Uncategorized

Straccetti di manzo ai funghi

Straccetti di manzo ai funghi…

E continua la mia folle idea di fare dieta nonostante manchino 10 giorni al Natale! 😁😁😁 Devo ammettere che ora va molto meglio! Ho buttato via la prima dieta troppo restrittiva, noiosa e (secondo me) pure inutile. Ora seguo una dieta più ricca e variegata… Perché la dieta non si fa solo per dimagrire ma soprattutto per imparare a mangiare o per mangiare meglio. 😉

Una delle cose positive di questo periodo di dieta è la quasi totale mancanza di lattosio, quindi le mie ricette (anche gli straccetti di manzo ai funghi) non hanno lattosio. Ricetta perfetta sia per gli intolleranti al lattosio che per chi è in disintossicazione! 😉

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 100 gr di manzo (1 fettina)
  • 100 gr di funghi freschi
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • Sale fino q.b.
  • Peperoncino q.b.
  • Prezzemolo fresco q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene i funghi e tagliarli a cubetti. In un tegame antiaderente versare l’olio extravergine di oliva, la metà dello spicchio d’aglio e i funghi tagliati a cubetti. Condire con un pizzico di sale fino e peperoncino e cuocere per circa 10 – 15 minuti.

Nel frattempo tagliare la fettina di manzo a listarelle e aggiungere ai funghi in cottura. Quando la carne è pronta, spegnere il fornello e condire con prezzemolo fresco tritato.

Servire caldo sopra una fetta di pane carasau o una spola (spianata sarda) o una piadina.

CONSIGLI:

  • Funghi: questo piatto, semplicissimo da fare, è davvero buono. Potete utilizzare diversi tipi di funghi oppure i carciofi.
  • Carne: secondo me è perfetta con il manzo ma dovrebbe venir buona anche con pollo e tacchino.

Risotto light salmone e zucchine

Risotto light salmone e zucchine…

Proseguono i miei esperimenti culinari mentre faccio la dieta. Ieri mi è venuta l’idea di provare il risotto salmone e zucchine ma in versione più light. Non ho utilizzato nessun latticino per mantecare il riso (burro o panna) ma una emulsione con olio evo, succo di mandarino, sale fino e pepe nero. L’idea mi è stata suggerita dalla bravissima blogger Maria del blog Mabka.it e la voglio ringraziare! Vi consiglio di andare a vedere il suo blog… Trovate un sacco di ricette interessanti, buonissime e semplici da preparare (provate a fare i suoi biscuffin, meritano sul serio!).

Il risotto light salmone e zucchine non contiene nessun latticino; può essere preparato/consumato tranquillamente da noi intolleranti al lattosio, anche da chi è in disintossicazione!

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 1 trancio di salmone
  • 60 gr di riso
  • 1 zucchina media
  • Succo di 1/2 mandarino
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Paprika q.b.
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare il salmone, togliere le spine e tagliarlo a pezzi molto piccoli. Soffriggerlo con un po’ d’olio extravergine di oliva aggiungendo un pizzico di sale fino e di pepe nero. (foto 1).

Soffriggere il riso con un po’ di olio extravergine di oliva (voi potete abbondare ma io son a dieta, sigh!). Aggiungere il sale fino, la paprika e un po’ d’acqua bollente e lasciar cuocere per circa 10 minuti. (foto 2)

Grattugiare 1/3 della zucchina e unirla al riso in cottura. Tagliare la restante zucchina a rondelle e cuocerla al microonde con un pizzico di sale fino e olio evo. (foto 3)

Preparare l’emulsione con il succo di mezzo mandarino, 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva, pepe nero e pochissimo sale fino.

Quando il risotto è quasi pronto, aggiungere il salmone e mescolare bene. Spegnere il fuoco e poi aggiungere l’emulsione al mandarino. (foto 4)

Servire caldo accompagnato dalle zucchine cotte tritate grossolanamente.

CONSIGLI:

  • Mandarino: ho apprezzato il suo sapore particolare, più dolce e delicato del limone. Se non lo avete in casa potete sostituire con succo di limone o arancia.
  • Salmone: penso sia il pesce più adatto ma va bene anche il pesce spada o anche i gamberetti sgusciati.
  • Spezie: sapete che io son una fan e le metto dappertutto. Qua però è importante salvaguardare il sapore particolare e delicato del salmone e del mandarino. Vi consiglio quindi di non eccedere per non coprire i sapori.

Carbonara di zucchine

Carbonara di zucchine…

Si si lo so che ho appena scritto una eresia e che la vera carbonara è solo quella con uova, guanciale, pecorino e pepe nero… Ma son a dieta! 😭😭😭 Quindi per ora la carbonara tradizionale me la devo scordare! E siccome “faccio di necessità virtù” e son solo al secondo giorno di dieta… Mi arrangio con gli ingredienti che ho a disposizione. 😉

Devo dire che il risultato è molto buono… Superiore alle aspettative! Ed è anche completamente senza lattosio, adatto sia agli intolleranti che a chi è in disintossicazione.

Un piccolo accorgimento… Causa dieta ho dovuto diminuire il quantitativo di pasta, però voi potete tranquillamente aumentare le dosi e farvi una bella mangiata! 😉

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 60 gr di pasta
  • 10 gr di pangrattato speziato
  • 1 zucchina media
  • 1 uovo
  • 20 gr di olio extravergine di oliva
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

Il pangrattato speziato è una delle mie preparazioni base. Lo utilizzo per insaporire e/o per sostituire parte o tutto il formaggio nelle ricette. In questo caso, utilizzato al posto del formaggio, dona alla carbonara di zucchine un sapore leggero e particolare (per questo piatto ho utilizzato la versione “mediterranea”… trovate la ricetta completa nel link. 😉).

In una padella antiaderente, mettere il pangrattato speziato e farlo abbrustolire leggermente. Metterlo in una ciotola e tenerlo da parte.

Lavare bene la zucchina, tagliarla a julienne e adagiarla nel tegame antiaderente insieme all’olio extravergine di oliva e a un pizzico di sale fino e pepe nero. Cuocere a fuoco medio e, se ce ne fosse bisogno, aggiungere dell’acqua calda.

Nel frattempo mettere a bollire l’acqua e, quando le zucchine son oltre metà cottura, buttare la pasta; io di solito rispetto i tempi di cottura consigliati nella confezione perché son una fan della pasta al dente ma voi potete aumentare i minuti di cottura.

In una ciotola rompere l’uovo, aggiungere un po’ di sale fino e pepe nero e sbattere bene con una forchetta.

Scolare la pasta al dente, metterla nel tegame con le zucchine e mescolare bene. Aggiungere l’uovo sbattuto, il pangrattato speziato e mescolare bene. Servire caldo.

CONSIGLI:

La carbonara di zucchine preparata così è una versione light (anche se vi dirò che ho apprezzato davvero il sapore particolare e delicato); potete sostituire il pangrattato speziato con del formaggio grattugiato a lunga stagionatura (lattosio in tracce).

Cuscus pollo e peperoni

Cuscus pollo e peperoni…

Ci ho scherzato su… Ho ironizzato tantissimo e alla fine il fatidico momento è arrivato! 😁😁😁 Ebbene sì! Da oggi inizio la dieta! (Per la palestra e allevare unicorni datemi ancora un po’ di tempo…😉). Il perché io abbia deciso di iniziare una dieta 22 giorni prima di Natale resta un mistero… O una (mia) pazzia! 😂😂😂

Sinceramente questa dieta mi ha spiazzato un po’! Me l’aspettavo diversa… Forse più restrittiva nel modo di cucinare (e invece non è così: mi son permessi addirittura i soffritti!) e con qualche alimento in più come scelta. Insomma ragazzi! Non avevo capito nulla… È esattamente il contrario di ciò che mi ero immaginata io! 😁😁😁

Ma poco male in fondo… Ho deciso di prenderla nel mio solito modo: con allegria e ironia e renderla il più “colorata” e varia possibile. 👍👍👍 Vediamo che ne viene fuori… Ah dimenticavo! Sarò a lattosio zero per un mese (tranne che per qualche yogurt) e anche questo mi piace molto, quindi la maggior parte delle ricette che pubblicherò sarà adatta sia per gli intolleranti al lattosio e per chi è in disintossicazione! 😉

E ora ecco la ricetta! 😊😊😊

INGREDIENTI:

  • 60 gr di cuscus precotto
  • 170 gr di pollo
  • 150 gr di peperone
  • 20 gr di olio extravergine di oliva
  • 1 cucchiaino di dado vegetale
  • 70 ml di acqua bollente (per il cuscus)
  • Spezie varie (curcuma, cumino, pepe nero, paprika)
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene il peperone, togliere la parte bianca e tagliarlo a dadini. In un tegame versare il peperone tagliato, 2/3 dell’olio extravergine di oliva (il restante 1/3 verrà utilizzato per condire il cuscus) e soffriggere. Aggiungere acqua e un pizzico di sale fino. Tappare e cuocere il peperone a fuoco moderato.

Nel frattempo tagliare la carne di pollo a dadini e aggiungerla al peperone quando è quasi cotto. Regolare di sale fino e aggiungere le spezie (io ho utilizzato curcuma, paprika, cumino e pepe nero). Rosolare bene la carne e poi aggiungere un po’ di acqua. Tappare e finire di cuocere a fuoco medio.

Mettere il cuscus in un recipiente, aggiungere un cucchiaino di dado vegetale, 70 ml di acqua bollente (ho seguito le indicazioni trovate nella confezione di cuscus sia per la quantità che per le modalità di preparazione), tappare e lasciare riposare per circa due minuti. Passati i due minuti aggiungere il restante olio extravergine di oliva e sgranare bene il cuscus con una forchetta.

Quando il pollo con i peperoni è pronto, spegnere il fuoco e lasciarlo riposare un pochino (io lascio che resti un po’ di sughetto piccante per condire il cuscus). Aggiungere il pollo con i peperoni al cuscus e mescolare bene. Servire caldo in inverno e tiepido in estate.

CONSIGLI:

  • Verdure: io ho scelto i peperoni per il colore (e perché li avevo in frigo da consumare). Il cuscus pollo e peperoni si può preparare con qualsiasi altra verdura: zucchine, melanzane, carote, etc. Oppure con un mix di verdure.
  • Pollo: questo piatto è davvero molto versatile. Possiamo sostituire il pollo con il manzo (o il macinato di manzo) e anche col pesce (salmone, pesce spada ma anche seppie o calamari o tonno). In estate il cuscus con tonno e pomodori freschi è una delizia! Basta sostituire le spezie con del semplice basilico fresco. 😉

Waffles alla cannella

Waffles…

Ormai ci siamo! Sabato avevo visita dalla nutrizionista e ora aspetto che mi consegni la dieta. 😁😁😁 Mi ha anticipato che sarà molto varia ma senza formaggi e latticini e di questo son contenta (farò un po’ di disintossicazione seria stavolta). Nel frattempo mi concedo gli ultimi giorni cicciosi con i waffles (o gaufres o gauffres). I waffles hanno un impasto simile ai pancakes, son croccanti fuori e soffici dentro e devono il loro nome alla forma di nido d’ape. Si mangiano per colazione insieme a marmellata o Nocciolata o sciroppo d’acero. Son buonissimi e facili da preparare.

In questa versione ho utilizzato il burro a ridotto contenuto di lattosio di Latteria Soresina (0,01% di lattosio residuo); alla maggior parte degli intolleranti al lattosio non crea problemi però evitate se siete in disintossicazione. 😉 Sostituite con margarina vegetale. La prossima volta li provo con l’olio. Promesso!

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 200 ml di latte di riso
  • 130 gr di farina 00
  • 60 gr di burro a ridotto contenuto di lattosio (sciolto e tiepido)
  • 2 uova
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 cucchiaino di lievito per dolci
  • 1 cucchiaino di cannella
  • 1 pizzico di sale

PREPARAZIONE:

Lavorare le uova con un pizzico di sale fino e lo zucchero. Mescolando, aggiungere il latte di riso a filo. Aggiungere la farina 00 setacciata e mescolare bene in modo che non si formino grumi. Setacciare e aggiungere il lievito per dolci e la cannella e, sempre mescolando, il burro a ridotto contenuto di lattosio.

Sistemare l’impasto negli stampini in silicone per waffles e cuocere per circa 20 minuti a 200°C (oppure cuocere nell’apposita crepiera).

Servire con sopra la marmellata o lo sciroppo d’acero o con Nocciolata Rigoni e noci sbriciolate. Io ieri ho preparato delle mele cotte al microonde con poco miele e cannella e li ho mangiati così.

Smörgåstårta

Smörgåstårta

E poi dicono che leggere non serve a nulla! Son una patita di thriller e mi piacciono soprattutto quelli nordici e svedesi. E tra quelle pagine, tra un omicidio e l’altro, ho trovato pure un accenno a questa meraviglia, la Smörgåstårta, ovvero una torta tramezzino. Si confeziona in tutto e per tutto come una torta ma la sua consistenza è salata: al posto del Pan di Spagna si usa il pane per tramezzini, la farcitura è data da crema ai peperoni o salmone o crema al formaggio etc e per guarnire maionese e salumi o verdure crude. Questa volta ve la presento in maniera molto semplice; l’ho preparata domenica con pochi ingredienti a disposizione… Però potete davvero divertirvi a condirla e guarnirla in tanti modi diversi! 😉

Per la preparazione ho utilizzato una confezione di formaggio spalmabile Amo Essere con lattosio pari allo 0,01% che non dovrebbe dare problemi alla maggior parte degli intolleranti al lattosio. Se siete in disintossicazione non va bene. Si può sostituire con una qualsiasi crema spalmabile simil formaggio vegetale.

Ed ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 1 peperone medio
  • 1 confezione di formaggio spalmabile Amo Essere (lattosio pari allo 0,01%)
  • 1 confezione di pane per tramezzini (senza lattosio)
  • Sale q.b.
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Pepe nero q.b.
  • Paprika piccante q.b.
  • Curcuma q.b.
  • Cumino q.b.
  • Peperoncino q.b.
  • Capperi (per guarnire)
  • 1/2 pomodoro (per guarnire)

PREPARAZIONE:

Crema ai peperoni

Lavare bene i peperoni, togliere i semi e la parte bianca e tagliarli a listarelle. Cuocere i peperoni al microonde insieme ad un pizzico di sale fino. Successivamente frullarli aggiungendo un cucchiaio di olio extravergine di oliva e un cucchiaino di formaggio spalmabile a ridotto contenuto di lattosio.

Formaggio speziato:

Amalgamare il restante formaggio a ridotto contenuto di lattosio con la curcuma, la paprika piccante, il cumino e il pepe nero.

Smörgåstårta:

Togliere i bordi al pane tramezzino e mettere nel piatto due fette di pane attaccate tra di loro. Spalmare bene con la crema di peperoni e coprire con altre due fette di pane. Spalmare nuovamente con la crema di peperoni e coprire con le altre due fette di pane. Spalmare il formaggio speziato su tutta la superficie della Smörgåstårta e livellare bene tutto con una spatola (tutta la superficie deve apparire liscia e coperta uniformemente). Fare dei riccioli di formaggio speziato con l’aiuto di un sac-à-poche e guarnire alternando capperi e pezzetti di pomodoro.

Servire come antipasto.

CONSIGLI:

  • Ripieno: va bene la crema ai peperoni o una di zucchine o melanzane. Anche il pesto. Se non volete utilizzare lo spalmabile a ridotto contenuto di lattosio potete sostituire con la maionese. Gli svedesi nella loro ricetta originale utilizzano salse con pesce, soprattutto salmone, o lo aggiungono a pezzetti.
  • Come guarnire: io stavolta mi son dovuta accontentare dei pochi ingredienti a disposizione ma potete guarnire lo spalmabile a ridotto contenuto di lattosio o con la maionese. Fare delle rosette con salame e insaccati vari e/o mettere verdure crude come cetrioli, carote, pomodori, etc.

Gavi-girelle peperoni e gorgonzola

Gavi-girelle peperoni e gorgonzola…

Questa è la storia di quando torno a casa e son particolarmente stanca… Dovrei farmi una vellutata di verdure ma apro il frigo e vedo un rotolo di pasta sfoglia e ci butto dentro quello che ho dentro il frigo. Risultato? Doveva essere una torta salata ma mi son messa a sperimentare facendo un rotolato e tagliandolo a rondelle… Vi dico che il risultato è carino da vedere e molto molto buono (e molto molto calorico! 😁😁😁). E poi le gavi-girelle peperoni e gorgonzola son facilissime da preparare! 😉 Vi confesso che mi sto dando alla pazza gioia per gli ultimi giorni: da mercoledì si inizia seriamente la dieta! Ho la visita dalla nutrizionista e poi chissà… Nuova dieta, nuova sfida e finalmente inizio in palestra! Stavolta sul serio, non tanto per dire! Non mi credete vero? Beh, nemmeno io! Ma vi stupirò! 😂😂😂

Allora, torniamo a noi e alla ricetta.

Ho utilizzato questi due formaggi: Emmental bavarese di Bayersland e Gorgonzola dop di CasaArrigoni tutti e due naturalmente privi di lattosio con lattosio pari allo 0,1%. In effetti è un po’ troppo (di solito utilizzo alimenti con lo 0,01% di lattosio) anche se devo ammettere che a me non dà fastidio nemmeno il gorgonzola “normale” (ne mangio in quantità davvero modica però). Purtroppo questa ricetta non è adatta a chi è in disintossicazione ma va bene per la maggior parte degli intolleranti al lattosio come me.

E ora, ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia rettangolare (io Esquisa perché non ha lattosio)
  • 4 fette di prosciutto crudo
  • 3 fette di Emmental bavarese (lattosio 0,1%)
  • 1 peperone giallo medio piccolo
  • Gorgonzola dop q.b. (lattosio 0,1%)
  • Sale q.b.
  • Pepe nero q.b.

PREPARAZIONE:

Srotolare la pasta sfoglia e lasciarla riscaldare a temperatura ambiente.

Lavare bene il peperone e tagliarlo a listarelle molto molto sottili (così non va cucinato prima).

Tagliare la pasta sfoglia in due parti uguali e dividere il ripieno iniziando ad adagiare l’Emmental e il prosciutto crudo tagliati a pezzettini. Aggiungere i peperoni, condire di sale fino (poco se il prosciutto crudo è salato) e pepe nero. Con l’aiuto di un coltello e cucchiaino, tagliare a pezzettini il gorgonzola e distribuirlo sulla torta salata.

Arrotolare separatamente i due pezzi di torta salata sigillando la parte finale con un goccio d’acqua.

Tagliare a rondelle e sistemare in una teglia tonda foderata con la carta da forno. Cuocere a 180°C in forno statico per circa 30-40 minuti quando le gavi-girelle son belle dorate.

CONSIGLI:

  • Ripieno: potete variarlo come preferite. Son buone anche le zucchine e/o melanzane e il gorgonzola si può sostituire con qualsiasi altro formaggio.
  • Rotolato: se non avete tempo o voglia di preparare le gavi-girelle potete fare un semplice rotolato o la tipica torta salata.

Torta banana e cioccolato

Torta banana e cioccolato…

Avevo delle banane mature da consumare e ho trovato per caso una ricetta su Internet. Non era male ma, una volta preparata, non mi convinceva granché… Quindi ho modificato un po’ le dosi e ho aggiunto degli ingredienti e ora vi posso dire che mi è venuta buona! È una torta che ha una consistenza particolare ma il connubio banana – cioccolato con l’aggiunta di un po’ di cannella è fantastico! E il profumo è delizioso. Mi sa tantissimo di torta invernale da gustare davanti al camino insieme ad una tazza di the! 😉

La torta banana e cioccolato è preparata con ingredienti totalmente senza lattosio; va benissimo sia per gli intolleranti che per chi è ancora in fase di disintossicazione.

Ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 2 uova
  • 150 gr di zucchero
  • 250 gr di farina 00
  • 110 ml di olio evo
  • 3 banane (circa 250 gr)
  • 60 gr di cioccolato fondente
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • Cannella q.b.
  • 1 pizzico di sale
  • 1 banana (per guarnire)
  • 1 cucchiaio di zucchero (per guarnire)

PREPARAZIONE:

Tagliare il cioccolato fondente a pezzetti molto piccoli. Con un colino separare i pezzetti di cioccolato dalla polverina perché quest’ultima farebbe diventare la torta troppo scura.

Con l’ausilio di una forchetta, schiacciare bene la polpa delle banane finché diventa una purea morbida e senza pezzetti.

Lavorare bene le uova con lo zucchero e un pizzico di sale fino (foto 1). Aggiungere l’olio extravergine d’oliva e mescolare bene (foto 2). Aggiungere la purea di banane e mescolare (foto 3). Aggiungere la farina 00 e il lievito per dolci opportunamente setacciati e mescolare bene l’impasto (foto 4). Infine aggiungere il cioccolato fondente a pezzetti e mescolare (foto 5).

Mettere un po’ di olio extravergine di oliva in un tovagliolo di carta e ungere bene la teglia (io ho scelto quella del ciambellone). Infarinarla per bene, togliere la farina in eccesso e versare l’impasto. Guarnire con una banana tagliata a rondelle e un po’ di zucchero semolato. Infornare a 175°C in forno statico per circa 30-40 minuti. Per sicurezza fare la prova stecchino.

Eccola qua!

CONSIGLI:

  • Cioccolato fondente: la ricetta originale ne prevedeva 100 gr ma a me son sembrati eccessivi (anche se adoro il cioccolato); vedete voi che fare…
  • Cannella: nella ricetta originale non c’era ma a me piace molto perché profuma la torta. Potete sostituire anche con scorza grattugiata di arancia.

Gnocchi sardi con crema di verdure

Gnocchi sardi con crema di verdure…

Questo è quello che mi succede quando l’idea della solita pasta al sugo mi mette tristezza… Un po’ perché mangiare la passata di pomodoro aumenta la mia già alta istamina, un po’ perché mi annoio a mangiare sempre le stesse cose. Quindi cerco di variare sempre i piatti… Anche se gli ingredienti son gli stessi, la presentazione e i sapori posso cambiare. Basta un po’ di fantasia, qualche spezia in più e voilà! Il piatto è cambiato completamente! 😉 E poi è anche domenica… Quindi qualcosa di diverso ci sta bene! ✌️

Per gli gnocchi sardi con crema di verdure ho utilizzato la simil panna da cucina “Rice Cuisinedi Provamel così è completamente senza lattosio. Ho condito con formaggio grattugiato a lunga stagionatura che ha lattosio solo in tracce (se siete in disintossicazione potete sostituire con il pangrattato speziato); in questo modo non dovrebbe creare problemi alla maggior parte degli intolleranti al lattosio.

Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 80 gr di gnocchetti sardi (io uso quelli fatti da me)
  • 1 peperone medio
  • 1 zucchina media
  • 1 melanzana media
  • 100 gr circa di simil panna Rice Cuisine Provamel (va benissimo una qualsiasi panna vegetale o a ridotto contenuto di lattosio)
  • 1 bustina di zafferano
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Sale fino q.b.
  • Peperoncino q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene la zucchina, il peperone e la melanzana. Togliere i semini al peperone e tagliare tutte le verdure a dadini. Aggiungere il sale fino, il basilico e lo zafferano sciolto in un bicchiere d’acqua. Cuocere a fuoco moderato con coperchio per circa mezzora o finché le verdure son diventate molli e si sfaldano.

Mettere l’acqua a bollire e cuocere gli gnocchi sardi.

Frullare le verdure e metterle in una padella capiente. Aggiungere la panna vegetale (o quella a ridotto contenuto di lattosio) e mescolare bene. Aggiustare di sale e di pepe nero.

Scolare gli gnocchi al dente e farli saltare nella crema di verdure. Aggiungere un cucchiaio di olio extravergine di oliva e un cucchiaio di formaggio grattugiato a lunga stagionatura e mescolare bene.

Servire caldi.

CONSIGLI:

  • Pasta: ho utilizzato gli gnocchi sardi perché fatti da me con pasta all’uovo. Restano porosi e assorbono bene la salsetta di verdure. Va bene qualsiasi tipo di pasta all’uovo (tagliatelle, lasagne, etc).
  • Panna di riso: non era malvagia ma aveva un sapore particolare. Nel complesso mi è piaciuta e io son in fase lattosio zero. Però potendo, avrei preferito utilizzare una panna a ridotto contenuto di lattosio (es. la Granarolo che ne contiene solo lo 0,01%). La trovo più neutra; la panna di riso tende a coprire un po’ il sapore delicato delle verdure.

Croissant bicolore

Croissant bicolore

Ok la devo smettere! Ho osato pesarmi (di sabato. Lo sottolineo così capite la mia pazzia)… Gaví non ci si può pesare di sabato dai! E invece nulla! L’ho fatto e… Una tragedia! 😥😥😥 I kg aumentano nonostante la mia mezzora di tortura (leggi fitness) quotidiana. Devo (o meglio dovrei) mettermi a stecchetto ma non ce la faccio… Mangiare mi piace troppo! Oggi son in fase buoni propositi (come se so potessero fare dei buoni propositi la domenica sera) e ho deciso di porre rimedio. Non vi dico che farò dieta ferrea ma provo almeno a mangiare in maniera più leggera. Riuscirò nell’impresa? Vedremo i risultati a fine mese.

Nel frattempo, per dare l’addio al mio mondo ciccioso, ho deciso di preparare i croissant bicolore. Ci pensavo da un po’ in realtà e oggi mi son finalmente decisa. Mentre scrivo son lì che lievitano allegramente.

Ho utilizzato il latte della Granarolo e il burro della Latteria Soresina, tutti e due a ridotto contenuto di lattosio (0,01%). Non dovrebbero creare problemi alla maggior parte degli intolleranti al lattosio. Se siete in disintossicazione potete sostituire il burro con lo strutto o la margarina e il latte con la bevanda di soia.

Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 450 gr di farina Manitoba
  • 150 ml di latte a ridotto contenuto di lattosio – Granarolo (0,01%)
  • 20 gr di lievito di birra
  • 130 gr di zucchero semolato
  • 50 gr di burro a ridotto contenuto di lattosio – Latteria Soresina (0,01%)
  • 1 uovo intero
  • 1 tuorlo d’uovo
  • 15 gr di cacao amaro
  • 1 bustina di vanillina
  • Scorza grattugiata di 1 limone
  • 1 pizzico di sale fino
  • 2 cucchiai di latte a ridotto contenuto di lattosio (per guarnire).

PREPARAZIONE:

Tagliare il burro a ridotto contenuto di lattosio in piccoli pezzetti e lasciarlo una mezzora a temperatura ambiente. Sciogliere il lievito di birra in due cucchiai di latte a ridotto contenuto di lattosio. Sciogliere il cacao amaro con un cucchiaio di latte a ridotto contenuto di lattosio e un cucchiaio di acqua.

Nel recipiente della planetaria mettere tutti gli ingredienti iniziando dalla farina Manitoba, lo zucchero, la vanillina, il lievito di birra (sciolto nel latte), il latte a ridotto contenuto di lattosio (tiepido), il burro a ridotto contenuto di lattosio (temperatura ambiente), l’uovo, il tuorlo e un pizzico di sale fino. Impastare velocemente e dividere l’impasto in due parti uguali. Continuare ad impastare la prima metà dell’impasto per circa 10 minuti.

Nel frattempo aggiungere il cacao amaro alla seconda metà dell’impasto e iniziare a lavorare bene. Quando il primo impasto (quello bianco) è pronto, impastare il secondo impasto (nero con la planetaria) per circa 10 minuti.

Mettere i due impasti a lievitare per circa due ore e mezza (o fino al raddoppio) dentro il forno con la luce accesa.

Stendere i due impasti in forma rettangolare e sovrapporli bene. Con un mattarello schiacciare l’impasto e stenderlo in modo che le due parti aderiscano bene.

Tagliare in forma triangolare. Fare una piccola incisione alla base dei triangoli e avvolgerli. Bisogna fare in modo che la punta resti sotto così non si aprono in cottura.

Far lievitare per un’altra ora circa (o sino al raddoppio) nel forno della cucina con la lampadina accesa. Spennellare con un goccio di latte a ridotto contenuto di lattosio e cuocere in forno statico a 175°C per circa 20 – 25 minuti.

Eccoli qua! 😋😋😋

CONSIGLI:

  • Farcitura: potete farcirli con marmellata o nocciolata senza lattosio (Rigoni di Asiago senza latte). Oppure con la Nutella fatta da voi. Ecco la ricetta della Nutella versione Gavinedda.
  • Glassa: potete glassare i croissant bicolore con cacao o spolverate con zucchero a velo.