Archivio Tag: aziendelocali

Ravioli ricotta, salmone e erba cipollina

Ravioli ricotta, salmone e erba cipollina

Ravioli ricotta, salmone e erba cipollina…

Ho iniziato a collaborare con la azienda 3A Latte Arborea S.C.A. che ha una intera linea di prodotti dedicata a noi intolleranti al lattosio. Nella Linea AD (Alta Digeribilità) possiamo trovare latte, burro, mozzarelle, yogurt, formaggio Fiore Sardo, Mascarpone e ricotta, tutti con lattosio residuo inferiore allo 0,1%.

Devo ammettere che conosco molto bene questi prodotti perché lì utilizzo da svariati anni e li trovo davvero buoni e di qualità. 

Per questa ricetta ho scelto il Cuor di ricotta, deliziosa e dalla consistenza cremosa e non acquosa, perfetta per creare ricette dolci e salate.

Ho preparato un ripieno semplice con ricotta, salmone affumicato e erba cipollina. Per la sfoglia ho impastato la sfoglia all’uovo e ho condito con un semplice pesto di zucchine crude. Ne è venuto fuori un piatto fresco, profumato e perfetto per queste giornate estive abbastanza torride.

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 1 dose di pasta all’uovo
  • 250 gr di ricotta senza lattosio (lattosio residuo inferiore allo 0,1%)
  • 100 gr di salmone affumicato
  • 8 – 10 rametti di erba cipollina
  • Farina 0 q.b.
  • 1 dose di pesto di zucchine

PREPARAZIONE:

Preparare la pasta all’uovo seguendo le indicazioni contenute nel link.

Preparare il ripieno frullando la ricotta con il salmone affumicato e l’erba cipollina e metterlo dentro un sac à poche.

Stendere la pasta all’uovo in sfoglie sottili e adagiarle sulle forme da ravioli precedentemente cosparse di farina 0. Versare il ripieno utilizzando il sac à poche. Coprire con un altro pezzo di sfoglia. Schiacciare bene togliendo tutta l’aria e per sigillare meglio, passare su tutta la superficie della sfoglia un mattarello da cucina. Capovolgere e tagliare i ravioli con una orrossonita (è così che noi chiamiamo in sardo il tagliapasta che è simile ad un tagliapizza ma più piccolo).

Ravioli salmone 2

Eccoli ! 😍

I ravioli ricotta, salmone e erba cipollina vanno lessati per 3 – 4 minuti in  abbondante acqua salata, conditi con il pesto di zucchine e serviti subito.

CONSIGLI:

  • conservazione: vanno sistemati a strati su dei teli da cucina precedentemente cosparsi di farina 0  e poi chiusi con delle buste da congelatore. Se invece li volete congelare subito, al posto dei teli da cucina, è necessario utilizzare dei fogli di plastica trasparente di uso alimentare, simili a quelli che si utilizzano per separare gli strati di insaccati.
  • Condimento: deve essere leggero e risaltare il sapore delicato dei ravioli. Potete farli saltare in padella con del burro senza lattosio, pochissima scorza di limone grattugiata e un trito di erba cipollina.

Il raccolto di Merea

Il raccolto di Merea

Chi mi segue da un po’ avrà ormai capito che prediligo i prodotti di stagione e quelli a km zero.

Qua in Sardegna (ma vale per tutta l’Italia) abbiamo un patrimonio enorme di sapori e saperi che, purtroppo, stanno scomparendo o vengono sostituiti con preparazioni industriali.
Penso che aprire e tener su una piccola attività artigiana sia una vera scommessa e un atto di coraggio:
– parlo della burocrazia (montagne e montagne di documenti prodotti, i giri come trottole impazzite da un ufficio all’altro, tempi di evasione pratiche talmente assurdi che potremo arrivare direttamente alla pensione nel frattempo che attendiamo l’esito della nostra pratica);
– dei costi altissimi (a livello di imposte e di tasse locali; mi sembra assurda anche la questione degli acconti… Perché devo pagare anticipo imposte per l’anno prossimo in base agli incassi di quest’anno se ancora non so quanto incasserò l’anno prossimo? ?);
– della mancanza di infrastrutture e di servizi (vivo in un bellissimo e sperduto paese di montagna; tralasciando il discorso strade che vi potete immaginare come siano, qua ci dobbiamo accontentare di un ufficio postale che apre a singhiozzo e di una rete Internet scassata e molto lenta che, spesso, non ci permette nemmeno di lavorare).

Ma nonostante queste difficoltà c’è ancora chi ha il coraggio e la follia per investire nel nostro territorio; le piccole aziende artigiane, spina dorsale dell’Italia continuano a nascere e a sopravvivere e per questo motivo vanno sostenute, protette e ed aiutate.

Tra quelle presenti nelle vicinanze di casa mia, mi ha colpito (in senso positivo) Il raccolto di Merea.  Ho scoperto questo mulino un po’ per caso… Tramite passaparola e assaggiando del pane prodotto con le sue farine. Mi hanno incuriosita il colore più ambrato e il sapore più intenso rispetto al pane preparato con le farine industriali e allora ho deciso di andare a curiosare direttamente al mulino. ?

Quando son entrata son stata avvolta dal profumo inebriante della farina e catapultata indietro nel tempo quando, da bambina, andavo al mulino a prendere la farina per mia nonna. Stessi colori, stessi profumi e stesse sensazioni: di pane caldo, di tradizione, di famiglia.

E poi ho visto chi c’era dietro il bancone. Sono sincera! Mi aspettavo una signora paffuta di mezza età e invece ho conosciuto una ragazza giovane, mora e con tanta voglia di fare e di imparare. Si chiama Francesca e, dopo esser partita per studiare fuori, ha deciso di tornare a casa e affiancare l’attività agricola di famiglia aprendo un mulino artigianale. Mentre lo racconta nei suoi occhi si legge l’entusiasmo, la gioia e l’orgoglio di esser tornata a casa voler provare a lavorare qua, nonostante le mille difficoltà che incontra tutti i giorni.

Il raccolto di Merea
Mulino

Il mulino è piccolo, artigianale e con la macinatura a pietra ed è tutto lì il segreto della bontà delle farine che produce.

All’interno del mulino è possibile trovare ed acquistare farine di grano duro, di farro e di segale. Tutte le farine provengono esclusivamente dalle coltivazioni dei cereali nel territori di Sorgono (dove si trova l’azienda) e Atzara (comune limitrofo) in terreni di proprietà dell’azienda. Il raccolto di Merea si occupa di tutta la filiera produttiva (coltivazione cereali, raccolta, macinatura, confezionamento e vendita).

Il raccolto di Merea
Prodotti

Ma Francesca ha una marcia in più! Oltre alle farine all’interno del mulino si possono acquistare la pasta di farro (la trovate in diversi formati), la fregola (sempre prodotta con la farina di farro) e il farro per le zuppe di cereali (io l’ho ricevuto in omaggio e l’ho già provato. Tutto un altro sapore. Non tornerei più indietro!? ).

Il raccolto di Merea
Packaging ecologico

Un’altra iniziativa de Il Raccolto di Merea che mi è piaciuta tanto è quella del packaging ecologico. All’interno del mulino si possono acquistare dei vasetti di vetro che verranno utilizzati per le farine e/o per i cereali (oppure ognuno si può portare da casa i propri vasetti da riempire). Il vantaggio è inquinare di meno e inoltre il vetro, essendo impermeabile all’umidità e agli insetti, permette alle farine di esser conservate nel migliore dei modi.

Il raccolto di Merea

Il Raccolto di Merea si trova a Sorgono in provincia di Nuoro e, se vi fa piacere andare a visitare il mulino, vi lascio i recapiti e le pagine social. Essendo una azienda di nuovissima costituzione purtroppo per ora non ha un sito internet; appena sarà disponibile lo aggiungerò qua sotto.

Il RACCOLTO DI MEREA
Via Fratelli Costa, Loc. Perdaladedda (vicino IPSASR)
08020 Sorgono (NU)
Tel: +39 346 100 4832

Facebook: Il raccolto di Merea
Instagram: Il raccolto di Merea