Pastiera napoletana

Pastiera napoletana, alzi la mano chi non ha mai sentito parlare di questa bontà!  🙂

I giorni scorsi è venuta a trovarci una cara amica di famiglia, Teresa, napoletana doc!
Donna fantastica, simpaticissima e dall’accento inconfondibile (io adoro Napoli, i suoi abitanti e la sua tradizione culinaria… Vivrei di sola pizza!  :-)).
Chiacchierando, chiacchierando, toglie fuori dalla valigia un vasetto di grano cotto e ci spiega che l’ha portato direttamente da Napoli per farci assaggiare la pastiera napoletana e si offre di farla qua a casa, così insegna la procedura anche a noi.
Immaginate la mia gioia e quella di mia mamma… Occasione unica per imparare a preparare questo dolce buonissimo!

La preparazione del dolce è un po’ lunga ma sinceramente ne vale la pena: a me è piaciuta tantissimo!
La pastiera è un dolce calorico ed è a base di ricotta (contiene anche latte e poco burro), quindi noi intolleranti al lattosio dobbiamo stare attenti. Io ho utilizzato la ricotta, il latte e il burro delattosati, di solito così non mi da problemi, però se avete una intolleranza al lattosio molto alta, o se vi volete fare una bella abbuffata, prendete una pastiglia di enzimi per sicurezza! Io ho fatto così e me la son gustata con tranquillità!  😉

 

INGREDIENTI:

  • 700 gr di grano cotto per pastiera napoletana (marca Miele)
  • 1/4 circa di latte senza lattosio (deve coprire il grano)
  • 30 gr di burro senza lattosio (circa un cucchiaio)
  • 700 gr di ricotta senza lattosio
  • 700 gr di zucchero
  • 7 uova (i bìanchi d’uovo vanno montati a neve)
  • 1 cucchiaino di cannella in polvere
  • 3 arance (scorza grattugiata)
  • 1 cucchiaio di limoncello
  • 2 dosi abbondanti di pasta frolla (cliccare per ricetta)
  • zucchero a velo per guarnire
  • 1 pizzico di sale.

 

PREPARAZIONE:

wp-1462436308587.jpg

In un tegame mettere il grano cotto e coprirlo con il latte senza lattosio. Aggiungere il burro senza lattosio, la cannella in polvere, il sale e far cuocere bene, finché non diventa quasi una crema.

 

 

wp-1462436308882.jpgIMG_20160503_191508

In un tegame molto capiente, versare la ricotta senza lattosio e lo zucchero e lavorarli bene finché l’impasto diventa cremoso.

 

 

IMG_20160503_190505

Lavare bene le arance, sbucciarle e tritare la scorza molto fine.

 

 

wp-1462436308887.jpg

Aggiungere all’impasto la scorza d’arancia grattugiata, il limoncello, il grano cotto e mescolare bene. Aggiungere i tuorli uno alla volta e continuare a mescolare.

 

 

wp-1462374578078.jpg

Montare gli albumi a neve e aggiungerli all’impasto, mescolando delicatamente dal basso verso l’alto.

 

 

wp-1462436308582.jpg

Preparare la pasta frolla (cliccate sul link per vedere la ricetta) e stenderla nelle teglie di alluminio. E’ importante che la pasta abbia i bordi molto alti, in modo che il ripieno non fuoriesca durante la cottura.

 

 

wp-1462374577858.jpg wp-1462436308852.jpg

Riempire la frolla con l’impasto della pastiera.

 

 

wp-1462374577849.jpg wp-1462436308848.jpg

Guarnire con striscioline di pasta sfoglia (come si fa normalmente per la crostata) e infornare con forno ventilato per circa un’ora (150°C per 40 minuti e poi sollevare il forno a 180°C per i restanti 20 minuti).

 

 

wp-1462436308748.jpg wp-1462374577834.jpg

Togliere dal forno, lasciar raffreddare, spolverare con lo zucchero a velo e servire.

 

 

CONSIGLI:

  • Cottura: è molto importante rispettare i tempi di cottura e le due temperature. L’impasto deve cuocere lentamente e la pastiera deve risultare ben cotta (altrimenti ammuffisce) ma non deve essere asciutta.
  • Crema pasticcera: la ricetta originale contiene anche la crema pasticcera ma la nostra amica di solito non la mette perché la pastiera risulta troppo dolce e più pesante da digerire.
  • Essenza di millefiori: nella ricetta originale ci va. Noi non l’abbiamo trovata e abbiamo sostituito con buccia d’arancia e un cucchiaio di limoncello fatto in casa. Il sapore era ottimo, parola di Teresa!  😉

 

 

 

Commento (1)

  1. Pingback: Colomba pasquale - Gavinedda island

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *