torte salate, pizze, focacce

Quiche di zucchine

Qiuiche di zucchine

Come Quando Fuori… Afa!!! 😫 E io non so davvero cosa preparare per cena. Ci son 40 gradi all’ombra e la mia voglia di accendere fornelli (o peggio forno) è pari alla (mia) voglia di correre la maratona di New York… Sotto lo zero ma proprio sotto sotto. E’ uno di quei rari momenti che maledico la mia intolleranza al lattosio e l’istamina alle stelle. In questo momento un qualsiasi latticino fresco accompagnato dai pomodori (che non posso mangiare ovviamente) avrebbero risolto tutti i miei problemi… Ma non è possibile, ahimè! E mentre sogno la caprese, cerco di inventarmi qualcosa per cena. In freezer trovo la pasta sfoglia, ho il frigo strapieno di zucchine e trovo pure l’ultima confezione di panna a ridotto contenuto di lattosio (0,01) della Granarolo e un rimasuglio di prosciutto cotto. E allora perché non provare a cucinare una quiche di zucchine? Cucinare… Si ho detto cucinare! Mi sento coraggiosa! Ce la posso fare! Comunque vi confesso che sceglierò il male minore rispetto a fornelli e forno… La funzione crisp del mio microonde Whirlpool! 😉

Stavolta però la mia ricetta non sarà a lattosio zero ma a ridotto contenuto di lattosio (0,01 la panna e in tracce nel parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura). Non dovrebbe dar fastidio alla maggior parte degli intolleranti al lattosio ma se siete in disintossicazione, evitate i delattosati. Potete sostituire il formaggio grattugiato con il pane grattugiato e la panna a ridotto contenuto di lattosio con una vegetale.

E ora, ecco la ricetta!

 

INGREDIENTI:

  • 1 rotolo di pasta sfoglia con grassi vegetali (e quindi senza lattosio)
  • 1 zucchina media
  • 1 confezione di panna a ridotto contenuto di lattosio (0,01) Granarolo da 100 ml
  • 3 fette di prosciutto cotto
  • 2 cucchiai di parmigiano reggiano a ridotto contenuto di lattosio
  • sale fino q.b.
  • pepe nero q.b.

 

 

PREPARAZIONE:

Zucchine grattugiate, panna a ridotto contenuto di lattosio, sale fino, pepe nero

Srolotare la pasta sfoglia e lasciarla all’aria per circa mezzora. Nel frattempo lavare bene la zucchina e grattugiarla. Aggiungere la panna a ridotto contenuto di lattosio, il sale fino,il pepe nero e mescolare bene.

 

Parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura

 

Aggiungere il parmigiano reggiano grattugiato a lunga stagionatura e mescolare bene.

 

Ripieno

Aggiungere il prosciutto cotto tagliato a pezzettini e mescolare bene. Ora il ripieno è pronto.

 

 

Pronta da cucinare

Sistemare la pasta sfoglia su una teglia da forno, riempire con il ripieno, sollevare gli angoli e cuocere in microonde con la funzione crisp per circa 15 minuti (oppure in forno statico a 180°C per circa mezzora).

 

Eccola qua!

CONSIGLI:

  • Verdure: la stessa ricetta può essere utilizzata per preparare una quiche di peperoni oppure peperoni, tonno e pomodori (in questo caso usate mozzarella a ridotto contenuto di lattosio al posto della panna 😉). Ma anche con melanzane o bietole o spinaci o asparagi.
  • Alternative al prosciutto cotto: una versione estiva molto buona è la quiche di salmone e zucchine o gamberetti e zucchine. In tutti e due casi da preparare senza formaggio.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Focaccia barese

L’idea della focaccia barese (alla mia maniera) mi è venuta ieri… Volevo qualcosa di diverso da portare dietro per la pausa pranzo… E volevo vedere come cucinava pizze e focacce il crisp del mio microonde… Allora tornata a casa ho acceso la macchina del pane e, una volta impastato il tutto, mi son divertita a decorare la focaccia e l’ho cucinata per soli dieci minuti nel microonde con funzione crisp. Vi devo confessare che all’inizio ero molto scettica ma mi son dovuta ricredere… La focaccia barese era morbida all’interno​ e bella croccante e ben cotta all’esterno, soprattutto sotto. D’ora in poi utilizzerò più spesso il crisp! Mi ha convinta! 😉
Sotto vi lascio la ricetta con i due impasti per la pizza/focaccia. Io stavolta ho usato quello con la farina integrale ma voi potete scegliere quello che preferite. All’interno delle ricette trovate il latte a ridotto contenuto di lattosio; è uno dei pochi casi (insieme alla besciamella) dove io lo utilizzo; la focaccia barese (ma anche la pizza in generale) viene più morbida e saporita. Purtroppo non ho trovato nessuna bevanda vegetale che lo sostituisca. La ricetta va benissimo per chi, intollerante al lattosio, tollera i prodotti delattosati. Se non li tollerate o siete in disintossicazione, potete sostituire il latte con l’acqua. 😉

Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

(per due focacce da circa 30 cm di diametro)

    PREPARAZIONE:

    Preparare l’impasto per la focaccia a barese seguendo le istruzioni di una delle due ricette che ho postato tra gli ingredienti. Io di solito uso la macchina per il pane che impasta e fa lievitare, quindi dopo un’ora e mezza ho l’impasto già pronto. Se impastate a mano, lasciate lievitare  in un luogo caldo per almeno due ore o sino a che l’impasto non raddoppia. Va bene anche mettere l’impasto dentro il forno con la lampadina accesa.

    Mettere un po’ di olio extravergine di oliva in una teglia e aggiungere l’impasto stendendolo dentro la teglia. L’impasto dovrebbe essere bello elastico. Aggiungere il sale fino, altro olio extravergine di oliva, un po’ d’acqua tiepida e pressare la superficie della focaccia con i polpastrelli. Decorare con l’origano, le olive verdi e i pomodori ciliegia tagliati ambedue a metà. Lasciare lievitare per un’altra oretta e poi infornare in forno ben caldo o, come ho fatto io stavolta, nel microonde con la funzione crisp per circa 10-12 minuti (dipende dal forno, controllate le istruzioni). 😉

    Eccola qua! 😊

    CONSIGLI:

    Cottura: state attenti alla cottura! Controllate sempre bene il fondo della focaccia per vedere se è cotta bene! Questo è molto importante. 😉

    Olive: io ho utilizzato quelle nostre di casa. Però se le comprate, prendetele già denocciolate. Vi sfrancate un po’ di fatica! 😉

    Pizza bianca con asparagi

    Pizza bianca con asparagi…

    L’ho fatta per caso ma vi giuro che è una delle pizze più buone che mi siano mai venute!

    In realtà non è proprio una pizza ma un calzone… Tutto parte dall’idea di fare una pizza bianca (il pomodoro continua a darmi problemi) ma non avevo voglia della solita pizza con melanzane o zucchine… Volevo qualcosa di diverso.. E allora ho pensato di farla con asparagi, prosciutto cotto e mozzarella di bufala a ridotto contenuto di lattosio. Va bene per noi intolleranti al lattosio… Se qualcuno ha problemi con i prodotti delattosati può tranquillamente sostituire la mozzarella di bufala a ridotto contenuto di lattosio con grana padano a lunga stagionatura a scaglie.
    Ecco la ricetta!
    INGREDIENTI:

    • Impasto per pizza con lievito di birra
    • 1 mazzo di asparagi freschi
    • 1 mozzarella di bufala a ridotto contenuto di lattosio
    • 1 fetta di prosciutto cotto
    • Olio extravergine di oliva q.b.
    • Sale fino q.b.
    • Pepe nero q.b.

        PREPARAZIONE:

        Prima di tutto va preparato l’impasto per la pizza: qua trovate alcune ricette per prepararlo:

        Impasto per pizza col lievito di birra

        Impasto per pizza con lievito madre

        Impasto per pizza con farina integrale

        Lavare gli asparagi e tagliarli a tocchetti. Cuocerli in una padella antiaderente con poco olio extravergine di oliva, un pizzico di sale fino e un po’ d’acqua. Devono cuocere per circa 20 minuti e con la padella tappata.

        Nel frattempo preparare la mozzarella di bufala a ridotto contenuto di lattosio. Scolare l’acqua e, dopo aver avvolto la mozzarella con un tovagliolo in lino o cotone, strizzarla bene in modo da togliere un po’ del liquido.

        Guarnizione della pizza bianca con asparagi

        Stendere l’impasto per pizza dando una forma tonda e stenderla sulla carta da forno. Su una metà dell’impasto mettere un po’ di sale, gli asparagi cotti, il prosciutto cotto e la mozzarella di bufala a ridotti contenuto di lattosio (a pezzetti) e un pizzico di pepe nero. Coprire con l’altra metà e sigillare bene il tutto.

        Cuocere nel forno almeno a 200°C (seguite le indicazioni del vostro forno) e servire caldo.

        Eccola qua!


        CONSIGLI
        :

        Asparagi: son buonissimi e di stagione… Ma chissà perché mi sta venendo in mente di provare la pizza anche con i carciofi… Chissà se è altrettanto buona! Vi dirò prossimamente!

        Zeppole sarde

        Zeppole sarde…

        Questa settimana ammetto che sto esagerando… Volevo fare un po’ di dieta ma non ce la faccio proprio… Dovrei fare come Forrest Gump “Go Gavinedda, go!” e iniziare a correre senza fermarmi almeno sino a Pasqua!

        Prima le lorighette e oggi le zeppole sarde che noi chiamiamo “zippulas de loriha“. Queste zeppole sarde, a differenza dei fatti fritti o delle altre zeppole, sono salate e vanno servite come pasto accompagnate da un bel pezzo di salsiccia e un bel bicchiere di vino rosso.

        Tradizionalmente, vengono offerte alle maschere che bussano alla porta nei giorni di carnevale e sono comode per un pranzo veloce (magari scongelate e scaldate al momento). Io lo ammetto! Le adoro! Superano di gran lunga anche bomboloni e fatti fritti! Ne mangerei sempre (ma per fortuna a casa non le facciamo spessissimo).

        Tra gli ingredienti delle zeppole sarde c’è anche il latte; io ho utilizzato un tipo di latte a ridotto contenuto di lattosio quindi va bene per chi come me è intollerante al lattosio.

        Ecco la ricetta delle zeppole sarde!

        INGREDIENTI:

        • 1 kg di semolato rimacinato
        • 4 uova
        • 60 gr di lievito di birra fresco
        • 1 patata media lessa e macinata
        • 2 arance (scorza grattugiata fresca)
        • 1/2 bicchiere di acquavite
        • 350 gr circa di latte a ridotto contenuto di lattosio (dipende dalla consistenza dell’impasto)
        • Sale fino q.b.
        • Strutto per friggere

        PREPARAZIONE:

        Nella planetaria (o impastatrice) versare il semolato rimacinato, la patata lessa macinata, il sale fino, la scorza macinata delle arance e il lievito di birra sciolto in poco latte a ridotto contenuto di lattosio. Impastare a velocità ridotta per circa un quarto d’ora o venti minuti. L’impasto all’inizio deve risultare farinoso.

        Aggiungere l’acquavite e lasciare impastare per un po’. Aggiungere il latte a ridotto contenuto di lattosio a poco a poco finché l’impasto non avrà raggiunto una consistenza morbida.

        In un recipiente capiente mettere un po’ di latte a ridotto contenuto di lattosio sul fondo e spennellare il latte in tutte le pareti. Adagiare l’impasto facendo una croce sopra (così vi rendete conto della lievitazione) e lasciare lievitare per circa 2 o 3 ore o finché non raddoppia.

        Ora non ci resta che friggere le nostre zeppole sarde. In una padella capiente sciogliere lo strutto e farlo scaldare bene. Mettere un po’ di latte a ridotto contenuto di lattosio in una scodella e iniziare a stendere le zeppole sarde. È necessario inumidire le mani col latte e poi prelevare piccoli pezzetti dall’impasto che andranno allungati e messi a friggere nello strutto bollente. Girare le zeppole e, quando son dorate da ambo i lati, vanno tolte e messe a raffreddare in una carta assorbente (noi utilizziamo la carta del pane).

        Eccole qua! Pronte per essere mangiate!


        CONSIGLI:

        Latte: io ho utilizzato il latte a ridotto contenuto di lattosio per non alterare troppo il sapore e perché non mi da problemi (proprio perché lo utilizzo davvero poco). Si può sostituire con latte di soia o di avena. Vi sconsiglio il latte di riso o quello di mandorle perché troppo dolci e andrebbero ad alterare il sapore finale.

        Conservazione: una volta tiepide, vanno messe in un tegame con chiusura ermetica (così non si asciugano). Se le dovete congelare, fatelo subito appena son tiepide, così si mantengono perfette.

        Tortino di verdure

        Il tortino di verdure è una idea che mi è venuta stasera quando ho aperto il frigo.

        Avevo una rimanenza di zucchine e carote, una confezione di pasta sfoglia in scadenza e una mozzarella a ridotto contenuto di lattosio. 

        Ho acceso il forno, srotolato la pasta sfoglia e in tre minuti di orologio la mia cena era avviata! 

        Nella preparazione ho utilizzato la mozzarella a ridotto contenuto di lattosio e il parmigiano reggiano stagionato 36 mesi (lattosio nullo o in tracce irrisorie), quindi noi intolleranti possiamo mangiare il tortino di verdure senza problemi.

        Ecco a voi la ricetta! 😉

        INGREDIENTI:

        • 1 confezione di pasta sfoglia rettangolare senza lattosio 
        • 1 zucchina 
        • 1 carota 
        • 4 o 5 foglie di radicchio 
        • 1 mozzarella a ridotto contenuto di lattosio 
        • 3 cucchiai di parmigiano reggiano grattugiato stagionato 36 mesi
        • Pepe nero q.b.
        • Sale q.b.
        • Tuorlo d’uovo (per spennellare la superficie del tortino)

          PREPARAZIONE:

          Lavare bene le zucchine e le carote e tagliarle a mezzaluna. Adagiarle nella vaporiera, aggiungere un pizzico di sale fino e farle cuocere per circa 20 minuti (a me piacciono belle croccanti). Si possono cuocere anche nel microonde o farle bollite.

          Srotolare la pasta sfoglia in modo che si riscaldi un po’. Lavare il radicchio e asciugarlo bene.

          Lasciar raffreddare le zucchine e le carote e metterle in un tegame. Aggiungere il pepe nero e il parmigiano reggiano grattugiato e mescolare bene. Scolare e tagliare la mozzarella a ridotto contenuto di lattosio a cubetti e mescolarla alle verdure.

          Ora non ci resta che comporre il nostro tortino di verdure! Adagiare le foglie di radicchio su meta della pasta sfoglia e poi versare sopra le verdure condite. Coprire con l’altra metà della pasta sfoglia e sigillare bene. Bucherellare la superficie con i rebbi di una forchetta. Spennellare il tortino di verdure con il tuorlo d’uovo e mettere in forno statico a 180°C per circa 20 minuti o fino a che non è ben dorato. Controllare che sia ben cotto anche sotto. 

          Servire caldo.

          CONSIGLI:

          • Verdure: io ho utilizzato zucchine e carote che avevo in frigo. Il tortino di verdure è buono anche con altre verdure come ad esempio peperoni, melanzane e zucchine. 

          Calzone con farina integrale

          Calzone con farina integrale è l’idea che mi è venuta ieri a cena.

          Era da un po’ che sperimentavo la ricetta dell’impasto base per pizza con la farina integrale e ieri sera finalmente ce l’ho fatta! La pasta risultava bella, elastica e si faceva lavorare bene. Dopo oltre un anno a regime con focacce ieri per festeggiare mi son concessa una vera pizza con tanto di pomodoro che io con allergia all’istamina di solito evito di mangiare. Ieri però mi è venuta una idea geniale, perché non trasformare la solita pizza in calzoni gustosi e saporiti? Mi son venuti talmente buoni che oggi ho fatto il bis a pranzo!

          Gli ingredienti che ho usato son a ridotto contenuto di lattosio, adatti a noi intolleranti! 😉

          Ecco la ricetta!

           

          INGREDIENTI:
          (per circa 4 calzone con farina integrale)

          • 1 dose di impasto base per pizza con farina integrale
          • 1 confezione media di pomodori pelati
          • 1 confezione di funghi trifolati (se li avete freschi da cucinare ancora meglio!)
          • 1,5 etti di prosciutto cotto
          • 2 mozzarelle a ridotto contenuto di lattosio
          • origano

           

          PREPARAZIONE:

          wp-1479809490583.jpg

          Dividere l’impasto base per pizza con farina integrale in quattro parti uguali e stendere bene la pasta e ricavare quattro pizze. Frullare i pomodori pelati e metterli solo in una delle metà delle pizze. Aggiungere l’origano, i funghi trifolati e il prosciutto cotto.

           

           

          wp-1479809490595.jpg

          Aggiungere la mozzarella a ridotto contenuto di lattosio già spezzettata.

           

           

          wp-1479809490585.jpg

          Chiudere con la metà superiore della pasta e cucire bene i bordi in modo da sigillare il tutto. Mettere un po’ di passata di pomodoro sopra il calzone e infornare a forno alto per circa 15 – 20 minuti. Se si usa il forno elettrico, bisogna stare attenti alla cottura. I calzoni devono essere ben cotti pure sotto. Servire il calzone con farina integrale appena sfornato e quando è ancora caldo.

           

           

          CONSIGLI:

          • condimento: io ho preparato i calzoni con funghi e prosciutto cotto ma si possono farcire in tantissimi altri modi. Con melanzane e peperoni grigliati… Oppure con melanzane e parmigiano, ai 4 formaggi (per chi non è intollerante al lattosio!), ai frutti di mare, etc.
          • prodotti a ridotto contenuto di lattosio: se non volete esagerare con l’accumulo di lattosio, potete usare l’acqua al posto del latte delattosato nella preparazione dell’impasto. Oppure farcire con melanzane grigliate e grana padano (o parmigiano reggiano) molto stagionato.

          Impasto base per pizza con farina integrale

          Impasto base per pizza con farina integrale…

          Eccolo qua! Finalmente ci son riuscita! 🙂
          L’impasto risulta elastico, lievitato e facile da stendere. L’utilizzo della farina integrale rende le pizze (o le focacce) più digeribili e più gustose. Ci ho messo un po’ a trovare la formula giusta perché la farina integrale assorbe più facilmente i liquidi e le prime volte l’impasto risultava asciutto e poco lavorabile. Ma ora ci siamo! 🙂

          Per la preparazione io ho utilizzato un latte a basso contenuto di lattosio che va bene per la maggior parte degli intolleranti.
          Avendo una intolleranza al lattosio abbastanza alta, non posso permettermi di sgarrare troppo. Per fare colazione (tutti i giorni) uso il latte di riso e cerco di ridurre il lattosio dalla mia dieta, così posso usare i prodotti a ridotto contenuto di lattosio per preparare impasti per pizze, focacce o anche besciamella etc.

          Ecco a voi la mia ricetta per l’impasto base per pizza con farina integrale.

           

           

          INGREDIENTI:

          • 250 gr di farina integrale
          • 250 gr di farina manitoba
          • 350 ml di latte a ridotto contenuto di lattosio
          • 2 cucchiai di olio extravergine di oliva
          • 2 cucchiaini di sale fino
          • 25 gr di lievito di birra (1 panetto)

           

          PREPARAZIONE:

          Per me preparare questo impasto è molto semplice. Utilizzo la mia vecchia cara e sempre utilissima macchina del pane. Metto gli ingredienti nel cestello, accendo e fa tutto lei. In un’ora e mezza ho il mio impasto pronto da stendere e condire. Se ancora non ce l’avete vi consiglio di prenderla. La mia è una Princess e costa sui 60 euro e vi dico che son ben spesi, soprattutto quando (come me) rientrate a casa la sera tardi e non sapete che fare a cena o siete troppo stanchi  per cucinare. Nel frattempo che lei impasta, io sistemo casa, faccio un po’ di yoga e una doccia veloce. Poi torno in cucina e devo solo stendere l’impasto, condire le pizze e focacce e infornarle.

          Per chi non avesse la macchina per il pane o l’impastatrice dobbiamo procedere impastando a mano. Vi confesso che io ogni tanto lo faccio ancora. E’ una di quelle cose che mi rilassa e mi rimette in pace col mondo. In una insalatiera capiente, versare la farina manitoba e quella integrale e mescolarle. Aggiungere l’olio extravergine di oliva, il sale fino e mescolare il tutto. Intiepidire il latte a ridotto contenuto di lattosio e metterne un po’ in una tazzina dove verrà fatto sciogliere il lievito di birra. Aggiungere il latte a ridotto contenuto di lattosio e il lievito alle farine e impastare bene finché la pasta non diventa elastica. Coprire e lasciar lievitare un paio d’ore. Il tempo di lievitazione varia in base alla temperatura esterna; per aiutare la lievitazione, la ciotola con l’impasto può esser messa in forno semiaperto con la luce accesa. Di solito l’impasto è lievitato quando raddoppia. Poi va steso e lasciato lievitare ancora un’oretta. A questo punto si può utilizzare per preparare pizze e focacce. Sotto nei consigli, trovate un elenco di ricette per utilizzare l’impasto base per pizza con farina integrale.

           

           

          CONSIGLI:

          • latte a ridotto contenuto di lattosio: se preferite una ricetta completamente senza lattosio, potete sostituirlo con della semplice acqua naturale a temperatura ambiente.
          • utilizzi: potete utilizzare questo impasto per la classica pizza, focaccia barese e genovese, calzone etc o per preparare dei piccoli panini integrali.

            Calzone con farina integrale

            Focaccia con rucola e scaglie di grana

            Focaccia con rucola e grana

            Pizza o focaccia! Le mangerei sempre! A colazione, merenda, pranzo e cena! Che bontà!  🙂

            Ultimamente per motivi di allergia, ho dovuto rinunciare al pomodoro quindi addio pizza… Che tristezza!
            Però io mi consolo con la focaccia! E vi dirò che mi piace molto. E’ buona con olio sale e origano, ma anche con rucola e grana… Una delle mie preferite! Vi prometto che posterò anche le ricette delle altre varianti (con zucchine, peperoni, melanzane, etc).

            E posso mangiarne a volontà! Gli ingredienti son assolutamente senza lattosio; quindi anche per la mia intolleranza al lattosio va benissimo!

            Ecco la ricetta!

             

            INGREDIENTI:

            o in alternativa

            • Impasto base per pizza/focaccia con lievito madre
            • 3 cucchiai di olio extravergine di oliva
            • 3 cucchiai di acqua naturale a temperatura ambiente
            • grana padano o parmigiano reggiano sopra i 36 mesi ridotto in scaglie
            • un rametto di rucola
            • sale q.b
            • origano q.b.

             

            PREPARAZIONE:

            wp-1461931715731.jpg

            Preparare l’impasto base secondo una delle due ricette che trovate nel link sopra. Io di utilizzo impasto con lievito madre perché lo trovo più digeribile anche se devo prepararlo il giorno prima. Se invece siete di fretta o avete poco tempo a disposizione, potete optare per l’impasto base con lievito di birra.

             

             

            wp-1461931715758.jpg

            Stendere l’impasto base lievitato con l’aiuto di un mattarello da cucina, dare forma rettangolare e posizionarlo nelle teglie. Io utilizzo quelle usa e getta perché son più sottili e (almeno che non abbiate a disposizione il forno a legna) perché nel forno elettrico fan si che il fondo della pizza cucini meglio e prima

             

             

            wp-1462033806737.jpg

            Adesso bisogna guarnire la focaccia. Con le dita fare delle fossette. Cospargere la focaccia col sale e poi aggiungere 3 cucchiai di olio evo e 3 cucchiai di acqua naturale (serve affinché la focaccia non si asciughi troppo durante la cottura al forno e infine l’origano. Infornare a temperatura massima e prima di toglierla, controllare che sia ben cotta, soprattutto nel fondo.

             

             

            wp-1461931715729.jpg

            Ora non resta che condirla con rucola e le scaglie di grana e mangiarla!
            Buon appetito!

             

            CONSIGLI:

            • forno: vi consiglio temperatura massima ma anche di seguire le istruzioni del vostro forno. Ad esempio, il forno di mia mamma cuoce benissimo le pizze alla temperatura massima con la funzione ventilato. Il mio forno invece, le cucina bene alla massima temperatura con forno statico, salvo poi poggiarle due minuti nella parte bassa del forno.
            • spessore focaccia: io la faccio medio-fine però è buonissima anche lasciata più grossa e aggiungendo tanto olio e acqua stile focaccia genovese oppure lasciandola più fine e cucinandola con olio evo, pomodori tagliati a metà e olive (simile alla focaccia barese).

            Impasto per pizza o focaccia con lievito madre

            Buon lunedì a tutti!  🙂

            Oggi vorrei parlarvi di una variante dell’impasto base per pizze, focacce e panini dove ho utilizzato il lievito madre al posto del lievito di birra. Rispetto all’impasto con il lievito di birra, la focaccia risulta più leggera, digeribile e davvero saporita. Cambia leggermente il sapore (si sente lievemente l’acidulo del lievito madre) ma a me questa differenza non dispiace per niente. Come sempre, la ricetta è stata eseguita con ingredienti senza lattosio (o a ridotto contenuto di lattosio), quindi noi intolleranti possiamo prepararla senza problemi.

            Vi devo assolutamente parlare del lievito madre, delle sue proprietà e come si crea e si mantiene… Dedicherò un articolo per tutto ciò.

            Ora invece, ecco la ricetta!

             

            INGREDIENTI:

            • 1 kg di semola rimacinata
            • 650 gr circa di latte a ridotto contenuto di lattosio
            • 300 gr di lievito madre pronto per l’utilizzo
            • 4 cucchiai circa di olio extra-vergine di oliva
            • sale q.b.
            • 1 cucchiaino di zucchero

             

            PREPARAZIONE:

            wp-1461931715899.jpg

            Sciogliere il lievito madre nel latte a ridotto contenuto di lattosio.

             

             

            wp-1461931715525.jpg

            Aggiungere la semola rimacinata, lo zucchero e girare con un cucchiaio. Aggiungere l’olio evo e continuare ad impastare con le mani. Per ultimo aggiungere il sale e continuare ad impastare bene.

             

            wp-1461931715769.jpg

            Coprire con un canovaccio e lasciare a lievitare per almeno 12 ore dentro il forno chiuso con luce spenta.

             

             

            wp-1461931715731.jpg

            Formare delle palline e coprire nuovamente col canovaccio, facendole lievitare per altre due ore.

            Ora l’impasto base è pronto e vi potete sbizzarrire come volete! Potete preparare dei:
            – panini all’olio
            – pizze
            focaccia con rucola e grana
            Se cliccate sui nomi, andate direttamente alla ricetta!

            Buona preparazione!  😉

             

            CONSIGLI:

            • Latte a ridotto contenuto di lattosio: io preferisco utilizzare il latte perché l’impasto risulta più soffice. Per un impasto più leggero si può utilizzare l’acqua. Chi non è intollerante al lattosio può tranquillamente utilizzare il latte “normale”; chi è fortemente intollerante al lattosio può sostituirlo con latte di soia o meglio avena o riso.
            • Semola rimacinata: ho voluto provare la ricetta così per rendere la pizza più croccante. Devo dire che il risultato non è male anche se io preferisco utilizzare la farina 0 manitoba; al limite si può fare metà manitoba e metà semola rimacinata. Anche così sarà buonissima!  🙂

             

             

             

             

            Pizzette di pasta sfoglia

            Buona domenica!  🙂
            Vi è mai capitato di avere gente a pranzo o a cena all’ultimo momento e non saper cosa cucinare?
            O di rientrare a casa dal lavoro e avere pochissimo tempo per organizzare una cenetta per voi e i vostri amici o parenti?
            Questo è un antipasto facile facile e soprattutto velocissimo… Basta un rotolo di pasta sfoglia, alici, capperi, passata di pomodoro e mozzarella e voilà! In dieci minuti le vostre pizzette saranno già pronte da infornare!  😉
            Parola di Gavinedda!  🙂

            Ps. Tutti gli ingredienti utilizzati da me son senza lattosio! Mi raccomando, per la pasta sfoglia controllate bene l’etichetta e la mozzarella io l’ho presa rigorosamente senza lattosio! Quindi noi intolleranti la possiamo mangiare tranquillamente.

             

             

            INGREDIENTI:

            1. 1 rotolo di pasta sfoglia con ingredienti senza lattosio
            2. 1 confezione di pomodori pelati (o di passata di pomodoro)
            3. 1 tuorlo d’uovo
            4. 1 confezione di capperi
            5. 1 confezione di alici sott’olio
            6. 1 mozzarella senza lattosio

             

             

            PREPARAZIONE:

            wpid-20141225_121147.jpg

             

            Stendere il rotolo di pasta sfoglia e lasciarlo “riscaldare” per circa mezzora (in questo modo le pizzette verranno più spesse). Ricavare dei quadrati e stenderli su una teglia da forno foderata con la carta da forno. Io stavolta ho trovato il rotolo di pasta sfoglia tondo ma vi consiglio di utilizzare quello di forma rettangolare (le pizzette usciranno quadrate e molto più simili tra loro). Separare il tuorlo d’uovo dall’albume e metterlo in un bicchiere; aggiungere del sale e sbattere velocemente il tuorlo con una forchetta. Con un pennello ricoprire i bordi dei quadratini di pasta sfoglia con il tuorlo.

             

             

            wpid-20141225_121556.jpg

            Frullare i pomodori pelati per ottenere una passata di pomodoro e metterla sopra i quadratini di pasta sfoglia.

             

             

             

            wpid-20141225_122703.jpg

            Tagliare le alici a pezzetti molto fini e adagiarli sulla passata di pomodoro. Ripetere lo stesso procedimento con i capperi.

             

             

            wpid-20141225_123053.jpg

            Tagliare la mozzarella a cubetti e adagiarla sulle pizzette. Cucinarle al forno ad una temperatura di 180° per circa 10 minuti- Posizionare la teglia nella parte più bassa del forno ed accertarsi che il fondo delle pizzette sia ben cotto.

             

             

             

            wpid-20141225_131942.jpg

            Eccole qua!!!  🙂

             

             

            CONSIGLI:

            1. io le ho fatte semplici con alici e capperi ma voi vi potete sbizzarrire con gli ingredienti; tonno, peperoni, gongorzola, etc.
            2. anche la forma è molto semplice; era dettata dalla fretta. Se avete un po’ di tempo le potete fare tonde, triangolari o usare le formine per farle a forma di stella, cuore, etc.