Sorbetto di albicocche

Sorbetto di albicocche…

Giuro che non ricordavo una estate così rovente dal 2003, anno della mia laurea. Aiutoooo!!! 😱😱😱 Ma son passati davvero sedici anni da quando ero studentella universitaria a Cagliari? Non ho nemmeno il tempo o la voglia di sentirmi vecchia perché pure questi pensieri fanno sudare… Ma soprattutto era necessario tornasse un caldo così? Non poteva aspettare altri sedici anni ancora? Una sola domanda… Perché? 😢😢😢

Oggi è davvero la giornata giusta per rispolverare la mia vecchia (lei mica io eh!) cara gelatiera e, visto che ho un po’ di frutta da consumare, mi son messa a preparare gelati e sorbetti. Buonissimi entrambi anche se non son sinonimi. Nei gelati oltre alla frutta e allo zucchero, vengono aggiunti anche i latticini (di solito latte o panna) e qualche volta le uova. I sorbetti invece son più easy, leggeri e meno calorici perché preparati solo con frutta e zucchero. I sorbetti si differenziano anche dalle granite per la consistenza: la purea di frutta li rende più morbidi e cremosi mentre la caratteristica principale della granita è la sua consistenza più “ruvida” formata dai piccoli cristalli di ghiaccio che la rendono granulosa e cristallina.

Il sorbetto, grazie ai suoi ingredienti, è completamente senza lattosio ed è adatto agli intolleranti al lattosio come me. O almeno lo è quello che si prepara a casa! Quando lo mangiate fuori (soprattutto quando lo servono nei matrimoni) chiedete sempre gli ingredienti. Il vero sorbetto non ha lattosio ma a volte si usano dei sorbetti già pronti che potrebbero contenerlo. Meglio sempre chiedere per sicurezza. 😉

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 400 gr di polpa di albicocche (senza bucce né semi)
  • 120 gr di zucchero semolato
  • Succo di un limone

PREPARAZIONE:

Procedimento con la gelatiera

Frullare la polpa di albicocche, il succo di limone e lo zucchero e metterlo nella gelatiera che va accesa almeno un minuto prima in modo che non si formino cristalli di ghiaccio. Lasciarla lavorare per circa 30 – 40 minuti e poi estrarre il sorbetto alle albicocche. 

Consumare subito e, se ne avanza, conservare in un contenitore con chiusura ermetica che va riposto nel freezer.

Procedimento senza gelatiera

Frullare la polpa di albicocche, il succo di limone e lo zucchero e conservare in un contenitore con chiusura ermetica che va riposto nel freezer. E’ necessario mescolare il sorbetto alle albicocche ogni 15 – 20 minuti circa per assicurarsi che non si formino cristalli di ghiaccio e si ottenga una consistenza cremosa.

Consumare appena ghiacciato e, se ne avanza, conservare in un contenitore con chiusura ermetica che va riposto nel freezer.

CONSIGLI:

  • Aggiunte: si può servire così com’è o con l’aggiunta di liquori o sciroppi. La mia preferita resta sempre la sapa. 😋😋😋
  • Consistenza: è soggettiva. A me piace che resti morbido e non troppo congelato. Di solito lo mangio subito o, se congelato, lo lascio riscaldare a temperatura ambiente. Oggi in realtà, visto il caldo rovente, si scioglieva talmente in fretta che non son riuscita nemmeno a fotografarlo in maniera decente! 🤦‍♀️🤦‍♀️🤦‍♀️