INTOLLERANZA AL LATTOSIO

Frittata di patate

Frittata di patate…

Questa è una di quelle storie dove la protagonista arriva a casa distrutta e con una fame chimica… Avete presente??? Una fame tale che si mangerebbe qualsiasi cosa vedano o suoi occhi! Non c’è tempo per cucinare qualcosa di elaborato o di sano, ma solo per soddisfare la sua voglia di cicciosità! 😂😂😂🙈🙈🙈 Alzi la mano chi non si è mai trovato/a in questa situazione! E allora che si fa? Si apre il frigo e ci si inventa qualche ricetta con le prime cose che si vedono all’interno.

Et voilà! Ecco la vera storia della frittata di patate. Che poi è buonissima e comoda da portare dietro quando si mangia fuori o in pausa pranzo. Penso che la farò più spesso. 😉

La frittata di patate è preparata con ingredienti totalmente senza lattosio quindi adatta sia per gli intolleranti (al lattosio) che per chi è in disintossicazione (dal lattosio). Non è adatta a chi non vuole ingrassare! 😬

E ora… Ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 1 piatto di patatine fritte tagliate a pezzetti molto piccoli
  • 3 uova
  • 1 cucchiaio di pangrattato
  • 1 cucchiaino di parmigiano reggiano grattugiato molto stagionato (lattosio in tracce – ingrediente opzionale)
  • Paprika piccante q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b.

PREPARAZIONE:

Mettere le patatine fritte in un tegame. Aggiungere le uova sbattute, la paprika piccante, il pangrattato, il grana padano grattugiato a lunga stagionatura, un pizzico di sale fino e mescolare bene.

Ungere un tegame antiaderente con pochissimo olio extravergine di oliva e cuocere la frittata di patate girandola da ambo i lati.

Servire calda. Io per sentirmi meno in colpa l’ho mangiata con un contorno di insalata mista.

CONSIGLI:

  • Patate: potete usare anche patate arrosto o bollite ma la vera goduria e la vera cicciosità stanno nelle patatine fritte.
  • Paprika: era buonissima ma potete sostituire con una qualsiasi altra spezia. Scegliete però una spezia piccante che sia in contrasto con il sapore dolce delle patate.

Dessert birra e cioccolato fondente

Dessert birra e cioccolato fondente…

L’idea mi è venuta mentre preparavo la chiffon cake birra e cioccolato fondente, o meglio, la sua glassa. E allora voilà! Ho sperimentato alla grande. Servono pochissimi ingredienti: panna da montare (io ho scelto la Hoplà che ha solo proteine del latte ma non ha lattosio), un po’ di cacao amaro, la colla di pesce, un po’ di zucchero semolato ma soprattutto una birra artigianale scura. Dev’essere saporita, pastosa e di buona qualità. E per guarnire? Sempre la solita panna montata e un pizzico di cannella. Il dessert birra e cioccolato fondente era buonissimo e completamente senza lattosio, quindi perfetto per gli intolleranti al lattosio come me.

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 130 gr di birra artigianale scura
  • 80 gr di panna da montare Hoplà (solo proteine del latte)
  • 30 gr di cacao
  • 100 gr di zucchero semolato
  • 10 gr di colla di pesce
  • 2 cucchiai di panna da montare Hoplà (per sciogliere la colla di pesce)
  • Panna montata (per guarnire)
  • Cannella in polvere q.b. (per guarnire)

PREPARAZIONE:

Mettere la colla di pesce ad ammorbidire in una ciotola piena di acqua tiepida.

Preparare uno sciroppo mescolando la birra artigianale con la panna da montare. Aggiungere il cacao amaro e lo zucchero semolato e mescolare bene. Mettere al fuoco e, quando inizia a bollire, abbassare la fiamma e cuocere per due minuti. Spegnere e aggiungere la colla di pesce precedentemente messa ad ammorbidire in acqua tiepida e fatta sciogliere in due cucchiai di panna da montare.

Versare il composto nelle ciotole di vetro e lasciar raffreddare. Mettere una notte in frigo per solidificare (o un’oretta nel freezer se avete fretta). Guarnire con panna montata e cannella.

CONSIGLI:

  • Birra: conferisce un sapore deciso e particolare che a me piace molto. Se la omettete, otterrete una panna cotta al gusto cacao.

Chiffon cake birra e cioccolato fondente

Chiffon cake birra e cioccolato fondente…

Ebbene sì! Lo ammetto! Son entrata nel tunnel infinito delle chiffon cake… Torte morbidissime, completamente senza lattosio e facili da preparare. Mi si è aperto un mondo meraviglioso e ogni volta penso a come variare la mia chiffon cake… Ho iniziato con la chiffon cake arancia, cioccolato e cannella e poi ho voluto sperimentare la chiffon cake cocco e menta ribattezzata “fluffedda” da Vanessa, una delle mie amiche di sventura con l’intolleranza al lattosio.

Stavolta invece la madrina della mia fluffedda è Silvia, una ragazza dolcissima con cui condivido soprattutto la passione per i vari tipi di birra (oltre la “fortuna” della intolleranza al lattosio ovviamente). Tra una chiacchiera e l’altra ci siamo chieste cosa sarebbe successo sostituendo il succo d’arancia, la menta o l’acqua con della buonissima birra artigianale scura… E poi perché non aggiungere anche il cioccolato fondente??? 😍😍😍 Et voilà, una nuova fluffedda è pronta.

Ha un sapore più deciso e particolare, è meno dolce rispetto alla chiffon cake cocco e menta ma vi dico che merita sul serio. Da provare!

E come tutte le chiffon cake (almeno quelle preparate da me) è completamente senza lattosio, quindi va benissimo per noi intolleranti ma anche per chi è in disintossicazione.

La chiffon cake birra e cioccolato fondente come una qualsiasi chiffon cake, va cotta nell’apposito stampo che trovate sia su Amazon che in un qualsiasi negozio di casalinghi (io l’ho pagato euro 9,90). Eccolo qua.

E ora, ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 290 gr di farina 00
  • 290 gr di zucchero semolato
  • 200 ml di birra artigianale scura
  • 120 ml di olio extravergine di oliva
  • 6 uova
  • 50 gr di cioccolato fondente
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 7 gr di cremor tartaro

Per guarnire:

  • 130 gr di birra artigianale scura
  • 80 gr di panna da montare Hoplà (solo proteine del latte)
  • 30 gr di cacao
  • 100 gr gr di zucchero semolato
  • 10 gr di colla di pesce

PREPARAZIONE:

Separare gli albumi dai tuorli e montarli a neve ferma. Aggiungere il cremor tartaro e frullare bene.

In un recipiente mescolare i tuorli con l’olio extravergine di oliva e poi aggiungere la birra artigianale.

In un altro recipiente setacciare la farina 00 e poi aggiungere il lievito per dolci e lo zucchero semolato. Amalgamare bene il tutto.

Unire gli ingredienti liquidi a quelli solidi a poco a poco mescolando in modo che non si creino grumi. Tagliare a pezzetti piccoli il cioccolato fondente e aggiungerlo all’impasto. Infine aggiungere gli albumi montati a neve e incorporarli all’impasto a poco a poco e sempre mescolando dal basso verso l’alto in modo che l’impasto resti spumoso e non si sgonfi.

Versare l’impasto nell’apposito stampo e cuocere con forno statico a 160°C per circa 70 minuti. Prima di spegnere il forno, fare la prova dello stecchino (la chiffon cake birra e cioccolato fondente è pronta quando lo stecchino fuoriesce pulito).

Togliere la torta dal fuoco e lasciarla raffreddare capovolgendola. Quando la torta è fredda, si stacca da sola dai bordi e dal fondo.

Per guarnire la chiffon cake birra e cioccolato fondente, preparare uno sciroppo mescolando la birra artigianale con la panna da montare. Aggiungere il cacao amaro e lo zucchero semolato e mescolare bene. Mettere al fuoco e, quando inizia a bollire, abbassare la fiamma e cuocere per due minuti. Spegnere e aggiungere la colla di pesce precedentemente messa ad ammorbidire in acqua tiepida e fatta sciogliere in due cucchiai di panna da montare.

CONSIGLI:

  • Stampo: è necessario procurarsi lo stampo apposito in alluminio. Così la fluffedda cocco e menta verrà perfetta.
  • Per agevolare il distacco della torta dallo stampo, potete passare un coltello nel bordi esterno e interno.

Fluffedda cocco e menta

Fluffedda cocco e menta

Ebbene sì! Lo confesso! Son entrata a tutti gli effetti nel tunnel delle chiffon cake o torte fluffose. È un mondo meraviglioso fatto di torte morbidissime e completamente senza lattosio. Non finirò mai di ringraziare Alessia, Vanessa e le altre ragazze che mi hanno fatto conoscere questo mondo bellissimo. E questa torta la dedico a tutte loro! ❤❤❤ Anche il termine “Fluffedda” è di loro invenzione; anzi per il nome un ringraziamento particolare va a Vanessa, una ragazza splendida che come me condivide l’intolleranza al lattosio ma soprattutto la passione per la cucina! 😘

Ma che cos’è la chiffon cake? Anche se dal nome non sembra, è una torta semplice da preparare. Si miscelano gli ingredienti solidi, poi quelli liquidi e poi si montano gli albumi a neve e si aggiungono all’impasto. Ma dove sta la genialità? La chiffon cake ha una morbidezza fantastica e non si asciuga pur non avendo burro e nessun altro latticino. Tutto questo è possibile grazie al cremor tartaro (o tartrato di potassio), un agente lievitante che potete trovare in farmacia e che, aggiunto agli albumi montati a neve ferma, dà alla torta una consistenza e una morbidezza particolari. E poi la fluffedda è una torta versatile… Basta sostituire un paio di ingredienti e avrete una torta completamente diversa. Io ho fatto anche questa: chiffon cake con arancia, cioccolato e cannella.

C’è solo una piccola cosa… La fluffedda cocco e menta come una qualsiasi chiffon cake, va cotta nell’apposito stampo che trovate sia su Amazon che in un qualsiasi negozio di casalinghi (io l’ho pagato euro 9,90). Eccolo qua.

Come vi ho già detto, la fluffedda cocco e menta non contiene lattosio e può essere consumata da tutti gli intolleranti al lattosio, anche da quelli che son in disintossicazione. 😉

E ora, ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 240 gr di farina 00
  • 50 gr di farina di cocco
  • 290 gr di zucchero
  • 200 ml di the aromatizzato alla menta
  • 120 ml di olio extravergine di oliva
  • 6 uova
  • 40 gr di sciroppo alla menta
  • 1 bustina di lievito per dolci
  • 7 gr di cremor tartaro

PREPARAZIONE:

Separare gli albumi dai tuorli e montarli a neve ferma. Aggiungere il cremor tartaro e frullare bene.

In un recipiente mescolare i tuorli con l’olio extravergine di oliva e poi aggiungere il the aromatizzato e lo sciroppo alla menta.

In un altro recipiente setacciare la farina 00 e poi aggiungere la farina di cocco, il lievito per dolci e lo zucchero. Amalgamare bene il tutto e poi versare gli ingredienti liquidi a poco a poco mescolando in modo che non si creino grumi. Infine aggiungere gli albumi montati a neve e incorporarli all’impasto a poco a poco e sempre mescolando dal basso verso l’alto in modo che l’impasto resti spumoso e non si sgonfi.

Versare l’impasto nell’apposito stampo e cuocere con forno statico a 160°C per circa 70 minuti. Prima di spegnere il forno, fare la prova dello stecchino (la fluffedda cocco e menta è pronta quando lo stecchino fuoriesce pulito).

Togliere la torta dal fuoco e lasciarla raffreddare capovolgendola. Quando la torta è fredda, si stacca da sola dai bordi e dal fondo.

Decorare con la farina di cocco o lo zucchero a velo.

CONSIGLI:

  • Stampo: è necessario procurarsi lo stampo apposito in alluminio. Così la fluffedda cocco e menta verrà perfetta.
  • Per agevolare il distacco della torta dallo stampo, potete passare un coltello nel bordi esterno e interno.

Vellutata di broccoli

Vellutata di broccoli…

Devo ammettere che son state delle vacanze natalizie particolari… Il mio cellulare (che evidentemente era un Grinch e odiava il Natale) ha deciso di abbandonarmi proprio il giorno della vigilia. Ammetto il panico iniziale, ma poi l’ho presa con filosofia e mi son messa a impastare la pizza. Tanto non ci potevo fare nulla… Anzi vi dirò che son state ore incredibili… Strane… Ero irraggiungibile eppure per una volta mi son sentita davvero “libera” e rilassata! Nel vero senso della parola. Della serie non tutti i mali vengono per nuocere. Ci ho guadagnato un bel periodo di pausa da tutti e da tutto e anche dagli auguri di persone che si fanno sentire solo a Natale (perdonate il cinismo da neo quarantenne) e un cellulare nuovo! Anche se la mia carta di credito non era molto contenta! 😀 😀 😀

Ovviamente in questi giorni ho davvero fatto la vita del beato porco e ho mangiato come se non ci fosse un domani. Ho osato anche qualcosina con il lattosio ma prendendo gli enzimi e tutto sommato mi è andata bene. Ma ora è tempo di riprendere la dieta e fare un po’ di detox in vista del cenone della notte di San Silvestro. E quindi oggi ho deciso di preparare la vellutata di broccoli che è buona, salutare e ha un bel po’ di vitamina C che in questo periodo serve tantissimo. Dopo i pasticci dei giorni scorsi ho deciso di tornare a lattosio zero quindi la vellutata di broccoli va benissimo sia per gli intolleranti al lattosio che per chi è in disintossicazione.

Ed ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 150 gr di broccoli
  • 50 gr di patate
  • 20 gr prosciutto crudo (dadini)
  • Mix soffritto (sedano, carota, aglio, cipolla tritati)
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Dado vegetale
  • Acqua bollente q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Prezzemolo fresco q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene i broccoli, rimuovere il gambo e tagliare le cime a pezzetti. Sbucciare, lavare e tagliare la patata a piccoli pezzi. In un tegame mettere 1/2 cucchiaio di olio extravergine di oliva e il mix per soffritto (carota, sedano, aglio, cipolla tritati molto sottili) e lasciar appassire per qualche minuto. Aggiungere i broccoli e le patate e soffriggere. Aggiungere un cucchiaio di dado vegetale, coprire con acqua bollente, tappare il tutto e cuocere sino a che i broccoli e le patate non son diventati morbidi.

Nel frattempo tagliare il prosciutto crudo a dadini e soffriggere con 1/2 cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Nello stesso tegame utilizzato per il prosciutto, abbrustolire dei pezzetti di pane.

Quando i broccoli son cotti, frullare bene il tutto. Aggiustare di sale, aggiungere il pepe nero e il prezzemolo fresco tritato e mescolare.

Servite caldo accompagnato dai crostini di pane.

CONSIGLI:

La ricetta della vellutata di broccoli si può utilizzare per qualsiasi altra vellutata: cavoli, zucchine, zucca gialla, etc.

Polpettine di salmone

Polpettine di salmone…

In occasione del Natale, l’Aili (Associazione Italiana Latto-Intolleranti) di cui faccio parte come Food Blogger, ha ideato un progetto molto carino. Ha chiesto a noi blogger di creare un menù di Natale preparato con ingredienti senza lattosio. Io avevo il compito di creare un secondo piatto di pesce che fosse diverso dai soliti e ho pensato alle polpettine di salmone. Son semplicissime da preparare e completamente senza lattosio, adatti per noi intolleranti al lattosio e anche a chi è in disintossicazione.

La foto di presentazione della ricetta stavolta è singolare… Ho voluto fotografare il Natale in casa di Gavinedda. 😉 C’è tutta la mia ironia (guardate il cinghiale) e la mia “sardità”… Ormai avrete capito che il mio nickname Gavinedda non si riferisce di certo ad una stangona alta, bionda e di origini nordiche! 😂😂😂

Questo è il link al Menù di Natale Aili

E qua sotto trovate la ricetta! 😉

INGREDIENTI:
• 130 gr di polpa di salmone (senza pelle e senza spine)
• ‎30 gr di pane grattugiato
• ‎20 gr di peperone rosso
• ‎20 gr di zucchina
• ‎3 cucchiaini di olio extravergine di oliva
• ‎1 fogliolina di alloro
• ‎1 fogliolina di salvia
• ‎1 rametto di rosmarino
• ‎1 rametto di prezzemolo
• ‎1 pezzetto di peperoncino
• ‎1 pizzico di sale fino
• ‎1 pizzico di curcuma

PREPARAZIONE:
Lavare le erbette (salvia, alloro, rosmarino, prezzemolo) e asciugarle bene. Privare il rosmarino della parte legnosa e tenere solo le foglioline. Con l’ausilio di una mezzaluna, tritare molto bene le erbette insieme al pezzetto di peperoncino.
Lavare bene il peperone, togliere la parte bianca e asciugarlo. Tritarlo molto sottile con la mezzaluna.
Sempre con la mezzaluna, tritare bene la polpa del salmone e adagiarla in una insalatiera o altro recipiente. Aggiungere le erbette tritate, il peperone e grattugiare la zucchina precedentemente lavata e asciugata. Aggiungere il sale fino e mescolare bene il tutto. Aggiungere il pane grattugiato e mescolare bene.
Con le mani formare delle palline (io ne ho fatte 12) e farle rosolare in un tegame con 3 cucchiaini di olio extravergine di oliva. Aggiungere dell’acqua bollente, un pizzico di curcuma e cuocere a fuoco moderato per circa venti minuti.
Servire calde.

CONSIGLI:
Servire le polpettine di salmone accompagnate da una salsetta preparata con peperoni e zucchine (cotti al microonde), pepe nero e olio d’oliva.

Polpette pollo, prosciutto e verdure

Polpette pollo, prosciutto e verdure…

Tra gli alimenti a scelta nella mia dieta di oggi avevo il prosciutto crudo e/o il pollo e le verdure. Mi ero stufata della solita fettina ai ferri, ho deciso di preparare le polpette pollo, prosciutto e verdure. E vi dico che è molto molto meglio! Le polpette son più saporite, colorate e allegre. Le ho mangiate davvero con soddisfazione. Il barbatrucco sta nel sottrarre 20 – 30 gr dal pane che potevo mangiare e utilizzare lo stesso tanto come pane grattugiato nelle polpette. 😉 La scoperta dell’acqua calda, vero?

Vi ricordo che tra le particolarità delle ricette della mia dieta c’è la totale assenza di lattosio; le polpette pollo, prosciutto e verdure posso essere mangiate tranquillamente sia dagli intolleranti al lattosio che da chi è in disintossicazione.

Ed ora, ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

Ingredienti

  • 85 gr di polpa di pollo (senza grasso e senza pelle)
  • 30 gr di prosciutto crudo (senza grasso)
  • 20 – 30 gr di pane grattugiato
  • 20 gr di peperone rosso
  • 20 gr di zucchina
  • Trito di erbette (alloro, salvia, rosmarino, prezzemolo)
  • 1/2 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • Sale fino q.b.
  • Peperoncino q.b.

PREPARAZIONE:

Preparazione

La preparazione di questo piatto è molto semplice. Basta un tagliere e una mezzaluna. 😉

Lavare e asciugare molto bene le erbette (alloro, salvia, rosmarino, prezzemolo). Tritare il tutto molto molto fine (dev’esser quasi una polverina).

Lavare il pezzetto di peperone, asciugarlo bene e tritarlo molto sottile con l’ausilio della mezzaluna.

Sempre con l’aiuto della mezzaluna, ridurre a pezzetti molto piccoli (tipo poltiglia) il prosciutto crudo e il pollo.

Mettere tutto in un recipiente e, dopo aver lavato e asciugato molto bene il pezzetto di zucchina, grattugiarlo e aggiungerlo agli altri ingredienti.

Aggiungere un pizzico di sale fino e di peperoncino e amalgamare il tutto. Aggiungere il pane grattugiato (20 o 30 gr secondo l’umidità dell’impasto) e mescolare bene.

Con le mani formare delle palline e poi schiacciarle leggermente.

Cuocere le polpette pollo, prosciutto e verdure in una pentola antiaderente con un goccio di olio extravergine di oliva. Io almeno ho optato per la versione light perché son a dieta e poi odio friggere. Però potete lasciare le polpette tonde e friggere in abbondante olio di oliva.

Servire calde accompagnate con salsetta ai peperoni (cuocere i restanti peperone e zucchina al microonde e poi frullare tutto aggiungendo un goccio di olio extravergine di oliva e pepe nero) e crostini di pane.

CONSIGLI:

  • Pollo: si può sostituire tranquillamente con il manzo ma soprattutto con il pesce. Io le preparo anche col il pesce spada e il salmone, ma quando uso il pesce non aggiungo il prosciutto crudo. 😉
  • Verdure: come avrete già immaginato io adoro le zucchine, peperoni e melanzane. Li utilizzo tantissimo. Però se volete cambiare gusto potete utilizzare anche i broccoli, le bietole e/o la zucca gialla. Ma ricordatevi che queste due verdure devono essere abbastanza “asciutte” altrimenti dovete usare troppo pane grattugiato e le polpette non verranno buonissime! 😉

Orzotto con verdure

Orzotto con verdure...

Continua la mia folle idea di fare dieta a dicembre… E vi dico che per ora va benissimo! Anche la totale mancanza di lattosio ha tanti benefici! 😊😊😊

Oggi è stato un po’ difficile… Avevamo ospiti a casa e mia mamma ha cucinato di tutto. Ammetto di essermi fatta traviare da tre (ma davvero solo tre) calamari fritti! 😋😋😋 E lo so che non si fa! Ma i calamari fritti??? Come dire di no ad una bontà simile? Cioè, è difficilissimo! Non me la son sentita! 😁

Però per il resto ho fatto da brava e ho preparato e mangiato un orzotto con verdure che era buonissimo. Semplice semplice e con tante verdure. Tutto completamente senza lattosio, adatto per noi intolleranti e per chi è in disintossicazione.

E ora, ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 65 gr di orzo perlato
  • 200 gr di verdure (zucchine, peperoni, melanzane)
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1 bustina di zafferano
  • 1 cucchiaio di dado vegetale
  • 2 foglie di alloro
  • Sale fino q.b.
  • Acqua bollente q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare le verdure (zucchine, peperoni, melanzane) e tagliarle a cubetti. Soffriggerle con un cucchiaio di olio extravergine di oliva.

Nel frattempo lavare bene l’orzo e aggiungerlo alle verdure quando son quasi cotte. Condire il tutto con dado vegetale e zafferano e mescolare bene. Aggiungere circa 210 ml di acqua bollente (ho seguito le istruzioni di preparazione dell’orzo che diceva 3:1 e ho abbondato un po’), aggiustare di sale fino. Aggiungere le foglioline di alloro e cuocere a fuoco medio per circa un’oretta. Io di solito faccio così ma stavolta ero di fretta e ho cotto il tutto in pentola a pressione per circa 25 minuti.

Servire caldo.

CONSIGLI:

  • Verdure: ho utilizzato peperoni melanzane e zucchine perché le avevo a disposizione (e perché mi piacciono molto). Però potete aggiungere anche le carote o decidere di usare una sola verdura per volta.
  • Alloro: lo utilizzo sempre per legumi e cereali. Gli da un tocco in più e rende i legumi e cereali più digeribili.
  • Zafferano: conferisce ai piatti un colore è un sapore particolari. Io lo uso tantissimo. Ma se non vi piace potete pure ometterlo.
  • Soffritto: potete fare un soffritto con cipolla o con cipolla/aglio/sedano/carota. Di sicuro l’orzotto con verdure sarà più saporito.

Straccetti di manzo ai funghi

Straccetti di manzo ai funghi…

E continua la mia folle idea di fare dieta nonostante manchino 10 giorni al Natale! 😁😁😁 Devo ammettere che ora va molto meglio! Ho buttato via la prima dieta troppo restrittiva, noiosa e (secondo me) pure inutile. Ora seguo una dieta più ricca e variegata… Perché la dieta non si fa solo per dimagrire ma soprattutto per imparare a mangiare o per mangiare meglio. 😉

Una delle cose positive di questo periodo di dieta è la quasi totale mancanza di lattosio, quindi le mie ricette (anche gli straccetti di manzo ai funghi) non hanno lattosio. Ricetta perfetta sia per gli intolleranti al lattosio che per chi è in disintossicazione! 😉

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 100 gr di manzo (1 fettina)
  • 100 gr di funghi freschi
  • 1 cucchiaio di olio extravergine di oliva
  • 1/2 spicchio d’aglio
  • Sale fino q.b.
  • Peperoncino q.b.
  • Prezzemolo fresco q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene i funghi e tagliarli a cubetti. In un tegame antiaderente versare l’olio extravergine di oliva, la metà dello spicchio d’aglio e i funghi tagliati a cubetti. Condire con un pizzico di sale fino e peperoncino e cuocere per circa 10 – 15 minuti.

Nel frattempo tagliare la fettina di manzo a listarelle e aggiungere ai funghi in cottura. Quando la carne è pronta, spegnere il fornello e condire con prezzemolo fresco tritato.

Servire caldo sopra una fetta di pane carasau o una spola (spianata sarda) o una piadina.

CONSIGLI:

  • Funghi: questo piatto, semplicissimo da fare, è davvero buono. Potete utilizzare diversi tipi di funghi oppure i carciofi.
  • Carne: secondo me è perfetta con il manzo ma dovrebbe venir buona anche con pollo e tacchino.

Risotto light salmone e zucchine

Risotto light salmone e zucchine…

Proseguono i miei esperimenti culinari mentre faccio la dieta. Ieri mi è venuta l’idea di provare il risotto salmone e zucchine ma in versione più light. Non ho utilizzato nessun latticino per mantecare il riso (burro o panna) ma una emulsione con olio evo, succo di mandarino, sale fino e pepe nero. L’idea mi è stata suggerita dalla bravissima blogger Maria del blog Mabka.it e la voglio ringraziare! Vi consiglio di andare a vedere il suo blog… Trovate un sacco di ricette interessanti, buonissime e semplici da preparare (provate a fare i suoi biscuffin, meritano sul serio!).

Il risotto light salmone e zucchine non contiene nessun latticino; può essere preparato/consumato tranquillamente da noi intolleranti al lattosio, anche da chi è in disintossicazione!

E ora ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 1 trancio di salmone
  • 60 gr di riso
  • 1 zucchina media
  • Succo di 1/2 mandarino
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Paprika q.b.
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare il salmone, togliere le spine e tagliarlo a pezzi molto piccoli. Soffriggerlo con un po’ d’olio extravergine di oliva aggiungendo un pizzico di sale fino e di pepe nero. (foto 1).

Soffriggere il riso con un po’ di olio extravergine di oliva (voi potete abbondare ma io son a dieta, sigh!). Aggiungere il sale fino, la paprika e un po’ d’acqua bollente e lasciar cuocere per circa 10 minuti. (foto 2)

Grattugiare 1/3 della zucchina e unirla al riso in cottura. Tagliare la restante zucchina a rondelle e cuocerla al microonde con un pizzico di sale fino e olio evo. (foto 3)

Preparare l’emulsione con il succo di mezzo mandarino, 1 cucchiaino di olio extravergine di oliva, pepe nero e pochissimo sale fino.

Quando il risotto è quasi pronto, aggiungere il salmone e mescolare bene. Spegnere il fuoco e poi aggiungere l’emulsione al mandarino. (foto 4)

Servire caldo accompagnato dalle zucchine cotte tritate grossolanamente.

CONSIGLI:

  • Mandarino: ho apprezzato il suo sapore particolare, più dolce e delicato del limone. Se non lo avete in casa potete sostituire con succo di limone o arancia.
  • Salmone: penso sia il pesce più adatto ma va bene anche il pesce spada o anche i gamberetti sgusciati.
  • Spezie: sapete che io son una fan e le metto dappertutto. Qua però è importante salvaguardare il sapore particolare e delicato del salmone e del mandarino. Vi consiglio quindi di non eccedere per non coprire i sapori.