Archivio mensile: settembre 2017

Rösti

Rösti

Una delle cose più belle della intolleranza al lattosio è condividere le proprie esperienze e ricette con gli altri. Ho scoperto un sacco di ricette buonissime di ogni parte d’Italia e del mondo… E ho conosciuto tante persone fantastiche che condividono le proprie esperienze e ricette. Vi giuro che ho una lista infinita di ricette da provare… Una meglio dell’altra. Alla faccia di chi pensa che la cucina senza lattosio sia qualcosa di triste o di ultraleggero… Sto sfornando dolci e piatti nuovi e cicciosi tutte le settimane! Ormai son ricercata dal dott NowzQualcosa. 😁😁😁

Tra le ragazze che ho “conosciuto” ce n’è una che come me ha sempre le mani pasta. Si chiama Vanessa, è un po’ timida e sempre pronta a condividere le sue ricette. La ringrazio pubblicamente per la pazienza e la possibilità di poter pubblicare la sua ricetta. Mi chiedo solo come mai non si sia decisa ad aprire un blog tutto suo! Vane, io aspetto di vedere la tua prima ricetta pubblicata! Son già una tua fan! 😍

I rösti son un piatto tipico della cucina svizzera e tedesca. Son dei tortini di patate cotti in padella che vengono insaporiti in diversi modi: con pancetta (la mia versione 😉), cipolle, verdure varie etc. Son davvero molto buoni e son una alternativa interessante al solito primo di pasta. Dovete provarli! 👍👍👍 Poi non contengono lattosio, quindi noi intolleranti al lattosio possiamo mangiarli in tutta tranquillità!

Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 3 patate medie
  • 50 gr di pancetta
  • 1 cucchiaio di formaggio grattugiato a lunga stagionatura (eventuale)
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale q.b.
  • Pepe nero macinato q.b.

PREPARAZIONE:

Patate

Per prima cosa lavare bene le patate e metterle a bollire con la buccia. Il tempo di cottura varia in base alla grandezza delle patate e al tegame utilizzato (per fare prima si può utilizzare la pentola a pressione). Le patate son cotte quando, pungendole con una forchetta, risultano morbide. Sbucciarle ancora calde e lasciarle raffreddare molto bene.

Pancetta

Nel frattempo tagliare la pancetta a dadini e soffriggere bene. Quando è pronta toglierla dalla pentola e scolarla su un tovagliolo di carta in modo che perda un po’ di olio. L’olio rimasto nel tegame servirà per cuocere i nostri rösti.

Preparazione delle patate

Quando le patate saranno fredde, vanno tagliate a striscioline molto sottili con l’ausilio di una grattugia, salate e pepate. Non utilizzare il coltello perché verrebbero troppo grandi e son più difficili da compattare. (Io a ‘sto giro ho fatto così ma ve lo sconsiglio!). Un’altra alternativa (più semplice) è quella di grattugiare le patate crude ma io ho preferito seguire tutte le indicazioni di Vanessa. 😉

Cottura del rösti

Qua ci son due scuole di pensiero… C’è chi prepara il rösti solo con le patate e poi aggiunge il condimento (cipolle, pancetta, etc) sopra a fine cottura e chi lo incorpora alle patate. Io ho scelto la prima alternativa; se si opta per la seconda, bisogna asciugare bene dall’olio in eccesso i condimenti prima di aggiungerli. Il rösti va fatto cuocere a fuoco medio per circa 10 minuti per lato. Nel frattempo schiacciare bene con un cucchiaio di legno o una paletta per livellarli e compattare il tutto. Dopo aver girato il rösti, aggiungere sopra la pancetta e un cucchiaio di formaggio grattugiato a lunga stagionatura e continuare a cuocere.

Ecco qua i rösti! 😊😊😊

CONSIGLI:

  • Varianti: le patate si possono condire anche con un trito di erbette (salvia, rosmarino, alloro) e/o si può utilizzare il peperoncino al posto del pepe nero;
  • Condimenti: oltre alle cipolle e alla pancetta si possono aggiungere funghi, peperoni, zucchine, melanzane oppure la salsiccia fresca sbriciolata.
  • Antipasto: si possono preparare dei tortini monodose da servire come antipasto.

Pollo arrosto con patate

Pollo arrosto con patate…

E cosa fai quando ti regalano un bel pollo ruspante allevato in famiglia? Ho pensato a due o tre ricette particolari o diverse dalle solite ma poi… Son caduta nel grande classico della cucina italiana: il pollo arrosto con patate! Ho pensato che una carne così buona e genuina non avesse bisogno di chissà quali ricette o lavorazioni e che una ricetta classica come il pollo arrosto con patate potesse far risaltare la bontà della carne e delle patate (non odiatemi ma son biologiche e a km zero pure quelle! 😁😁😁). Ho condito tutto con olio extravergine di oliva (di nostra produzione) e con le erbette del mio orto… E in soli cinque minuti ho risolto il pranzo della domenica! 👍

Nel frattempo che scrivo la ricetta, il pollo arrosto con patate è in forno che cucina… Il profumo che sprigiona è davvero invitante… Ho già fame! 😋

Cari amici intolleranti al lattosio… O cari colleghi di sfiga… Questa ricetta è completamente senza lattosio, quindi possiamo mangiare tutto senza nessun problema o limitazione.

E ora, ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

Ingredienti

  • 1 coscia di pollo ruspante
  • 3 patate medio-piccole
  • 3 peperoni piccoli
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale fino q.b.
  • 2 rametti di rosmarino fresco
  • 2 foglioline di salvia fresca
  • 2 foglioline di alloro fresco

PREPARAZIONE:

Patate e peperoni

Sbucciare e lavare bene le patate. Lavare bene i peperoni, tagliarli a metà ed eliminare la parte bianca. Tagliare le patate e i peperoni e metterli da parte.

Olio aromatizzato

Lavare il rosmarino, la salvia e l’alloro e tritarli molto fini (io uso la mezzaluna). Aggiungere l’olio extravergine di oliva e il sale fino.

Pronto da infornare

Condire il pollo con l’olio aromatizzato. Bisogna prendere un po’ di olio alla volta e con le mani spargerlo bene sul pollo sia sopra che sotto in modo che sia unto da tutte le parti. Adagiare il pollo nella teglia, aggiungere le patate e i peperoni. Condire tutto con il sale fino e il resto dell’olio aromatizzato e infornare. Io ho utilizzato il microonde con la funzione crisp per circa 20 minuti. In forno tradizionale son necessari 200°C per circa 30-35 minuti (forno statico).

CONSIGLI:

  • Peperoni: lo so che nella ricetta tradizionale non ci vanno ma io li avevo a disposizione e non ho resistito. Il connubio pollo, patate e peperoni per me è il top ma potete anche non metterli.
  • Avanzi: il pollo avanzato, tagliato a listarelle, è ottimo per preparare l’insalata di pollo. Io la faccio spessissimo, soprattutto d’estate.

Cuscus con verdure grigliate

Cuscus con verdure grigliate…

Il cuscus o cuscussú o couscous (in francese) è un piatto tipico del Nord d’Africa e della Sicilia (e rassomiglia molto anche alla nostra fregola sarda). Son dei minuscoli granelli di semola cotti a vapore e poi conditi con verdure, spezie o anche carne.

La ricetta del cuscus con verdure grigliate mi è venuta in mente ieri sera quando, frugando in dispensa, ho trovato una confezione di cuscus precotto. Avevo delle verdure da consumare e allora mi son messa all’opera… Aspettate! Devo dirvi la verità: in effetti di “opera” ce n’è voluta davvero poca! Ho solo lavato e tagliuzzato le verdure prima di metterle in forno e poi ho condito il cuscus e l’ho messo nel contenitore con chiusura ermetica per portarlo oggi al lavoro. Mi aspettavo qualcosa di buono ma non una cosa così deliziosa, profumata, leggera e che sazia. È proprio vero che le cose più semplici son anche le più buone! 😉

Il cuscus con verdure grigliate era ottimo! Completamente senza lattosio e quindi adatto a tutti gli intolleranti al lattosio, anche a chi è ancora in disintossicazione.

E ora… Ecco la ricetta! 👍🏽

INGREDIENTI:

  • 80 gr di cuscus precotto
  • 100 ml di acqua bollente
  • 1 cucchiaio di dado vegetale
  • 1 melanzana media
  • 1 zucchina media
  • 1 peperone rosso medio
  • 1 ciuffo di basilico fresco
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Sale fino q.b.
  • Paprika q.b.
  • Curcuma q.b.
  • Cumino q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare bene le verdure (zucchina, melanzana e peperone) e tagliarle a cubetti non troppo grandi. Aggiungere l’olio extravergine di oliva, il sale fino, il basilico e cuocerli in microonde con la funzione Crisp (o in alternativa nel forno tradizionale) per circa 20 minuti.

Pesare il cuscus e metterlo in padella aggiungendo un cucchiaino di olio extravergine di oliva. In un recipiente aggiungere un cucchiaio di dado vegetale alla acqua bollente, miscelare bene e aggiungere tutto al cuscus. Tappare il tegame e lasciar riposare per due minuti. Stappare il tegame, aggiungere un cucchiaio di olio extravergine di oliva e sgranare bene il cuscus con una forchetta. Condire con le verdure grigliate e aggiungere un pizzico di sale fino e le spezie.

CONSIGLI:

  • Spezie: scegliete voi quelle che preferite! Curcuma, paprika, cumino, curry daranno un sapore più forte e più orientale o “esotico”. Alloro, salvia, rosmarino, timo, basilico daranno un sapore più delicato e più “mediterraneo”.
  • Verdure: io ho utilizzato quelle che avevo in frigo e che son tra le mie preferite. Potete aggiungere anche le carote o quelle che vi piacciono di più.
  • Carne/pesce: si possono aggiungere tranquillamente. Anzi noi in Sardegna la fregola la prepariamo soprattutto con il pesce. Io sinceramente preferisco il cuscus così con verdure e spezie.
  • Cottura: stavolta ho utilizzato il cuscus precotto ma vorrei davvero imparare a farlo e cuocerlo nella maniera tradizionale. Chissà se incontrerò qualcuno che me lo possa insegnare. Io continuo a sperare! 😉

Muesli

Muesli…

È uno dei miei preferiti a colazione… L’ho provato in tutte le versioni… Con cioccolato, con frutta secca, aggiungendo le bacche di Goji e i semi di lino… Una bontà! Ho provato pure a farmelo fare su misura da una piccola azienda del nord Italia ed era buonissimo! 😉 Alla fine ho deciso di provare a farlo da me! Avevo già la materia prima (miele, olio, frutta secca); mi son procurata i fiocchi di avena e cereali e ieri notte ci ho provato. Ho preparato un muesli base con fiocchi di avena, cereali, bacche di Goji e uno sciroppo di miele, olio e acqua. Il resto (cioccolato, frutta fresca o disidratata, cioccolato fondente) si può aggiungere quando il muesli è già pronto o direttamente al momento dell’utilizzo.

Il muesli è talmente facile da preparare che mi sto chiedendo perché non ci ho pensato prima e non contiene lattosio… Noi intolleranti al lattosio possiamo mangiarlo senza problemi! 😉

Ed ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

Ingredienti principali

  • 150 gr di frutta secca tritata non fine
  • 100 gr di fiocchi di avena
  • 50 gr di fiocchi di cereali
  • 60 – 70 gr di miele
  • 60 gr di acqua
  • 30 gr di olio extravergine di oliva
  • 40 gr di bacche di Goji

PREPARAZIONE:

Lo sciroppo

Tritare la frutta secca grossolanamente. Preparare lo sciroppo con il miele, l’olio extravergine di oliva e l’acqua. Metterli in una padella capiente e amalgamare il tutto. Far cuocere a fuoco medio basso per circa 5 o 6 minuti. Togliere dal fuoco.

Frutta secca, avena, cereali e sciroppo

Aggiungere i fiocchi di avena, i fiocchi di cereali, la frutta secca e miscelare per bene.

Pronto per il forno

Infornare col forno già caldo a 160 – 170°C per circa mezzora, ricordandosi di rimescolare ogni 5 minuti in modo che la doratura sia omogenea. Cinque minuti prima di spegnere, aggiungere le bacche di Goji.

CONSIGLI:

  • Frutta secca: potete utilizzare quella che preferite. Io stavolta ho utilizzato le noci perché già pronte ma potete fare un mix noci, nocciole e mandorle o aggiungere qualche seme (di zucca, di lino, di Chia). Io stavolta i semi di lino li ho aggiunti alla fine.
  • Bacche di Goji: uso quelle perché mi piacciono molto e le avevo in casa; si possono sostituire tranquillamente con l’uva passa.
  • Aggiunte finali: qua vi potete sbizzarrire alla grande! Potete aggiungere frutta disidratata (banane, albicocche, frutti rossi) oppure farina di cocco o cioccolato fondente in scaglie.
  • Miele: preferisco preparare un “muesli base” non troppo dolce e poi aggiungere gli ingredienti dolci (frutta, cocco, cioccolato, etc). Il miele che uso io non è il millefiori ma quello di corbezzolo o castagno (più amari). Per un gusto più dolce potete usare un miele millefiori o aggiungere qualche cucchiaio di zucchero.

Muffin salati

Muffin salati…

Che strano non li avessi mai provati! E son buonissimi! 😁😁😁 Eppure la mia amica Diana per anni mi ha parlato dei suoi muffin salati… Mi ha mandato le foto etc ma non avevo mai trovato l’occasione… Almeno sino a domenica. 😉 Li ho preparati con ingredienti di fortuna, quelli che avevo in frigo e devo dire che il risultato era davvero buono. 😉

Ho preparato i muffin salati utilizzando il latte a ridotto contenuto di lattosio (Arborea Alta Digeribilità con lo 0,1 di lattosio). Come vi ho già scritto, era domenica e ho usato quello che avevo in dispensa. Aggiungo che quando ho gente a pranzo o cena, di solito preferisco utilizzare i prodotti delattosati… Lo trovo un equo compromesso tra me intollerante al lattosio e gli altri. Solo nei dolci a volte uso direttamente il latte di riso! 😉 Tornando al latte, potete sostituire con Granarolo (che se non mi sbaglio ha lo 0,01 di lattosio) o, se siete in disintossicazione, vi consiglio il latte di farro o di avena (che son quelli meno dolci).

Mi son dovuta arrangiare anche col lievito… La ricetta originale prevedeva il lievito secco ma io ho utilizzato il lievito di birra fresco. Il risultato è stato comunque ottimo!

E ora ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 1 melanzana medio – grande
  • 3 fette di prosciutto crudo
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 mazzetto di prezzemolo
  • 200 gr di farina 00
  • 100 ml di latte a ridotto contenuto di lattosio
  • 3 uova
  • 100 ml di olio extravergine di oliva
  • 10 gr di lievito secco per preparazioni salate (o 30 gr di lievito di birra fresco)
  • Sale fino q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • 2 cucchiai di formaggio grattugiato a lunga stagionatura

PREPARAZIONE:

Melanzane

Iniziamo dalla melanzana. Lavarla bene, tagliarla a dadini, aggiungere il sale fino e metterla in uno scolapasta a colare in modo che perda l’acqua amara. Successivamente sciacquare bene i dadini di melanzana, asciugarli con un canovaccio da cucina e farli soffriggere con un goccio di olio extravergine di oliva e uno spicchio d’aglio (io lo taglio in due pezzi e poi lo infilzo con due stuzzicadenti in modo che non si sfaldi e che lo trovi a fine cottura 😉).

Lievito di birra

In una ciotola sbriciolare il lievito di birra e aggiungere un po’ di latte a ridotto contenuto di lattosio che deve essere tiepido. Sciogliere bene il lievito.

Uova e latte a ridotto contenuto di lattosio

In un recipiente sbattere le uova e aggiungere il restante latte a ridotto contenuto di lattosio.

Farina 00

Aggiungere la farina 00 setacciata e mescolare bene.

Lievito di birra

Aggiungere il lievito di birra e mescolare bene.

Melanzane

Aggiungere le melanzane.

Melanzane, prosciutto crudo, prezzemolo, formaggio

Aggiungere il prosciutto crudo tagliato a pezzetti piccoli, il formaggio grattugiato a lunga stagionatura, il prezzemolo tritato, il sale fino e il pepe nero. Amalgamare bene il tutto.

Ecco l'impasto!

Aggiungere l’olio extravergine di oliva e mescolare bene. Riempire gli stampini per muffin per 3/4 e infornare con forno statico a 175°C per circa 10 minuti o finché non son cotti. Si può fare la prova stuzzicadenti come per le torte! 😉

Eccoli qua! 👍🏼

Ed eccoli qui! 😊😊😊

Cupcakes salate

Si possono servire così oppure come delle cupcakes salate preparando una crema con le melanzane che son avanzate, formaggio spalmabile (lattosio 0,1%), prezzemolo tritato e pepe nero.

CONSIGLI:

Verdure: ci sta bene qualsiasi verdura! Potete divertirvi con la vostra fantasia. 😉 Consiglio zucchine e gorgonzola, zucchine e gamberetti, asparagi e gamberetti, asparagi e salmone, peperoni e tonno, zucchine pancetta e gorgonzola, zucca e prosciutto oppure con piselli anche se io non li mangio.

Gamberi in padella

Gamberi in padella

Mia mamma dice sempre che le cose più semplici son le cose più buone… E io non posso che darle ragione! 😉

I gamberi in padella son semplici da cucinare, buonissimi e fanno la loro figura in tavola!

Poi non hanno nemmeno lattosio, quindi noi intolleranti possiamo mangiarli senza problemi!

Ecco la ricetta! 😊

INGREDIENTI:

  • 1 kg di gamberi
  • Aglio q.b.
  • Olio extravergine di oliva q.b.
  • Prezzemolo q.b.
  • Brandy q.b.
  • Peperoncino q.b.
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

Lavare attentamente i gamberi e lasciarli scolare per bene.

Adagiarli in una padella capiente, aggiungere l’aglio (io taglio lo spicchio a metà e poi lo tolgo), il sale fino e l’olio extravergine di oliva e rosolare bene. Sfumare con il brandy e far cucinare per un altro paio di minuti aggiungendo anche il peperoncino.

Togliere dal fuoco e aggiungere il prezzemolo tritato.

Servire caldi! 😉

CONSIGLI:

Stavolta non ho messo le dosi dei vari condimenti perché io vado ad occhio e anche perché ognuno di noi li mette in dosi diverse in base ai propri gusti. Io ad esempio uso pochissimo aglio (non lo digerisco) ma abbondo tantissimo col peperoncino! 😉

Cocktail di gamberi

Il cocktail di gamberi è ormai diventato un classico della cucina italiana.

È semplice da fare (la salsa rosa si prepara a crudo) e può essere presentato in modo molto carino. A me piace moltissimo il sapore e lo preparo spesso.

Per la salsa rosa ho utilizzato la panna da cucina a ridotto contenuto di lattosio (0,01) della Granarolo che non dovrebbe dare problemi alla maggior parte degli intolleranti. Se siete in disintossicazione potete sostituire con una qualsiasi panna vegetale.

Ecco la ricetta!

INGREDIENTI:

  • 1 confezione di gamberetti sgusciati
  • 6 cucchiai di panna a ridotto contenuto di lattosio (o vegetale)
  • 6 cucchiai di ketchup
  • 6 cucchiai di maionese
  • 2 cucchiaini di brandy
  • 2 cucchiaini di salsa Worcester
  • 2 cucchiaini di salsa Tabasco
  • Lattuga (per guarnire)

PREPARAZIONE:

Sbollentare i gamberetti, scolarli e lasciarli raffreddare.

Per la salsa rosa, mescolare la panna a ridotto contenuto di lattosio con il ketchup e la maionese. Aggiungere il brandy, la Worcester e il Tabasco e mescolare bene.

Aggiungere i gamberi e mescolare bene.

Lavare la lattuga, asciugarla bene, tagliarla sottile e aggiungerla ai gamberi in salsa rosa. Coprire bene e lasciare riposare in frigo.

Guarnire il cocktail di gamberi con foglie di lattuga e/o radicchio e servire freddo.

Pangrattato speziato

Pangrattato speziato…

Oggi non vi voglio proporre la solita ricetta ma svelare uno dei miei barbatrucchi in cucina: il pangrattato speziato! Mi permette di dare un sapore particolare ai cibi e, soprattutto, di utilizzare meno formaggio! Lo utilizzo in sostituzione di parte del formaggio grattugiato nelle parmigiane di zucchine e di melanzane, quando devo gratinare qualcosa e ne aggiungo un po’ anche nella pasta con verdure (melanzane, zucchine o peperoni) e nelle torte salate.

Ne preparo due versioni; la prima più delicata è la versione mediterranea dove utilizzo le nostre erbette tipiche come alloro, salvia, rosmarino, menta e peperoncino. E la seconda, dal gusto più deciso, è la versione orientale con curcuma, paprika piccante, cumino, pepe nero e un pizzico di menta secca.

Vi ricordo che in questa preparazione non è presente il lattosio quindi noi intolleranti possiamo consumare il pangrattato speziato senza problemi.

Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

Versione mediterranea

  • 6 cucchiai colmi di pangrattato
  • 2 foglie di alloro
  • 2 foglie di basilico
  • 2 foglie di salvia
  • 1 rametto di rosmarino
  • 2 foglioline di menta fresca
  • 1 rametto di timo
  • Peperoncino q.b.
  • Sale fino q.b.

Versione orientale:

  • 6 cucchiai colmi di pangrattato
  • 1 cucchiaino di curcuma in polvere
  • 1 cucchiaino di cumino
  • Menta secca q.b.
  • Paprika piccante q.b.
  • Pepe nero q.b.
  • Sale fino q.b.

PREPARAZIONE:

Trito di erbette

Lavare e asciugare bene le erbette (o le spezie). Tritarle molto bene e metterle in una ciotola. Aggiungere il pangrattato, un pizzico di sale fino e mescolare bene.

CONSIGLI:

Ho scritto le due versioni con le erbe e le spezie che mi piacciono di più o che ho in dispensa o nell’orto. Ma potete utilizzare quelle che preferite oppure fare un mix delle due versioni.

Dado vegetale

Dado vegetale…

Oggi è una di quelle (bellissime) giornate di maestrale dove le temperature si sono abbassate di almeno 10°C… E mi ha fatto capire che l’estate ormai sta giungendo alla fine. Avremo ancora delle sorprese e dei giorni di caldo e di mare ma sento già l’autunno che arriva! Yeeah! 😉 Quindi oggi, complice l’orto in piena produzione, ho deciso di preparare un po’ di provviste per autunno e inverno. Ed ecco allora l’idea del dado vegetale. 😉 Io lo utilizzo al posto del dado che si trova in commercio e trovo che oltre ad essere più sano e genuino, abbia un sapore più intenso e particolare. È composto da diverse verdure e in proporzione si aggiunge il sale che fa da conservante. Vi consiglio di attenervi alle dosi che utilizzo io perché son già bilanciate con il peso del sale… Se volete variare le verdure fatelo all’interno delle macroclassi (da 250 gr o da 100 gr) senza variare il peso totale. Vi faccio un esempio… La ricetta prevede 250 gr di cipolla e 250 gr di pomodoro… Se volete mettere più pomodoro (esempio 300 gr) dovete diminuire i grammi della cipolla che saranno 200. Stessa cosa per le verdure da 100 gr. Per avere 120 gr di basilico ad esempio, dovete mettere solo 80 gr di prezzemolo. Ma non preoccupatevi! È più difficile da spiegare che non da fare! 😉

Seconda raccomandazione: il peso delle verdure è quello effettivo con le verdure già pronte da frullare… Quindi senza buccia e/o semi e senza scarti. Le verdure devono essere già lavate e asciugate per bene.

Ovviamente in questo caso non è presente nessun alimento contenente lattosio; gli intolleranti al lattosio possono utilizzare il dado vegetale senza problemi.

Ecco la ricetta! 😉

INGREDIENTI:

  • 250 gr di pomodori
  • 250 gr di cipolle
  • 250 gr di carote
  • 100 gr di basilico
  • 100 gr di prezzemolo
  • 100 gr di sedano
  • 1 spicchio d’aglio
  • 1 foglia di alloro
  • 1 foglia di salvia
  • 1 rametto di rosmarino
  • 1 rametto di timo
  • 2 foglioline di menta fresca
  • 250 gr di sale fino

PREPARAZIONE:

Le verdure

Lavare bene il basilico, il prezzemolo, il sedano, l’alloro, la salvia, il rosmarino, il timo, la menta e stenderle sopra una tovaglia in modo che asciughino bene.

Lavare i pomodori, privarli della buccia e pesarli mettendoli in un recipiente capiente. Fare la stessa cosa con le carote, le cipolle e lo spicchio d’aglio. Pesare il sale fino e tenerlo pronto.

Con l’ausilio di un robot da cucina (o del Bimby) frullare tutte le verdure insieme, aggiungere il sale e mescolare bene. Successivamente riporre il dado vegetale nei vasetti di vetro e chiudere bene. Tenere in un posto fresco e asciutto sino al loro utilizzo.

Non è necessario congelare o tenere in frigo perché il quantitativo di sale fa già da conservante.

CONSIGLI:

Il dado vegetale può essere utilizzato per tantissimi piatti. Io lo aggiungo a tutti i risotti, alle verdure, alla carne stufata, agli spezzatini, al pesce e ne metto un cucchiaino anche nel sugo.

Ricordatevi solo di non eccedere col sale! Il dado vegetale contiene già un quantitativo di sale sufficiente a molti piatti.