Archivio Tag: gamberi

Tartare di gamberi

 Tartare di gamberi

Su instagram un po’ di tempo fa,, una ragazza mi aveva dato dei suggerimenti per realizzare la tartare di gamberi ma non avevo mai provato a farla. L’idea mi venuta questi giorni di afa (o bolla africana come la chiamano oggi) dove sinceramente non ho voglia di stare dietro i fornelli. Ho già rispolverato cialdiera e gelatiera (ve lo anticipo) ma ieri non sapevo proprio cosa fare a cena… Ho aperto il freezer e voilà!

Son dei gamberi non troppo grandi che avevo comprato dal mio pescatore di fiducia (non si nota ma erano freschissimi e di colore rosato pallido, non quelli rossi trattati che troviamo di solito). Io li ho congelati freschi e poi scongelati per l’occasione.

La tartare di gamberi è un piatto che viene preparato utilizzando il pesce crudo. È molto molto IMPORTANTE acquistare pesce di ottima qualità e poi congelarlo per almeno due o tre giorni; il freddo uccide eventuali organismi patogeni presenti nel pesce. State attenti mi raccomando! ❤️

Son contentissima della mia tartare di gamberi… È un piatto sfizioso, fresco, diverso dai soliti e senza lattosio quindi adatto per noi intolleranti. Vi avviso che l’ho servito accompagnato con un pesto fresco appena fatto. Per il pesto ho utilizzato un cucchiaio di grana padano molto molto stagionato con lattosio presente solo in tracce.   

La tartare di gamberi va bene come secondo piatto ma può essere servito anche come antipasto.

Ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 150 gr gamberi 
  • 1 arancia
  • Olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaio di aceto bianco
  • Sale q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Pesto (per guarnire)

        PREPARAZIONE:

        Lavare bene i gamberi, tagliare la testa e sgusciarli. Fare una piccola incisione sul dorso per eliminare il filetto rosso e poi tagliarli a cubetti.

        Preparare la marinatura spremendo l’arancia e mettendo da parte il succo. Aggiungere l’olio extravergine di oliva, il cucchiaio di aceto bianco, sale e pepe nero q.b.

        Immergere i gamberi nella marinata, chiudere bene il recipiente e lasciare in frigo per circa mezzora.
        Ora non ci resta che servire la tartare. Io ho preparato del pesto fresco da usare come base. Con l’auto di un coppapasta ho sistemato la tartare di gamberi e poi ho guarnito con della scorza d’arancia.

        Eccola qua!

        CONSIGLI:

        • Gamberi: si possono sostituire con gli scampi o pesce spada o salmone (anche se su questi ultimi due vedrei meglio l’utilizzo del pepe rosa perché più delicato).
        • Pesto: ottimo come contrasto. Però ci vedrei bene anche il pesto preparato con la rucola. L’amaro della rucola darebbe alla tartare di gamberi un bel contrasto di sapori dolce/amaro

        Pasta con scampi e pesto

        Pasta con scampi e pesto

        Oggi va così! 😉

        Son passata davanti al banco del pesce fresco e son rimasta incantata dai gamberi e gli scampi freschi… Non erano i soliti scampi rosso artificiale ma proprio quelli freschi grigio-rosa… È stato amore a prima vista tanto che il ragazzo che mi serviva ha esclamato: “È bello vedere una persona che sorride davanti al banco del pesce fresco!”. 😂😂😂

        Alla fine potevo lasciarli lì? Ovviamente no! Ho preso sia gli scampi che i gamberi insieme al salmone, alle vongole e al pesce spada… Mi son dilapidata il portafoglio ma son andata via felice. 😍😍😍 Io amo il pesce. Lo mangerei tutti i giorni…

        Ma sto divagando… Torniamo a noi e alla ricetta della pasta con scampi e pesto. È una ricetta buona, genuina (tutti gli ingredienti son biologici e acquistati a km zero) e non ha lattosio; quindi noi intolleranti la possiamo mangiare senza problemi. Ho utilizzato un cucchiaio di parmigiano reggiano grattugiato molto stagionato per preparare il pesto che non dovrebbe contenere lattosio, al massimo solo tracce. Per gli allergici alle proteine del latte invece, dovete preparare un simil pesto senza formaggio (lo potete sostituire con il lievito secco che usano i vegani). 

        Ecco la ricetta! 😊
        INGREDIENTI:

        • 6 – 7 scampi medio piccoli
        • 80 gr di pasta
        • 2 cucchiai di pesto
        • 1 spicchio d’aglio
        • 2 – 3 cucchiai di rum o brandy
        • Olio extravergine di oliva q.b.
        • Peperoncino q.b.
        • Sale fino q.b.

        PREPARAZIONE:

        Preparazione degli scampi

        Per prima cosa mettere a bollire l’acqua per la pasta. Lavare bene gli scampi, tagliare le teste e metterli in una padella antiaderente. Aggiungere l’olio extravergine di oliva, lo spicchio d’aglio tagliato a metà (che poi va tolto) e soffriggere a fuoco vivace. Aggiungere un po’ di sale fino, peperoncino e girare bene. Ricordarsi di buttare la pasta!😁 Aggiungere il brandy e far sfumare bene e. Infine aggiungere un po’ d’acqua e cuocere a fiamma medio bassa con il tappo del tegame.

        Facciamo saltare la pasta con gli scampi 😉

        Scolare la pasta al dente e farla saltare nella padella insieme agli scampi. Se è necessario aggiustare di sale e peperoncino.

        Aggiungiamo il pesto

        Spegnere la fiamma e aggiungere il pesto. Mescolare bene e servire calda.

        Eccola qua! 😋


        CONSIGLI:

        Varianti: la pasta con gli scampi (come quella con i gamberi) è ottima anche con le zucchine e zafferano (pasta con gamberi, zucchine e zafferano). Si può sostituire il pesto con gli asparagi, che vanno fatti cuocere separatamente e aggiungi agli scampi a fine cottura.

        Pasta gamberi, zucchine e zafferano

        Pasta gamberi e zucchine…
        Un grande classico dei piatti estivi… E devo confessare che a me piace tantissimo. 🙂
        Lo trovo sfizioso, saporito e leggero ed è completamente senza lattosio, quindi molto adatto per noi intolleranti. 😉

        Io l’ho preparata ieri per una cara mia amica e sua famiglia, nostri ospiti a cena e vi dico che era davvero buona..
        Dai provateci anche voi! 🙂 🙂 🙂

        Ecco la ricetta della pasta gamberi, zucchine e zafferano versione Gavinedda!

         

        INGREDIENTI:
        (per 4 persone)

        • 1/2 kg di fusilli o altra pasta a piacere
        • 3 zucchine medie
        • 20 gamberoni freschi
        • 1 spicchio d’aglio
        • 1 bustina di zafferano
        • 1/2 bicchiere di rum
        • 1 mazzetto di basilico fresco
        • peperoncino q.b.
        • olio extravergine di oliva q.b.
        • sale fino q.b.

         

        PREPARAZIONE:

        wp-1470740872294.jpg

        Lavare vene le zucchine, tagliarle a metà e poi a rondelle dello spessore di circa 1/2 cm. Mettere a cuocere in una padella antiaderente con l’olio extravergine di oliva e il mazzetto di basilico fresco. Quando iniziano a cuocere e si abbassano, aggiungere il sale e continuare la cottura, mescolando ogni tanto. Se si asciugano troppo, aggiungere un goccio di acqua e tappare. Ricordatevi che le zucchine vanno poi aggiunte ai gamberi, quindi non cucinatele troppo, altrimenti poi di sciolgono! Una cottura al dente va più che bene! 😉

         

         

        wp-1470740872344.jpg wp-1470740872288.jpg

        Nel frattempo, lavare bene i gamberi e separare le teste dalle code (che io ho ulteriormente diviso in due parti).

         

         

        wp-1470740872309.jpg

        In una padella più grande (servirà anche per far saltare la pasta) mettere l’olio extravergine di oliva, lo spicchio d’aglio tagliato a metà (che poi io tolgo prima che si sciolga) e quando ha iniziato a soffriggere, aggiungere le teste e le code dei gamberi e rosolare per bene.
        Quando son ben rosolati, aggiungere il rum e continuare a mescolare.
        Nel frattempo, ricordiamoci di mettere a bollire l’acqua per la pasta! 😉

         

         

        wp-1470740872341.jpg

        Togliere il basilico e unire le zucchine ai gamberi. Aggiungere lo zafferano, il peperoncino e un po’ d’acqua. Finire di cucinare con la pentola tappata. Scolare la pasta e farla saltare nella padella con i gamberi e le zucchine.

        Buon appetito! 🙂

         

         

        CONSIGLI:

        • rum: io ho messo il rum perché mi piace molto il sapore delicato. Potete sostituirlo con il brandy. Qualcuno preferisce il vino bianco, ma io per i gamberi non lo uso mai perché trovo il suo sapore troppo dolce, soprattutto quando utilizzo le zucchine.
        • zucchine: ottime e molto estive. E’ uno degli ortaggi che preferisco e che uso tanto in cucina. Se vi va di preparare qualcosa di diverso, potete sostituirle con gli asparagi selvatici che vanno soffritti e poi aggiunti. Anche questa versione non è male e il contrasto tra gamberi e asparagi mi piace molto. Ricordatevi solo di non esagerare troppo con la quantità di asparagi perché potreste coprire troppo il gusto dei gamberi e la pasta risulterebbe un po’ amara.

         

         

        Gamberoni al forno

        11010507_1659410410953568_2955763006073643412_n

        Venerdì Santo… Ok lo ammetto non sono una cristiana praticante; non mi son quasi nemmeno accorta della Quaresima…  :mrgreen:
        Ma si! Ogni occasione è buona per gustare del buon pesce! Quindi con la scusa del venerdì Santo, ho approfittato per cucinare questi gamberi al forno! Ricetta molto semplice da realizzare e a lattosio zero. Quindi cari intolleranti al lattosio, possiamo mangiarli senza moderazione!  😉

         

         

        INGREDIENTI:
        (per 3 persone)

        • 800 gr di gamberoni
        • 1 spicchio e 1/2 spicchio di aglio
        • 1 rametto di prezzemolo
        • 1 bicchiere di olio extravergine di oliva o poco più
        • 1/2 bicchiere di brandy (io uso il Vecchia Romagna)
        • sale q.b.
        • peperoncino q.b.

         

         

        PREPARAZIONE:

        Tritare l’aglio e e il prezzemolo e metterli in un recipiente fondo. Aggiungere l’olio evo, il sale, il brandy e il peperoncino tritato. Sciacquare bene i gamberi, metterli a scolare e poi farli macerare nel sughetto per circa mezzora. Accendere il forno ventilato a 200°C; posizionare i gamberoni sulla teglia da forno e irrorarli con il sughetto. Cuocere per circa 20 minuti e servire caldi accompagnati con una insalata di radicchio, lattuga e rucola.