Archivio Tag: lattosio

Insalata di pollo

Ecco un secondo piatto pratico, leggero e facile da preparare.  😉
Adatto a tutti gli intolleranti al lattosio!
E’ uno dei miei piatti “salva serata” e lo tolgo fuori dal cilindro quando c’è troppo caldo o son troppo stanca per preparare altro…  :mrgreen:
Gli ingredienti? Ovviamente il pollo e in aggiunta la verdura che avete a portata di frigo!  😆

 

INGREDIENTI:

  • 2 fettine di pollo
  • 1 peperone rosso di medie dimensioni
  • lattuga
  • radicchio
  • carote
  • rucola
  • olio evo
  • sale qb
  • pepe nero qb
  • maionese (eventuale)

 

PREPARAZIONE:

Mettere la bistecchiera (o pentola antiaderente) sul fuoco. Lavare e togliere i semi al peperone. Tagliarlo in 4 pezzi e farlo arrostire nella bistecchiera. Far arrostire anche le fettine di pollo e aggiungere sale e pepe nero a fine cottura.

Nel frattempo, lavare e tagliare il radicchio, la lattuga e la rucola. Lavare le carote e tagliarle a julienne molto sottili con l’ausilio del robot da cucina. A me non piacciono le carote tagliate a rondelle o comunque molto grosse.

Mettere le verdure tagliate in una insalatiera capiente. Controllare i peperoni; quando son cotti, vanno tagliati a listarelle e fatti raffreddare. Stessa cosa vale per la carne di pollo. Aggiungere carne di pollo e peperoni alle insalate, condire con olio evo e sale e mescolare.
L’insalata si può insaporire ulteriormente aggiungendo anche la salsa maionese; io non la uso o ne uso davvero poca.. Vedete voi!

Eh voilà…. In un attimo la cena è pronta! Ci metto più tempo a scrivere la ricetta che a prepararla!  😆

 

CONSIGLI:

  • potete utilizzare al verdura che vi piace di più. Ad esempio, ci starebbero benissimo anche i pomodori, peccato che io ne sia allergica!  😥 Oppure una manciata di noci o pinoli o del grana padano in scaglie.

Pasta alle zucchine e pepe nero

Questo piatto mi ricorda l’estate…
Un giorno d’agosto, di ritorno dalla spiaggia vengo assalita da una fame devastante… Una di quelle situazioni dove vi mangereste qualsiasi cosa vi trovate davanti, avete presente? Si si lo so cosa mi direte… E’ estate, bisogna mangiare leggeri e bere tanta acqua… Ok, avete ragione ma ogni tanto bisogna sgarrare no?  😉
Comunque… Arrivo a casa e apro il frigo (per mia fortuna semivuoto!  😆 ) e cosa trovo? Un hamburger da consumare e una montagna di zucchine! Ed ecco la mia idea di pasta alle zucchine ipercalorica!  😉

Come sempre ho utilizzato ingredienti a lattosio zero… Quindi chi è intollerante al lattosio come me, può cucinare e mangiare questo primo piatto senza problemi!  😉

INGREDIENTI:

  • 1 zucchina
  • 1 hamburger
  • Olio evo
  • Pepe nero qb
  • Sale qb
  • Penne rigate (o qualsiasi tipo di pasta preferite)
  • Parmigiano grattugiato (sopra i 36 mesi e quindi senza lattosio)

 

 


PREPARAZIONE:


Tagliare la zucchina a rondelle e farla soffriggere con un po di olio evo. Aggiungere sale q.b. e poi sbriciolare un hamburger e farlo cuocere insieme alla zucchina. Nel frattempo mettere a bollire l’acqua e cuocere le penne rigate. Quando la pasta è cotta, va fatta saltare in padella con le zucchine e la carne macinata aggiungendo parmigiano grattugiato, pepe nero e servire.

Latte di nocciole

Ragazzi…
Ho provato a fare il latte di nocciole a casa… Una vera bontà… Da provare!!!  🙂
Sapore ottimo, senza lattosio, adatto per la prima colazione o per preparare le torte!
Una bella alternativa per chi è intollerante al lattosio.
Poi se avete la fortuna di trovare nocciole biologiche e a km zero, è ancora più saporito e genuino.

 

INGREDIENTI:
• 130 gr di nocciole sgusciate (che corrispondono a circa 300 gr di nocciole col guscio)
• 750 gr di acqua
• 2 cucchiai di miele

 


PREPARAZIONE:

20150516_09163520150516_155955
Sgusciare le nocciole e metterle a bagno nell’acqua per 8 – 10 ore (o per tutta la notte).

 

 

 

20150516_21270720150516_212847

Successivamente sciacquarle per bene e metterle nel robot fa cucina. Tritarle con con un po’ d’acqua e aggiungere l’acqua a poco a poco continuando a frullare.

 

 

 

20150516_21440220150516_213359

Aggiungere il miele, frullare per l’ultima volta e infine filtrare con l’ausilio di uno strofinaccio da cucina a maglie larghe e conservare in frigo per circa 4 gg.

 

 

CONSIGLI:
• la polpa di nocciole utilizzata per preparare il latte io la riutilizzerò per preparare una torta o dei biscottini
• i 750 gr di acqua sono di acqua pulita. Da non utilizzare assolutamente l’acqua dell’ammollo delle nocciole che va buttata!

 

Torta di mele

Salve ragazzi!  🙂

E’ arrivato l’inverno… Voglia di stare al calduccio… Sotto il plaid… Davanti al camino… Con un bel libro in mano…
Bellissimo momento di relax…
E sul tavolino? Una buona tisana e una fetta di torta di mele al profumo di cannella…
Che meraviglia eh?

E allora eccovi al ricetta!!!  😉

 

INGREDIENTI:

20151121_175351

  • 3 uova
  • 13 cucchiai di zucchero di canna
  • 17 cucchiai di farina 00
  • 2 mele grattugiate (per l’impasto)
  • 3 mele tagliate a fettine sottili (per guarnire)
  • 1 limone (buccia grattugiata)
  • 1 bustina di lievito per dolci Bertolini
  • 1 bicchiere di latte di riso (bicchiere di carta)
  • 1/2 bicchiere di olio evo
  • cannella

 

PREPARAZIONE:

20151121_180433

Rompere le uova e separare gli albumi (che vanno montati a neve) dai tuorli e aggiungere lo zucchero di canna. Io ho messo 3 cucchiai di zucchero negli albumi (montano meglio a neve) e i restanti 10 cucchiai di zucchero nei tuorli.

 

 

20151121_180805

Montare gli albumi a neve “ferma”; cioè inclinando il recipiente quasi verticale gli albumi non si devono muovere. Solo così sono pronti.

 

 

20151121_180958

Lavorare il restante zucchero con i tuorli sino a che non si ottiene una crema quasi bianca.

 

 

20151121_18123620151121_181341

Aggiungere la farina 00 e il latte di riso a poco a poco, mescolando in continuazione.

 

 

20151121_18174720151121_182337

Aggiungere l’olio evo e la scorza grattugiata del limone e continuare a mescolare.

 

 

20151121_18312520151121_183232

Aggiungere la polpa grattugiata delle mele e il lievito e mescolare.

 

 

20151121_183325

Aggiungere gli albumi montati a neve e mescolare delicatamente per incorporarli nell’impasto.

Per foderare la tortiera, potete cliccare su questo link:
come foderare la tortiera

 

 

20151121_185522

Tagliare le restanti mele a fettine sottili e guarnire la torta. Aggiungere zucchero di canna sopra le mele e infornare a 175-180° C per circa 50 minuti. La torta sarà pronta quando sarà dorata in superficie e, pungendola con un coltello (io uso uno spiedino in legno), questo uscirà fuori pulito.

 

 

20151121_203321

Eccola qua!  🙂
Ammetto che è uno dei miei dolci preferiti; buona per colazione e ottima per accompagnare il thè delle cinque.
Con latte di riso e olio, è perfetta per me e per tutti gli intolleranti al lattosio!   😉
E poi diciamocelo… Non è “dietetica” ma nemmeno così calorica come la Saker!

 

 

CONSIGLI:

  • Zucchero: io ho utilizzato zucchero di canna perché lo preferisco e resta meno dolce; potete tranquillamente sostituirlo con zucchero bianco o con miele (in questo caso ne va messo il 20% in meno)
  • Cannella: io la aggiungo perché mi piace molto ma non è un ingrediente essenziale, quindi si può omettere
  • Latte di riso: io lo utilizzo tantissimo per preparare i dolci, soprattutto torte, perché conferisce una consistenza più soffice all’impasto. Anche questo sostituibile con latte “normale” o delattosato o di avena o quello che preferite voi
  • Forno: attenti! E’ soggettivo. Dovete adattare temperature e cottura al vostro forno. Il mio nuovo forno cucina le torte in modalità “statico” a 175°C; con quello di mia mamma invece uso la modalità “ventilato” a 180°C, quindi vedete voi!

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Tajine

Ciao ragazzi!
Sto ancora traslocando nella mia nuova casetta… Finalmente riesco a sistemare la nuova cucina…  😉
Tra le cose regalatemi dalla mia mamma fa’ capolino questa meraviglia! La tajine!

CQdZRN-WsAAMBq-

Io da sempre adoro le pentole in terracotta!  😀
Cucinano i cibi lentamente e gli conferiscono un gusto particolare… Io le utilizzo spesso per cucinare zuppe, minestroni e anche il ragù viene buonissimo. Confesso però la mia ignoranza su questo particolare tipo di pentola, regalo di un amico marocchino. L’ho sempre trovata molto bella ma non mi ero mai interessata al suo funzionamento finché (così per caso) nelle chiacchiere della pausa pranzo, una ragazza ne ha parlato descrivendola e le ha dato un nome…
La “tajine“!  🙂
Nome bellissimo e molto particolare… Che nella mia mente ha richiamato la cucina, i profumi e le spezie di origine orientali… Et voilà! Son andata a curiosare nel web. Tajine è un piatto di origine marocchina e berbera che indica un secondo piatto preparato con carne di pollo o di agnello fatta stufare con le verdure e condita con le spezie. Tajine è anche il nome della pentola, formata da un piatto di terracotta e da un coperchio di forma conica con un solo piccolo foro d’uscita per il vapore.  E’ una versione molto antica della pentola a pressione e il funzionamento è geniale! Il vapore acqueo evapora dal fondo e arriva alla sommità del cono dove, per la temperatura più bassa, diventa acqua e cade verso il basso. Questo assicura una cottura uniforme e fa’ si che i sapori si miscelino perfettamente tra loro.

Ragazzi… Dovevo assolutamente provare la pentola!  😉
La ricetta che presento qua è una rielaborazione della tajine in versione Gavinedda… Era domenica e mi son dovuta arrangiare con le verdure del frigo e con le spezie che avevo in cucina ma, se devo esser sincera, il risultato finale era buonissimo!  🙂

Ultimo accorgimento… Come tutte le pentole in terracotta, anche la tajine va preparata prima dell’uso. Va lasciata sommersa dall’acqua per circa 3 ore e poi l’interno della pentola deve essere unto per bene con un tovagliolo e dell’olio evo. A questo punto va tappata e messa nel forno freddo (che poi portate a 150°C) per circa due ore. Ora bisogna farla raffreddare, sciacquarla e poi è pronta all’uso.
Come tutte le pentole in coccio, è porosa. Quindi non va assolutamente immersa nel detersivo né lavata in lavastoviglie! Mi raccomando!

INGREDIENTI:

20151004_195810

  • carne di pollo
  • 1 peperone
  • 1 zucchina
  • 1 patata
  • 1/2 cipolla
  • 1 spicchio d’aglio
  • sedano
  • fagiolini freschi
  • cavolo verza
  • 1 pomodoro
  • sale
  • olio evo
  • pepe nero
  • menta
  • curry
  • peperoncino
  • salvia
  • alloro
  • pochissima scorza di limone
  • poco succo di limone
  • noce moscata
  • cannella (pochissima)
  • zenzero

 

PREPARAZIONE:

20151004_201917

Tagliare il pollo a pezzi non troppo piccoli; lavare, sbucciare e tagliare la cipolla a listarelle sottilissime (in modo che si sciolgano) e sbucciare lo spicchio d’aglio (che io ho schiacciato e ho messo intero in modo da poterlo togliere a fine cottura).

 

 

20151004_202403 20151004_202445

Mettere la tajine al fuoco utilizzando lo spargifiamma; versare olio evo, la cipolla, l’aglio e lasciar soffriggere bene. Quando la cipolla è dorata, aggiungere il pollo e farlo rosolare a fiamma vivace per circa 5 minuti.

 

 

20151004_203224 20151004_203356

Aggiungere al pollo le varie spezie; curry, noce moscata, cannella, pepe nero, menta e zenzero. Aggiungere anche il sale, 2 pezzi di scorza di limone, un po’ di succo di limone e mescolare bene. Aggiungere l’acqua per ricoprire la carne, tappare e far cuocere a fuoco basso per circa 10 minuti.

 

 

20151004_204459

Nel frattempo lavare bene le verdure e le due spezie rimaste (salvia e alloro) e tagliare le verdure (tranne il pomodore) a julienne. Qua state molto attenti: le verdure devono essere tutte della stessa misura! Questo è importante per una buona cottura della pietanza e per guarnire la tajine. Il pomodoro va tagliato in 4 pezzi ma senza arrivare alla fine in modo che i vari pezzi stiano ancora uniti tra loro.

 

 

20151004_205211

Spegnere il fuoco e scoperchiare la tajine (attenzione al vapore che fuoriesce!). sistemare le verdure alternandole e in modo circolare; al centro aggiungere il cavolo verza e poi sopra il pomodoro aperto. Dentro il pomodoro vanno messe le foglie di alloro e salvia fresche; aggiungere dell’acqua calda, coprire il tutto e far cuocere a fiamma molto bassa per circa 45 – 50 minuti. A metà cottura bisogna controllare la tajine e, se ce ne fosse bisogno, va aggiunta ancora dell’acqua calda.

 

 

20151004_220314

Ed ecco la tajine! Il profumo delle spezie durante la cottura e mentre la sistemavo nel piatto era davvero invitante!
Buon appetito! 🙂

 

 

CONSIGLI:

  • carne: io ho usato carne di pollo perché ce l’avevo a casa ma potete utilizzare la carne d’agnello (secondo me molto più saporita) e come alternativa mi ispira molto pure il pesce!
  • spezie: anche qua io ho utilizzato quelle che avevo a casa. Ma la scelta sta a voi! Se vi piace un gusto più tradizionale, vi consiglio di optare per quelle della cucina mediterranea (basilico, prezzemolo, salvia, rosmarino). Se siete amanti della cucina orientale lasciatevi conquistare da zenzero, zafferano, cannella, noce moscata, peperoncino, curry etc. Attenti alle quantità delle singole spezie! Devono “sposarsi” bene tra loro e non ci deve essere una spezia che con il suo sapore vada a coprire le altre (almeno secondo me!). Occhio anche alle singole spezie! Se usate troppa cannella ad esempio, il piatto risulterà troppo dolce! Insomma, vedete un po’ voi!
  • pane: qua ci vuole per immergerlo nel sughetto e farci la scarpetta. Potete preparare dei semplici crostini da mettere sotto nel piatto prima di versare la tajine ma… A me ispira anche il chapati indiano! Ci starebbe benissimo!

Fusilli alla crema di zucchine, noci e salmone

10418981_1711999672361308_203215995027732136_n

Siamo in estate!
Tanto caldo e tante uscite (almeno per me!  😉 ) Non ho voglia di preparare e mangiare piatti elaborati ma solo cibi leggeri e veloci da cucinare. Questa ricetta mi è venuta in mente di ritorno dalla pescheria… Volevo utilizzare il salmone all’interno di un primo, così non dovevo accendere il forno e poi ho pensato ad una verdura di stagione molto versatile… La zucchina!
E’ una ricetta senza lattosio (e senza prodotti delattosati) quindi noi intolleranti la possiamo preparare e mangiare senza problemi!  😉
Ed ecco qua la ricetta!  🙂

 

INGREDIENTI:
2 zucchine medie
1 pugno di noci sgusciate

1 pezzo di salmone fresco
1/2 bicchiere di brandy
250 gr di pasta
Olio evo
Sale e pepe q.b



PREPARAZIONE:
Tagliare le zucchine a rondelle e cucinarle. Io preferisco utilizzare il microonde per una cucina più leggera. Nel frattempo mettere l’acqua a bollire in una pentola capiente.
Quando le zucchine saranno cotte, metterle nel bicchiere del frullatore a immersione (potete usare anche il robot da cucina in alternativa) e frullarle insieme alle noci e ad un cucchiaio di olio evo
Buttare i fusilli nell’acqua bollente!
Tagliare il trancio di salmone fresco a piccoli pezzi e far soffriggere con poco olio evo. Aggiungere sale fino e una macinata di pepe nero. Far soffriggere per un po e poi aggiungere il brandy. Far rosolare per bene e spegnere.
Scolare i fusilli al dente, aggiungere il pesto di zucchine e per ultimo il salmone. Mescolare bene il tutto e poi servire caldo.
Buon pranzo!!!  🙂 

 

CONSIGLI:
– io ho cotto le zucchine al microonde ma se preferite una versione meno leggera e più saporita potete soffriggerle in padella con olio evo;
– tra gli ingredienti della crema di zucchine potete aggiungere anche uno spicchio d’aglio e/o 2 cucchiai di parmigiano reggiano o grana padano stagionati;
– la crema di zucchine e noci è ottima anche come antipasto da servire sui crostini di pane

Gnocchi di zucca

Gnocchi di zucca…

Questa ricetta è una vera bontà!  🙂
Amici di famiglia ci hanno regalato una bella, enorme zucca gialla e mi è venuto in mente di provare a fare gli gnocchi…
Una variante sfiziosa dei soliti gnocchi di patate. Dovete provare a farli!!! Buoni e a lattosio zero! Cosa voler di più per noi intolleranti?

 

INGREDIENTI:

  • 600 gr di zucca gialla cruda, già pulita e senza buccia
  • 40 – 450 gr circa di farina 00
  • sale
  • noce moscata
  • 1 uovo
  • 1/2 bustina di lievito istantaneo per pizze
  • burro a ridotto contenuto di lattosio (Latteria Soresina – lattosio 0,01%) q.b.
  • grana padano grattugiato a lunga stagionatura (tracce di lattosio) q.b.
  • salvia in foglie q.b.

 

 

PREPARAZIONE:

wpid-20150205_191948.jpgwpid-20150208_110825.jpg

 

Tagliare, sbucciare e togliere i semi ad un bel pezzo di zucca gialla. Tagliarla a spicchi e metterla nel forno con un po’ di sale. Cucinare con forno ventilato a 200° C  per circa 20 minuti (dipende dalla grandezza dei pezzi).

 

 

20150208_123536

Quando la zucca gialla è cotta, bisogna frullarla e, se vediamo che contiene ancora molta acqua, dobbiamo mettere a scolare acqua utilizzando un canovaccio pulito. Mettere la polpa di zucca gialla in un tegame e aggiungere il sale e la noce moscata.

 

 

20150208_123617

Aggiungere l’uovo e mescolare il tutto con una forchetta.

 

 

20150208_12400120150208_12420020150208_124721

Aggiungere la farina 00 e il lievito e mescolare prima con la forchetta e poi successivamente lavorare l’impasto con le mani. L’impasto deve risultare elastico ma non troppo morbido. Ricordiamoci di mettere a bollire l’acqua per cucinare gli gnocchi.

 

 

20150208_12593720150208_131430

Tagliare impasto nel senso della lunghezza, lavorarlo creando un “serpente” di pasta e successivamente tagliarlo a quadratini. Ora con l’aiuto del pollice, dobbiamo “scavare” i quadratini dando la forma degli gnocchi.

 

 

20150208_13421920150208_134522

Gli gnocchi vanno cotti in abbondante acqua salata. Nel frattempo in un tegame dobbiamo sciogliere il burro a ridotto contenuto di lattosio e aggiungere la salvia tagliata a pezzetti piccoli; scolare gli gnocchi, buttarli nel tegame e farli soffriggere con burro a ridotto contenuto di lattosio e salvia. Aggiungere abbondante grana padano a lunga stagionatura grattugiato, mescolare per bene e servire caldi.

 

 

20150208_134737

Eccoli qua!!!  🙂
Io li adoro! Ne mangerei a chili! Poi son a lattosio zero, quindi non mi danno nessun problema!  😉

 

 

CONSIGLI:

  • Consistenza: dipende dall’umidità della zucca e degli altri ingredienti. Io di solito li faccio ad occhio (come gli gnocchi di patate) e aggiungo la farina finché non raggiungono la consistenza che piace a me. Vi posso dire che, più uova e più farina ci mettete e più la consistenza degli gnocchi sarà solida e maggiore sarà la tenuta di cottura. In poche parole, se li volete mangiare al dente, mettete più uova e farina.
  • Forma: è più difficile da spiegare che non da fare. Io essendo mancina, li faccio simultaneamente con tutte e due le mani (prima o poi vi pubblico il video così ridete un po’). Però se l’impasto è molto morbido o non volete perder tempo, potete anche fermarvi ai quadratini e cuocere così gli gnocchi. Sono buoni allo stesso modo.
  • Lievito: la ricetta originale degli gnocchi di mia nonna non prevede utilizzo del lievito. Questa è una variante mia e di mia mamma; col lievito gli gnocchi son più soffici e più facili da digerire. Ma potete ometterlo senza problemi.

 

 

Kanelbullar svedesi

20150306_213804

In autunno sono stata in Svezia…
Bellissimo viaggio e un vero toccasana per chi, come me, è intollerante al lattosio.  🙂
Son partita con il terrore di star male e di non poter mangiare nulla e invece? Sorpresa! Là ho scoperto l’esistenza del burro chiarificato che, non avendo più la sua parte acquosa e di zuccheri, è senza lattosio!  🙂 🙂 🙂 Immaginate che bello! Potevo mangiare dolci, primi piatti e poi la loro dieta è ricca di pesce! Ragazzi, una bontà!  🙂 Un viaggio indimenticabile!
Tra le altre cose a merenda ci avevano fatto assaggiare questi dolci buonissimi… I kanelbullar, dei panbrioche aromatizzati con la cannella che erano la fine del mondo! Ho trovato questa ricetta su Internet e l’ho modificata con ingredienti senza lattosio; la preparazione è un po’ lunga ma il risultato merita sul serio!
Provateli!!!  😉

PS. ho scoperto che nel Nord Europa (in Svezia ad esempio) per dosare le ricette usano il dl e non i grammi; nulla di difficile! Dovete solo armarvi di un bicchiere graduato con il simbolo dei dl.

 

 

INGREDIENTI:

20150306_185825

Per la pasta:

  • 25 gr di lievito di birra
  • 75 gr di burro delattosato o chiarificato o margarina
  • 2 1/2 dl di latte senza lattosio
  • 0,75 dl di zucchero di canna
  • 1 pizzico di sale
  • 1 cucchiaino da thé di cardamomo macinato
  • 7 dl di farina (circa)
  • 1 uovo sbattuto per spennellare
  • zucchero in granella per decorare

Per il ripieno:

  • 50 gr di burro
  • 1 dl di zucchero di canna
  • 2 cucchiai da thé di cannella

 

 

PREPARAZIONE:

20150306_190240

Tagliare il burro a fette sottili e aspettare che si ammorbidisca a temperatura ambiente. Va aggiunto a piccole dosi all’impasto senza riscaldarlo, così i bullar verranno più soffici.

 

 

20150306_19062320150306_190837

Sbriciolare il lievito in una terrina e aggiungere un po’ di latte che deve essere a temperatura ambiente (circa 37 gradi). Aggiungere il resto del latte e poi il burro a piccoli pezzi.

 

 

20150306_191319

Aggiungere il sale, lo zucchero e il cardamomo e mescolare con una forchetta.

 

 

20150306_19251620150306_192747

Aggiungere la farina lentamente in modo da ottenere un impasto morbido e liscio che va lavorato prima con la forchetta e successivamente con le mani.

 

 

20150306_19311720150306_193505

L’impasto va lavorato con le mani in un piano di lavoro e deve avere la consistenza morbida e liscia. Attenti a non aggiungere troppa farina!  😉
Fare lievitare l’impasto per circa 30 – 45 minuti all’aria aperta se c’è abbastanza caldo o nel forno con luce accesa se c’è freddo. Io a volte lo metto pure ventilato con 30 – 40 ° C per aiutare la lievitazione.

 

 

20150306_19420920150306_195006

Ora prepariamo il ripieno!  😉
Mescolare il burro, la cannella e lo zucchero di canna e ottenere un impasto omogeneo e senza grumi.

 

 

20150306_203100

Lavorare l’impasto e poi stenderlo in forma quadrata di circa 20×50 cm. Applicare il ripieno con le mani ricordandosi di lasciare i bordi liberi per chiudere i bullar. Tranquilli! Man mano che si lavora il ripieno, il burro si scioglierà e diventerà più semplice. Ora bisogna arrotolare il tutto dalla parte della lunghezza e poi tagliare delle fette spesse di circa 1,5 – 2 cm. Io per non appiattirle col coltello, per tagliare le fette ho utilizzato del filo. Potete usare quello per alimenti o in mancanza il filo interdentale.

 

 

20150306_20393520150306_211419

Sistemare i kanelbullar nella teglia da forno ricoperta di carta da forno e spennellarli con uovo sbattuto. Aggiungere la granella di zucchero per guarnire. I bullar devono esser messi distanti perché devono lievitare per altri 30 minuti.
Ora non resta che infornarli per circa 10 minuti col forno ventilato a 180 – 200 ° C e saranno pronti quando diventano scuri. Il profumo di cardamomo ma soprattutto di cannella che sprigionano durante la cottura è davvero una delizia!  🙂

 

 

20150306_21380420150306_212406

Ed eccoli qua!!!  🙂

 

 

CONSIGLI:

  • Burro chiarificato: secondo me è il migliore ed è quello originale della ricetta. Se lo trovate usate quello! Io ho dovuto usare margarina perché, ahimé, dove vivo io il burro senza lattosio o il burro chiarificato ancora non li conoscono!
  • Per guarnire io ho usato la granella di zucchero perché è molto più veloce. Però potete usare una glassa preparata con zucchero a velo e acqua e guarnire i bullar.
  • Zucchero: nella ricetta originale c’è scritto zucchero semolato ma io ho utilizzato quello di canna. A voi la scelta!
  • Pan brioche: questa ricetta è ottima. Si può utilizzare per preparare qualsiasi tipo di brioche… Che ne dite di un ripieno di marmellata o di nutella? Qua trovate la ricetta della Nutella versione gavinedda per intolleranti al lattosio!  😉

 

 

 

 

 

 

 

 

Gamberoni al forno

11010507_1659410410953568_2955763006073643412_n

Venerdì Santo… Ok lo ammetto non sono una cristiana praticante; non mi son quasi nemmeno accorta della Quaresima…  :mrgreen:
Ma si! Ogni occasione è buona per gustare del buon pesce! Quindi con la scusa del venerdì Santo, ho approfittato per cucinare questi gamberi al forno! Ricetta molto semplice da realizzare e a lattosio zero. Quindi cari intolleranti al lattosio, possiamo mangiarli senza moderazione!  😉

 

 

INGREDIENTI:
(per 3 persone)

  • 800 gr di gamberoni
  • 1 spicchio e 1/2 spicchio di aglio
  • 1 rametto di prezzemolo
  • 1 bicchiere di olio extravergine di oliva o poco più
  • 1/2 bicchiere di brandy (io uso il Vecchia Romagna)
  • sale q.b.
  • peperoncino q.b.

 

 

PREPARAZIONE:

Tritare l’aglio e e il prezzemolo e metterli in un recipiente fondo. Aggiungere l’olio evo, il sale, il brandy e il peperoncino tritato. Sciacquare bene i gamberi, metterli a scolare e poi farli macerare nel sughetto per circa mezzora. Accendere il forno ventilato a 200°C; posizionare i gamberoni sulla teglia da forno e irrorarli con il sughetto. Cuocere per circa 20 minuti e servire caldi accompagnati con una insalata di radicchio, lattuga e rucola.

Zuppa di cereali

wpid-20141216_212911.jpg

E’ arrivata la primavera… Ma ahimé solo sul calendario!  🙁
Qua continua a fare freddo… Camino acceso, voglia di caldo e di relax. Nelle fredde e buie giornate invernali, non c’è niente di meglio di una bella zuppa di cereali bella calda!  🙂
E’ un primo piatto non impegnativo e senza nessun ingrediente che contiene lattosio. A me piace molto e lo mangio senza problemi.
Amici intolleranti al lattosio… Ecco qua la mia ricetta!  🙂

 

 

INGREDIENTI:

  • 200 gr cereali misti (riso Thai rosso, orzo perlato, farro perlato, grano duro e avena)
  • 1 carota
  • 1 gambo di sedano
  • aglio
  • cipolla
  • dado vegetale
  • sale q.b.
  • pepe q.b
  • zafferano
  • concentrato di pomodoro
  • 2 foglie di alloro
  • olio extravergine di oliva

 

 

PREPARAZIONE:

wpid-20141216_205307.jpg

Sciacquare molto bene i cereali e metterli in ammollo per una notte o per almeno 6 – 7 ore, così risultano già idratati e cucinano molto prima. Una volta trascorso questo tempo, i cereali vanno nuovamente sciacquati e messi a scolare.

 

 

wpid-20141216_205338.jpg

Tritare molto bene la carota, il gambo di sedano, la cipolla e l’aglio e metterli in una pentola a pressione insieme all‘olio extravergine di oliva e farli soffriggere bene.

 

 

wpid-20141216_205832.jpg

Una volta che il soffritto è “appassito” possiamo aggiungere i cereali. Io li faccio tostare molto bene perchè mi piace il sapore dei cereali tostati; lo faccio sempre anche quando preparo il risotto.  😉

 

 

 

wpid-20141216_210113.jpg

Successivamente aggiungere il dado vegetale, il concentrato di pomodoro e lo zafferano e mescolare bene.

 

 

wpid-20141216_210400.jpg

Infine aggiungere acqua bollente q.b., le foglie di alloro e far cuocere in pentola a pressione per circa 15 – 20 minuti che vanno contati da quando la pentola inizia a fischiare.

 

 

 

wpid-20141216_212911.jpg

Buona cena ragazzi!  🙂

 

 

 

CONSIGLI:

  • La pentola a pressione. Io la uso tantissimo perché è un metodo di cottura veloce e pratico. Le zuppe e gli stufati però vengono ancora più buoni se cucinati nelle pentole di terracotta che per me son le “pentole della domenica”. Se usate queste pentole, la zuppa cucina più lentamente, si assorbe i sapori ed è più buona. Io di solito spengo il fuoco a 2/3 della cottura, uso un tappo sempre di coccio e lascio che la zuppa continui a cucinare ancora. Il risultato è davvero ottimo.
  • Tra le spezie io ho usato lo zafferano e alloro perché mi piacciono molto e il secondo rende la zuppa più digeribile. Potete sostituire lo zafferano con lo zenzero se vi piace un gusto più speziato e deciso oppure aggiungere anche della zucca gialla tagliata a cubetti.