a girare. Nel frattempo, visto che l’acqua avrà già iniziato a bollire, ricordatevi di cucinare i fusilli! ?

Quando il peperone è pronto, potete frullarlo con un robot da cucina o un frullatore ad immersione (ve lo consiglio perché più comodo e meno fastidioso da lavare).

Ora rimettete il peperone frullato nella padella e aggiungete il formaggio spalmabile senza lattosio, mescolando fin quanto non ottenete una cremina.

Scolate i fusilli e buttateli sulla padella sopra la cremina, accendete la padella a fuoco basso e continuate a mescolare. Infine aggiungete la grana senza lattosio, ultima girata “et voilà” nel giro di un quarto d’ora o venti minuti al massimo, la cena è servita. ?

CONSIGLI:

  1. per chi la preferisce, ho già pubblicato la versione light di questa ricetta; fusilli crema di zucchine e Philadelphia

VARIANTE DEL 26/06/2019

Si può cucinare il peperone arrosto tagliato a cubetti e condito con olio extravergine di oliva, sale fino e pepe nero.
Quando è cotto va frullato e si aggiunge lo stracchino senza lattosio (lattosio <0,01%). Scolare la pasta al dente, aggiungere la crema di peperoni, del pane grattugiato leggermente tostato e un pochino di erba cipollina.

Coccinelle – Antipasto

antipasto coccinelle

Questo antipasto è molto carino da servire in tavola e vi assicuro che la sua preparazione è davvero facile! 😉

 

INGREDIENTI:

  • crostini di pane o fette di pan carré abbrustolite
  • prosciutto crudo tagliato a fette molto sottili
  • formaggio Emmentaler o Bela Badia senza lattosio
  • pomodorini ciliegina
  • olive nere meglio se già denocciolate
  • foglie di insalata verde
  • olio extravergine di oliva
  • origano
  • sale q.b.
  • peperoncino a piacere

 

PREPARAZIONE:

Lavare l’insalata e mettere le foglie a scolare in modo che perdano più acqua possibile. Se utilizzate il pan carré, dovete tagliare le fette in triangoli e metterle ad abbrustolire in una bistecchiera. Quando sono pronte, lasciatele in un piatto così si raffreddano.

Ora lavate i pomodori, fateli scolare e tagliateli a metà togliendo i semi che ci son all’interno. Preparate anche il formaggio che deve essere tagliato a fette sottili. Lavate e mettete a scolare le olive nere.

Ora siamo pronti a guarnire il piatto! 🙂

Per prima cosa adagiate le foglie di lattuga nel piatto di portata; ora preparate la “base” su cui poggeranno le coccinelle con i triangolini di pane abbrustoliti sui quali metterete il prosciutto crudo e il formaggio tagliato sottile. Ora dovete poggiare la metà del pomodoro per formare il corpo della coccinella, con metà o 1/4 di oliva nera denocciolata (dipende dalla grandezza!) formate la testa; infine con 4 pezzi di olive nere tagliate molto sottili, fatte le zampette. Dai resti delle olive, che io ho tritato, potete fare i puntini neri e poggiarli sopra il pomodoro.

Per finire, in un bicchiere dovete mettere un po di olio d’oliva, aggiungere il sale, l’origano e un pizzico di peperoncino (facoltativo) e versare il pinzimonio sopra le coccinelle.

 

Buon appetito! 🙂

Come foderare la tortiera con la carta da forno

20140427_195345

Un consiglio veloce per foderare la tortiera nel modo giusto! 🙂

 

Primo passo:

smontare la tortiera e prendere il fondo. Imburrarlo e adagiare (schiacciando finché non aderisce) un quadrato di carta da forno di diametro leggermente più grande. Ritagliare la carta da forno della misura del diametro del fondo.

20140427_194908

 

Secondo passo:

Ritagliare dei rettangoli di carta leggermente più alti del bordo della tortiera. Imburrare i bordi della tortiera e adagiare i rettangoli di carta in modo da foderare tutto il bordo. Schiacciare bene la carta da forno sul bordo in modo da farla aderire. Tagliare la carta in eccesso.

20140427_195042

 

Terzo passo:

Ora unire il fondo della tortiera al bordo et voilà! La tortiera è pronta! 😉

20140427_195345